evento

MAFIA e Impresa

6 maggio 2019
ore 18:00 (Durata: 2 ore)

L’investimento delle mafie nelle imprese del Nord Italia viene ancora considerato un fenomeno del tutto residuale, dal carattere meramente economico, ma così non è. La sottovalutazione dell’essenza criminale sia dei capitali investiti che dei metodi di conduzione dell’attività economica da parte di esponenti delle organizzazioni mafiose ha portato molte attività imprenditoriali negli ultimi anni a stringere alleanze, sia per aumentare il fatturato sia per salvarsi da un periodo di crisi.

Qual è quindi il rapporto tra mafia e impresa? E quanto contano i soldi delle mafie nell’economia legale oggi? Ne discuteremo con 1️⃣ la Prof.ssa Stefania Pellegrini, autrice del libro “L’Impresa grigia” e direttrice del Master in “Gestione e riutilizzo dei beni e aziende confiscati alle mafie. Pio La Torre” dell’Università di Bologna, nonché Responsabile della Formazione di Libera Emilia-Romagna, 2️⃣ il prof. Rocco Sciarrone dell’Università di Torino, autore di diverse pubblicazioni sul rapporto mafia e impresa e sulla c.d. area grigia, e 3️⃣ la dott.ssa Alessandra Dolci, procuratore aggiunto a capo della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano.

Introduce ➡️ Michele Polo, professore ordinario di economia dell’Università Bocconi e referente per la Bocconi della Convenzione interuniversitaria stipulata da Libera con 7 atenei milanesi.

Moderano l’incontro ➡️ Pierpaolo Farina, dottorando in Studi sulla Criminalità Organizzata e ideatore di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, ed ➡️ Eleonora Montani, prof.ssa di criminologia dell’Università Bocconi.

Appuntamento

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)