evento

Conferenza stampa NoMuos/NoNato

5 aprile 2019
ore 10:30 (Durata: 2 ore)

Conferenza stampa NoMuos/NoNato venerdì 5 aprile
alle ore 10,30 in via Finocchiaro Aprile 160 (c/o LILA)

A 70 anni dalla costituzione della NATO minacciosi venti guerra spirano nel Mediterraneo, in Medioriente e nel versante Est dell’Europa, mentre nuovi muri d’apartheid blindano la Fortezza Europa per impedire le migrazioni e sostenere un nuovo genocidio di migranti in Libia.
In molte città italiane ci saranno iniziative e la Sicilia sta diventando sempre più un perno indispensabile per le nuove politiche di guerra degli Usa e della Nato.
Il 4 aprile si terrà in Corte d'Appello di Catania l'udienza del processo penale riguardante la violazione del vincolo d'inedificabilità assoluta esistente sull'area di realizzazione del MUOS di Niscemi, mentre innanzi al Tribunale di Gela si celebrerà l'udienza di uno degli innumerevoli processi intentati contro gli attivisti che hanno tentato di difendere i valori costituzionali del ripudio della guerra, l'ambiente e la salute dei cittadini. Processo nel quale si è costituito parte civile il Ministero dell'Interno che chiede agli attivisti No MUOS il risarcimento per danno all'immagine.
Il 5 maggio in molte città europee e nordafricane verrà raccolto l’appello promosso da Caravana Abriendo Fronteras (venuti in 300 in Sicilia nel luglio scorso) per organizzare dal basso un grande abbraccio fra i popoli per smilitarizzare il Mediterraneo, per costruire nuovi ponti di Solidarietà e per liberarci dalle guerre e dal razzismo.
Comitato NoMuos/NoSigonella

https://www.nomuos.info/mobilitiamoci-in-occasione-della-giornata-inter-nazionale-del-4-aprile-contro-le-basi-usa-e-nato/

https://www.petizioni.com/4_aprile_contro_gli_euromissili

documentazione 5 maggio:
https://5m5.eu/wp-content/uploads/2019/01/artea_it.pdf



Livorno: https://www.facebook.com/events/556502764834333/
Napoli: https://www.facebook.com/events/1215556915295188/


Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: A Viareggio muore don Beppe Socci, dopo aver speso una vita accanto agli ultimi e aver lottato, senza clamori, per una umanità semplice e nonviolenta

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)