evento

Giornata Annullo Filatelico Per Giorgio

25 gennaio 2020
ore 09:00 (Durata: 2 ore)
Via Anfiteatro, 4, Taranto (TA)
Sala Lacaita - Provincia di Taranto

il 25 gennaio ricorre il primo anno della scomparsa di Giorgio Di Ponzio. Per non dimenticare, per non accettare come normalità la perdita di una giovane vita, per un tumore legato all' inquinamento. Ma nel contempo ritrovare la forza per lottare e fare qualcosa di più per i nostri bambini. nell' arco della mattinata dedicata, potrete avere modo di ascoltare la mission della Fondazione per la ricerca oncologica pediatrica. Conoscere il perché è tanto necessaria farla e cosa la nostra esperienza ci ha portato a dover imparare. Crediamo che condivisione e divulgazione del problema possa essere un punto di inizio per porre le basi per risolvere alcune problematiche. Nel corso della mattina potrete ammirare un' esposizione dell' associazione Clam Internetional con le opere degli artisti : Piero Nardelli, Schiro, Domenico Campagna, Carmen Manco, Giuseppe De Simone.L’esposizione vuole essere un’occasione per offrire stimoli di riflessione sulle tematiche che consciamente e inconsciamente hanno influenzato il sentire degli artisti che vivono le questioni del territorio. La disillusione e la speranza, la fiducia nello sviluppo industriale e il disastro ambientale, il dolore della malattia e la consolazione della solidarietà: l’arte rivela la verità delle emozioni più profonde di una comunità che deve andare avanti a raccontare la storia del proprio tempo
In memoria di Giorgio
Le piacevoli note del violino di Arianna Latartara, Il pianoforte di Antonella Palmisano e la chitarra di Livio grasso ci accompagneranno rendendo l' atmosfera unica.
Avrete l' opportunità di ritirare una cartolina disegnata per questa occasione dedicata ai nostri Angeli.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: A Viareggio muore don Beppe Socci, dopo aver speso una vita accanto agli ultimi e aver lottato, senza clamori, per una umanità semplice e nonviolenta

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)