Conflitti

Erdoğan dopo l’incontro con Scholz

“Il vertice di Antalya è stato un successo importante”

16 marzo 2022
Tradotto da Laura Zacchi per PeaceLink
Fonte: Hürriyet - 14 marzo 2022

Olaf Scholz e Recep Tayyip Erdoğan al vertice di Antalya

Il presidente Recep Tayyip Erdoğan e il cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno rilasciato dichiarazioni alla conferenza stampa congiunta che ha fatto seguito al loro colloquio. Sottolineando l’intenzione di continuare a fornire aiuti umanitari all’Ucraina, Erdoğan ha dichiarato: “La Turchia ha continuato a dare sostegno all’Ucraina, a differenza di quanto hanno fatto i paesi della NATO”.

Non solo. “Abbiamo già inviato 50 camion all’Ucraina e ne invieremo altri”, ha continuato, confermando l’impegno della Turchia a portare avanti i colloqui con Mosca e Kiev per un cessate il fuoco: “In seguito ai nostri sforzi, i ministri degli Esteri russo e ucraino hanno incontrato il nostro ministro degli Esteri ad Antalya. Questo incontro, che ha avuto luogo nel bel mezzo di un conflitto, può essere definito una vittoria diplomatica. Il vertice di Antalya è stato un successo importante”. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha espresso la sua gratitudine alla Turchia per aver applicato la Convenzione di Montreux, che prevede la chiusura degli stretti dei Dardanelli e del Bosforo e impedisce di fatto il passaggio di navi militari russe nel Bosforo.

Erdoğan ha sottolineato l’importanza di mantenere una stretta cooperazione e dialogo con la Germania, affermando che il colloquio con Scholz non si è limitato alla discussione di questioni regionali, ma si è anzi concentrato sul conflitto Russia-Ucraina, di importanza mondiale. Di seguito le dichiarazioni del presidente Erdoğan:

“Il cancelliere della nostra amica e alleata Germania è venuto per la prima volta in visita in Turchia. Le relazioni tra Turchia e Germania sono forti e dinamiche, e in quanto a intensità non hanno eguali. Nell’ambito del nostro colloquio abbiamo discusso aspetti politici, commerciali e culturali, ma ci siamo concentrati, con notevoli sviluppi, principalmente sul conflitto Russia-Ucraina, che non fa parte soltanto della nostra agenda regionale, ma è di rilevanza mondiale. Essendo entrambi i nostri Paesi alleati della NATO, nutriamo forti preoccupazioni”.

Obiettivo commerciale: 50 miliardi di dollari

“La Germania è il primo partner commerciale della Turchia nelle esportazioni e il secondo nelle importazioni. Nel 2021 il nostro volume di interscambio ha superato i 41 miliardi di dollari e siamo determinati a raggiungere i 50 miliardi di dollari”.

“Continueremo a incoraggiare i turchi-europei”

“Diamo molto valore alla dimensione umana, uno dei perni fondamentali sui quali si basano le nostre relazioni. Il turismo straniero in Turchia è costituito in larga parte da cittadini provenienti dalla Federazione Russa, seguiti da cittadini provenienti dalla Germania, ed è proprio con quest’ultima che desideriamo rafforzare le relazioni. Lo scorso anno abbiamo festeggiato il VX anniversario della forza lavoro turco-tedesca. Özlem Türeci e Uğur Şahin (fondatori dell’azienda tedesca BioNTech, NdT) sono stati motivo di orgoglio sia per la Germania che per la Turchia nella lotta contro l'epidemia. D’ora in poi continueremo a incoraggiare i turchi-europei in ogni campo.

La Germania è indiscutibilmente uno dei paesi leader dell'UE. Credo che con l’aiuto dei rappresentanti tedeschi le relazioni Turchia-UE si evolveranno ulteriormente. L'università turco-tedesca di Istanbul è per noi un serio trampolino di lancio in tal senso. Ne abbiamo discusso anche con il Cancelliere, insistendo sull’importanza di istituire al più presto un'università turco-tedesca in Germania, anche allo scopo di ridurre il divario ideologico. Di questo si occuperanno i nostri rappresentanti speciali İbrahim Kalın e Çağatay Bey”.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz si dice d’accordo sul cessate il fuoco

“Come Cancelliere, sono contento di venire per la prima volta in visita in Turchia. Il presidente Erdoğan e io abbiamo parlato a lungo: questo non può che comprovare i nostri buoni rapporti. L’attacco della Russia all’Ucraina sta continuando, ogni giorno apprendiamo nuove terribili notizie sulla sofferenza del popolo ucraino, proviamo dolore per le persone che hanno perso la vita e per le città distrutte. Siamo entrambi d’accordo sul raggiungimento di un cessate il fuoco il prima possibile. Deve essere garantito un corridoio sicuro per i civili in fuga. Ogni giorno, missile dopo missile, la Russia si allontana sempre di più dalla comunità internazionale. Facciamo appello al leader russo: fermati.

Tradotto da Laura Zacchi, revisione di Giacomo Alessandroni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: Son dakika: Scholz görüşmesi sonrası kritik mesaj: Antalya zirvesi önemli bir başarı

Articoli correlati

  • Poesie contro la guerra
    Cultura
    Da stampare e distribuire ovunque

    Poesie contro la guerra

    Portare la cultura della pace fra la gente con una poesia è una delle cose più belle e significative che possiamo fare oggi
    23 febbraio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Opinione pubblica europea critica sul ruolo dell'UE nella guerra in Ucraina
    Europace
    Sondaggio di YouGov e Datapraxis condotto in 12 Stati europei

    Opinione pubblica europea critica sul ruolo dell'UE nella guerra in Ucraina

    Il sondaggio è stato commissionato dall'European Council on Foreign Relations (ECFR), un think tank europeo nato per favorire lo sviluppo di una politica estera efficace e coerente fondata su valori europei.
    24 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Che sta combinando l’Occidente?
    Conflitti
    L’offensiva russa in Ucraina

    Che sta combinando l’Occidente?

    Dopo due anni di resistenza alla guerra di aggressione russa, le prospettive per il popolo ucraino sono pessime. Udo Knapp fa il punto della situazione
    23 febbraio 2024 - Udo Knapp
  • L'Ucraina e il fallimento della "guerra giusta"
    Editoriale
    Inizia il terzo anno di guerra

    L'Ucraina e il fallimento della "guerra giusta"

    I parolai della cosiddetta "guerra giusta" e della "vittoria" ora si trovano di fronte ai frutti avvelenati di una retorica controproducente che sta portando l'Ucraina a incassare sconfitta dopo sconfitta, con un costo umano elevatissimo fra i soldati ucraini e diserzioni crescenti.
    23 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)