Conflitti

Arrivano senza sosta comunicati ed appelli da Organizzazioni e istituzioni pacifiste mondiali

La guerra in corso non infiammi il pianeta!

"Come premi Nobel per la pace rifiutiamo la guerra e le armi nucleari. Chiediamo a tutti i nostri concittadini del mondo di unirsi a noi nella protezione del nostro pianeta, casa per tutti noi, da coloro che minacciano di distruggerlo."
18 marzo 2022

Atomica Arrivano senza sosta comunicati ed appelli da Organizzazioni e istituzioni pacifiste mondiali. Nelle varie mailing list riservate è un rincorrere incessante di documenti e link, il timore crescente di un conflitto globale scavalca tragicamente le notizie edulcorate dei media mainstream.


Anche dai Premi Nobel per la Pace assegnatari negli anni passati arriva un accorato appello: poiché il rischio nucleare - non più di deterrenza ma con la crescente spinta all'uso nelle prospettive degli Stati possessori - diventa via via reale coll'acuirsi del conflitto in corso.

"Come premi Nobel per la pace rifiutiamo la guerra e le armi nucleari. Chiediamo a tutti i nostri concittadini del mondo di unirsi a noi nella protezione del nostro pianeta, casa per tutti noi, da coloro che minacciano di distruggerlo.

L'invasione dell'Ucraina ha creato un disastro umanitario per il suo popolo. Il mondo intero sta affrontando la più grande minaccia della storia: una guerra nucleare su larga scala, in grado di distruggere la nostra civiltà e causare vasti danni ecologici in tutta la Terra.

Chiediamo un cessate il fuoco immediato e il ritiro di tutte le forze militari russe dall'Ucraina, e tutti gli sforzi possibili nel dialogo per prevenire questo disastro finale.

Chiediamo alla Russia e alla NATO di rinunciare esplicitamente a qualsiasi uso di armi nucleari in questo conflitto e chiediamo a tutti i paesi di sostenere il trattato sulla proibizione delle armi nucleari per garantire che non affrontiamo mai più un momento simile di pericolo nucleare."

Sembra già lontana la passata soddisfazione per l'approvazione del TPAN! E adesso è ancora più urgente l'adesione!

"Il momento di vietare ed eliminare le armi nucleari è ora. È l'unico modo per garantire che gli abitanti del pianeta siano al sicuro da questa minaccia esistenziale. O è la fine delle armi nucleari o la fine di noi. Rifiutiamo la governance attraverso l'imposizione e le minacce e sosteniamo il dialogo, la convivenza e la giustizia. Un mondo senza armi nucleari è necessario e possibile, e insieme lo costruiremo. È urgente dare una possibilità alla pace."

 

L'appello è stato sottoscritto dai Premi Nobel (tra parentesi l'assegnazione):

  • American Friends Service Committee (1947)
  • His Holiness The Dalai Lama (1989)
  • Leymah Gbowee (2011)
  • International Campaign to Abolish Nuclear Weapons (2017)
  • International Peace Bureau (1910)
  • International Physicians for the Prevention of Nuclear War (1985)
  • Tawakkul Karman (2011)
  • Pugwash Conference on Science and World Affairs (1995)
  • Kailash Satyarthi (2014)
  • Lech Walesa (1983)
  • Jody Williams (1997)
  • Muhammad Yunus (2006)


 

IPPNW Logo E' ugualmente importante il comunicato congiunto dei medici russi ed ucraini aderenti a IPPNW, l'Organizzazione mondiale dei medici per la prevenzione della guerra nucleare.

"Il conflitto tra Russia e Ucraina continua, portando a vittime umane. E in caso di escalation del conflitto potrebbe causare conseguenze più gravi, coinvolgimento di altri Paesi, impianti nucleari e persino un confronto nucleare.

È una grande tragedia nel centro dell'Europa causata dall'incapacità delle autorità di parlarsi e capirsi e che desiderano avere benefici unilaterali per un Paese senza prendere in considerazione i diritti e la sicurezza di altri Paesi.

Il lavoro di qualsiasi medico in questo mondo è strettamente correlato ai principi di uguaglianza e di approccio non giudicante nel loro lavoro. La recente pandemia di COVID-19 ha dimostrato a tutti quanto possano essere vulnerabili gli operatori sanitari mentre i sistemi sanitari vengono sopraffatti da un disastro su tale scala. Malattia, morte e burnout diffusi tra gli operatori sanitari hanno sottolineato la necessità di importanti reinvestimenti di tempo, denaro e risorse per educare e preparare professionisti competenti e qualificati nel campo della medicina."

Sembra incredibile quanto stia accadendo nelle regioni dell'Est europeo:

"Russia e Ucraina sono state strettamente collegate tra loro fin dall'inizio della loro storia. È difficile trovare una persona in Russia che (o i cui amici) non abbia parenti in Ucraina. Entrambi i Paesi fanno parte dell'Europa orientale e condividono stretti legami economici e culturali. Tutti questi fatti fanno sentire tutti i medici molto più preoccupati per l'attuale situazione nella regione. E la più pericolosa di tutte le possibili minacce è, naturalmente, quella nucleare.

Siamo profondamente consapevoli delle conseguenze umanitarie dei disastri nucleari per la salute, l'ambiente e il clima. La guerra nucleare potrebbe mettere in pericolo tutta la civiltà umana. Anche una singola detonazione nucleare causerebbe centinaia di migliaia di morti e le conseguenze a lungo termine durerebbero per decenni. Gli ospedali sarebbero distrutti e il personale medico ucciso o ferito. Non esiste una cura per le vittime di una guerra nucleare. Non c'è niente che i servizi medici possano fare per aiutare le persone. L'unica opzione è la prevenzione.

In un mondo che non solo ha sofferto le conseguenze per la salute della pandemia, ma anche l'isolamento e la divisione tra persone, famiglie, comunità e intere nazioni, l'uso di armi nucleari sarebbe la minaccia finale per il sistema sanitario e per tutta l'umanità. È giunto il momento di agire ora e fare tutto il possibile per salvare vite umane e trovare un modo saggio per collaborare.

Chiediamo alle autorità delle parti che si confrontano e alle autorità statunitensi di fare di tutto per accelerare negoziati costruttivi ed efficaci per stabilire la pace in Ucraina al fine di salvare la vita del popolo ucraino e russo."

 

Dal Comitato Internazionale della Croce Rossa

ICRC International Committee of Red Cross

"Cinque anni fa in questo mese, mentre gli Stati iniziavano i negoziati per il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, l'ICRC ha ricordato che 'le armi nucleari sono l'arma più terrificante mai inventata. Sono uniche nel loro potere distruttivo, nelle indicibili sofferenze umane che provocano e nell'impossibilità di controllarne gli effetti nello spazio e nel tempo. Minacciano danni irreversibili all'ambiente e alle generazioni future. In effetti, minacciano la sopravvivenza stessa dell'umanità'."

E', questo, parte dello Statement che l'International Committee of the Red Cross ha sottoscritto, nella firma di Helen Durham, Direttore di Diritto e Politiche di ICRC.

"L'unico modo per garantire che le armi nucleari non vengano mai più utilizzate è vietarle ed eliminarle. Il Movimento Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, di cui il CICR fa parte, ha ripetutamente espresso il suo profondo allarme per il crescente rischio che le armi nucleari vengano nuovamente utilizzate con intenti, errori di calcolo o incidenti e ha sottolineato che qualsiasi rischio di uso di armi nucleari è inaccettabile, date le loro catastrofiche conseguenze umanitarie.

"Gli Stati devono ora ascoltare l'invito del Movimento a firmare, ratificare o aderire prontamente e ad attuare fedelmente il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari. In attesa della loro eliminazione, tutti gli Stati e, in particolare, i possessori nucleari e gli Stati loro alleati devono adottare misure immediate per ridurre il rischio di uso intenzionale o accidentale di armi nucleari, sulla base dei loro impegni internazionali esistenti.

"Nel 2022, il primo incontro degli Stati parti del trattato sulla proibizione delle armi nucleari e la decima conferenza di revisione del Trattato di non proliferazione nucleare offriranno opportunità chiave, ma anche test, agli Stati di compiere progressi tangibili verso la realizzazione del disarmo nucleare, un obbligo legale della comunità internazionale nel suo complesso. Raramente l'azione collettiva e i passi concreti e significativi per liberare il mondo dall'ombra oscura delle armi nucleari sono stati più urgenti."


Nota: Il documento originale è pubblicato in questa pagina del sito di ICRC:

https://www.icrc.org/en/document/icrc-appeals-nuclear-weapons-never-used

Allegati

Articoli correlati

  • La guerra della Nato contro la Russia: un incubo da evitare
    Editoriale
    Dichiarazioni irresponsabili del Pentagono

    La guerra della Nato contro la Russia: un incubo da evitare

    Come pacifisti, ci opponiamo con tutte le nostre forze a questa deriva militarista. La NATO, nata nel 1949 per difendere i suoi stati membri, si troverebbe a tradire il suo stesso statuto se decidesse di entrare in guerra contro la Russia.
    1 marzo 2024 - Alessandro Marescotti
  • Lettera ai miei studenti dopo il discorso di Ursula Von der Leyen
    Pace
    Oggi chi crede in un mondo di pace deve farsi sentire

    Lettera ai miei studenti dopo il discorso di Ursula Von der Leyen

    Chi come voi ha seguito le mie lezioni, sa che da molto tempo temo che la situazione politica internazionale stia andando verso una direzione pericolosissima, con un rischio elevatissimo di un conflitto che può diventare anche nucleare.
    29 febbraio 2024 - Carlo Belli
  • Il discorso riarmista della Presidente della Commissione Europea solleva gravi preoccupazioni
    Editoriale
    Occorre una mobilitazione pacifista permanente

    Il discorso riarmista della Presidente della Commissione Europea solleva gravi preoccupazioni

    Dopo il discorso di Macron che mette nel conto l'invio di truppe in Ucraina arriva quello della Von der Leyen che invita a prepararsi alla guerra con la Russia. Le parole hanno un potere enorme e la Commissione Europea dovrebbe fare attenzione a non incitare alla guerra con la sua retorica.
    29 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Gonzalo Lira morto in Ucraina come Aleksei Navalny
    MediaWatch
    Ma non ne hanno parlato grandi testate giornalistiche come Repubblica o il Corriere della Sera

    Gonzalo Lira morto in Ucraina come Aleksei Navalny

    Accusato di essere filo-russo era detenuto nelle carceri ucraine ed è deceduto il 12 gennaio 2024. Il padre di Gonzalo Lira punta il dito su Zelensky per la morte del figlio e accusa lo stato ucraino per aver lasciato peggiorare il precario stato di salute del figlio
    25 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)