Conflitti

Congresso Nazionale del Kurdistan

Non restiamo in silenzio

Reagiamo contro la guerra nei confronti del Kurdistan
28 aprile 2006
Fonte: Uiki Onlus - Ufficio d'Informazione del Kurdistan in Italia
http://www.uikionlus.com/modules.php?name=News&file=article&sid=367

Le operazioni militari si susseguono in Kurdistan e l’esercito turco ha, del resto, esteso le divisioni blindate nel Kurdistan meridionale, sulle frontiere irachene e iraniane. 250.000 soldati sono stati collocati nelle regioni di Yüksekova, Semdinli, Cukurca e Sirnak in vista di un intervento militare. Il quartier generale delle forze terrestri è stato, secondo informazioni vicine ai centri militari, trasferito da Ankara alla regione di Gabar – Sirnak, in modo tale da trovarsi più vicino alle operazioni.

Lo Stato Maggiore avrebbe dichiarato, dopo la stampa turca, che l’Iran, la Siria e gli Stati del fronte anti-kurdo, avrebbero deciso di dare il loro sostegno all’esercito turco. Le forze militari iraniane da una settimana non sospendono i bombardamenti diretti ai campi delle forze popolari kurde (HPG). Queste operazioni congiunte turco-iraniane, in offensiva ai governi attuali dell'Irak e del Kurdistan meridionale, mirano a sterminare le forze popolari di difesa che lottano per la libertà del Kurdistan (HPG).

Il procuratore di Van, Ferhat Sarikaya, è stato di recente radiato per aver dichiarato, nell’ambito della sua inchiesta, che gli attentati di Semdinli contro dei civili, sono stati eseguiti dall’esercito terrestre turco e dalla polizia e che la responsabilità ricade sul comando militare. La Turchia è l’unico Paese dove un procuratore può essere radiato al di fuori del quadro dell’inchiesta di cui è accusato, atto che mostra che la giustizia è strumentalizzata dall’esercito che dal canto suo rimane un tabù in un regime militarizzato.

Lo stato turco ha causato la morte di 15 persone di cui 3 bambini dopo le celebrazioni del Newroz, la festa nazionale del popolo kurdo. Dopo la repressione che n’è seguita, centinaia di persone sono state ferite e torturate, tra cui 80 sono tuttora guardate a vista.

La nuova legge del terrore, votata a richiesta dall’esercito, limita il diritto d’espressione e di manifestazione, come quello della libertà di stampa e di associazione. Allo stesso modo, questa legge annulla alcune riforme che erano sorte nella prospettiva dell’adesione della Turchia all’Unione Europea, mostrando come la Turchia non ha rinunciato alla sua politica di negazione che mira all’annientamento della Questione Kurda.

La Turchia - il governo e il suo esercito - si è alleata agli stati iraniano e siriano per realizzare la guerra globale al popolo kurdo che lotta per la libertà. Questa guerra condotta senza rispetto dei principi, di una parte disuguale, sarà devastatrice e porterà il caos.

E’ di tutti la responsabilità di dire « NO » a questa guerra che la Turchia vuole condurre contro il popolo kurdo. Ci appelliamo all’Unione Europea, al Consiglio d’Europa, agli Stati Uniti, alle Nazioni Unite, alle ONG, all’opinione pubblica, pregandoli di non rimanere in silenzio di fronte agli attacchi diretti contro la pace e la democrazia.

Articoli correlati

  • Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita
    Disarmo
    Turchia

    Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita

    Quando si vendono e si comprano armamenti, petrolio e gas, il manicheo rituale “buoni/cattivi” e “amici/nemici” viene messo elegantemente da parte
    23 luglio 2019 - Rossana De Simone
  • Iran: lettori avete ragione, giornali e Rai non sono credibili
    Conflitti
    La stessa Germania, come documenta Der Spiegel, è irritata dalle sanzioni Usa

    Iran: lettori avete ragione, giornali e Rai non sono credibili

    Gli Usa stanno strangolando l’economia iraniana con le sanzioni, nonostante Teheran abbia rispettato gli accordi sul nucleare del 2015
    12 maggio 2019 - Alberto Negri
  • Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta
    Consumo Critico
    In Siria la bicicletta ha un significato speciale

    Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta

    Le due ruote possono servire per combattere incredibili battaglie, avviare processi democratici, smontare l’ordine tradizionale delle cose, contribuire a rendere l’aria più respirabile. E se si è donna, in bici, per le strade siriane si testimonia una reale volontà di cambiamento
    8 gennaio 2019 - Fulvia Gravame
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)