Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    "La Nostra Associazione ha pensato di fare qualcosa di più grande, per cercare di arrivare lontane. Da mamme, da donne, da esseri umani non potevamo più stare ferme a guardare senza fare niente, e dall’unione della nostra impotenza e profonda sofferenza è nato il nostro progetto TMT for Siria“.
    27 maggio 2018 - Roberto Del Bianco
  • OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"
    Gli ispettori inviati dall'ONU e che indagano sull'uso di armi chimiche non hanno addossato la responsabilità ad alcuna delle parti in conflitto

    OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"

    Le analisi si riferiscono ad un evento accaduto a febbraio a Saraqueb, città che dista 290 chilometri rispetto a Duma, sito dove è stato sospettato un attacco chimico ad aprile di quest'anno
    17 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • La sfida all'Iran
    L'alleato Saudita di Trump coglie l'occasione per diventare una potenza atomica

    La sfida all'Iran

    Fatta la pace con la Corea del Nord, Trump apre un nuovo fronte di scontro nucleare con l'Iran
    12 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Nuovo attacco militare contro la Siria
    Grave violazione del diritto internazionale

    Nuovo attacco militare contro la Siria

    Protagonista del nuovo attacco è Israele che ha lanciato missili contro postazioni militari iraniane in Siria. In questo clima incandescente il movimento per la pace deve far risentire la propria voce prima che questo vulcano esploda provocando una ulteriore escalation per fini geopolitici che nulla hanno a che fare con la tutela della pace e dei diritti umani.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
Congresso Nazionale del Kurdistan

Non restiamo in silenzio

Reagiamo contro la guerra nei confronti del Kurdistan
28 aprile 2006
Fonte: Uiki Onlus - Ufficio d'Informazione del Kurdistan in Italia
http://www.uikionlus.com/modules.php?name=News&file=article&sid=367

Le operazioni militari si susseguono in Kurdistan e l’esercito turco ha, del resto, esteso le divisioni blindate nel Kurdistan meridionale, sulle frontiere irachene e iraniane. 250.000 soldati sono stati collocati nelle regioni di Yüksekova, Semdinli, Cukurca e Sirnak in vista di un intervento militare. Il quartier generale delle forze terrestri è stato, secondo informazioni vicine ai centri militari, trasferito da Ankara alla regione di Gabar – Sirnak, in modo tale da trovarsi più vicino alle operazioni.

Lo Stato Maggiore avrebbe dichiarato, dopo la stampa turca, che l’Iran, la Siria e gli Stati del fronte anti-kurdo, avrebbero deciso di dare il loro sostegno all’esercito turco. Le forze militari iraniane da una settimana non sospendono i bombardamenti diretti ai campi delle forze popolari kurde (HPG). Queste operazioni congiunte turco-iraniane, in offensiva ai governi attuali dell'Irak e del Kurdistan meridionale, mirano a sterminare le forze popolari di difesa che lottano per la libertà del Kurdistan (HPG).

Il procuratore di Van, Ferhat Sarikaya, è stato di recente radiato per aver dichiarato, nell’ambito della sua inchiesta, che gli attentati di Semdinli contro dei civili, sono stati eseguiti dall’esercito terrestre turco e dalla polizia e che la responsabilità ricade sul comando militare. La Turchia è l’unico Paese dove un procuratore può essere radiato al di fuori del quadro dell’inchiesta di cui è accusato, atto che mostra che la giustizia è strumentalizzata dall’esercito che dal canto suo rimane un tabù in un regime militarizzato.

Lo stato turco ha causato la morte di 15 persone di cui 3 bambini dopo le celebrazioni del Newroz, la festa nazionale del popolo kurdo. Dopo la repressione che n’è seguita, centinaia di persone sono state ferite e torturate, tra cui 80 sono tuttora guardate a vista.

La nuova legge del terrore, votata a richiesta dall’esercito, limita il diritto d’espressione e di manifestazione, come quello della libertà di stampa e di associazione. Allo stesso modo, questa legge annulla alcune riforme che erano sorte nella prospettiva dell’adesione della Turchia all’Unione Europea, mostrando come la Turchia non ha rinunciato alla sua politica di negazione che mira all’annientamento della Questione Kurda.

La Turchia - il governo e il suo esercito - si è alleata agli stati iraniano e siriano per realizzare la guerra globale al popolo kurdo che lotta per la libertà. Questa guerra condotta senza rispetto dei principi, di una parte disuguale, sarà devastatrice e porterà il caos.

E’ di tutti la responsabilità di dire « NO » a questa guerra che la Turchia vuole condurre contro il popolo kurdo. Ci appelliamo all’Unione Europea, al Consiglio d’Europa, agli Stati Uniti, alle Nazioni Unite, alle ONG, all’opinione pubblica, pregandoli di non rimanere in silenzio di fronte agli attacchi diretti contro la pace e la democrazia.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)