Conflitti

Comunicato stampa di Congolese Action for Peace and Democracy

Dopo l'incendio della Corte Suprema di Giustizia a Kinshasa, avvenuta martedì 22 novembre, La signora Marie Thérèse Landu, avvocato difensore, è stata arrestata dagli agenti di sicurezza nella capitale della Repubblica democratica del Congo.
25 novembre 2006
Tradotto da per PeaceLink

Vista la libertà pubblica garantita agli avvocati dalla Costituzione del dicembre 2005

Vista la dichiarazione universale dei diritti dell'uomo

Visto il patto sui diritti civili e politici

Azione congolese per la pace e la democrazia dichiara questo arresto dell'avvocato difensore Landu Marie Thérèse una misura anticostituzionale.

L`organizzazione chiede la liberazione senza condizioni della signora Landu, che in questo momento è privata di ogni libertà di movimento e di espressione, oltre che di tutti i suoi diritti civili nel proprio paese.

Si auspica un intervento del Comitato internazionale di appoggio alla transizione, della Missione ONU nella Repubblica democratica del Congo e delle Organizzazioni nazionali e internazionali per la difesa dei diritti dell'uomo , che consenta agli avvocati di lavorare liberamente e senza inquietudini nel paese.

Scritto a Bukavu il 23 novembre 2006

Madame Fifi Wassassya
Segretaria amministrazione progetti
Congolese Action for Peace and Democracy
http://www.capd-rdc.org

Note: Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità
    Latina
    Honduras

    Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità

    Lo Stato honduregno si dichiara responsabile dell’esecuzione sommaria di Herminio Deras e di decenni di violenze contro la sua famiglia
    19 maggio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Sei anni... con Berta
    Latina
    Honduras

    Sei anni... con Berta

    Nuovo anniversario in un nuovo contesto sociopolitico
    3 marzo 2022 - Giorgio Trucchi
  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”
    Sociale
    Sabato 9 ottobre alle ore 11 a Roma in piazza Santi Apostoli presidio del comitato 9 Ottobre

    “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”

    Presidio convocato dai parenti delle vittime di stragi come Vajont, Viareggio, ponte Morandi, Moby Prince e anche dai familiari dei morti sul lavoro e da tutte le associazioni che li sostengono. La Giornata nazionale è stata istituita sul ricordo della strage del Vajont del 9 ottobre 1963.
    9 ottobre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)