Conflitti

Chi sta vincendo in Ucraina – e cosa accadrà dopo?

Sebbene gli esperti non siano d'accordo sull'imminenza di una nuova offensiva, a un anno di distanza il quadro è molto diverso da quel che si era previsto
24 febbraio 2023
Peter Beaumont
Tradotto da Ilaria Falvo per PeaceLink
Fonte: The Guardian - 22 febbraio 2023

Venerdì 24 Febbraio ricorre l'anniversario dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, ma il quadro appare molto diverso rispetto alle prime settimane di guerra, quando centinaia di carri armati russi si riversarono oltre il confine e le forze aeree tentarono di catturare l’aeroporto di Hostomel, alle porte di Kiev, come trampolino di lancio per conquistare la capitale. Qui di seguito analizziamo lo stato del conflitto e ciò che potrebbe accadere in seguito.

Una squadra di artiglieri ucraini nel Donbas mentre prepara il cannone da 152 mm, catturato ai russi nei primi giorni di guerra. Fotografia: Scott Peterson/Getty Images La Russia sta già preparando una nuova offensiva? 

Ci sono state valutazioni contraddittorie sulla capacità della Russia di condurre una nuova significativa offensiva. Sebbene alti funzionari ucraini abbiano ripetutamente avvertito fin da prima di Natale che la Russia stava pianificando un nuovo grande sforzo quest'anno, le prove per la preparazione di una spinta simile a quella del febbraio 2022, con un attacco corazzato su larga scala, rimangono scarse.

Anche le recenti affermazioni di funzionari della NATO, secondo cui la Russia starebbe accumulando aerei, sono state ampiamente smentite dal Ministero della Difesa britannico. E mentre la Russia ha aumentato notevolmente gli effettivi della fanteria - secondo alcune stime ci sono più di 300.000 truppe in Ucraina - non ci sono prove che centinaia di carri armati si stiano radunando in una regione pesantemente sorvegliata dai satelliti spia.

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha indicato l'aumento degli sforzi russi nell'est come prova dell'inizio di una "nuova offensiva", ma altri la vedono come una continuazione di sforzi che vanno avanti da mesi. I bombardamenti russi sono meno intensi rispetto all'estate intorno a Sievierodonetsk, quando Mosca sparava 60.000 proiettili al giorno.

Nonostante la mobilitazione dello scorso anno, analisti come Phillips O'Brien dell'Università di St Andrews ritengono che le capacità russe siano degradate dalla guerra e che coloro che si aspettano una replica dell'invasione iniziale dello scorso anno si sbaglino.

"Quello che è successo dal 24 febbraio è che l'Ucraina si è rafforzata, ha acquisito sistemi migliori e sta per ottenerne altri", dice O'Brien. "I russi si sono indeboliti. Hanno più soldati, ma il loro equipaggiamento è peggiore, i loro soldati sono meno addestrati di prima e le loro scorte di munizioni sono sempre più scarse".

O'Brien e altri sostengono che ci sono poche prove che la Russia sia in grado di condurre complesse operazioni ad armi combinate, integrando potenza aerea, mezzi corazzati e altri elementi, rispetto a un anno fa.

Che sta succedendo ad est?

Una visione dei combattimenti a est - il settore più caldo del conflitto - è che l'aumento degli sforzi russi intorno alla città di Bakhmut equivalga alle cosiddette operazioni di modellamento per una futura offensiva, forse in primavera.

Un'altra è che la Russia teme una nuova grande offensiva ucraina e ha aumentato il ritmo degli attacchi - a un costo estremamente elevato - per immobilizzare le forze ucraine. Una terza opinione è che la Russia voglia catturare Bakhmut prima dell'anniversario del 24 febbraio per scopi propagandistici, piuttosto che per qualcosa di significativo.

Probabilmente c'è un po' di verità in tutte queste opinioni. Un avvertimento è che gli sforzi russi non si concentrano solo su Bakhmut, ma su punti del fronte orientale, dal confine con la regione di Kharkiv fino al sud occupato, forse per sondare la debolezza.

Michael Kofman, responsabile degli studi sulla Russia presso il Center for Naval Analyses, in Virginia (USA), ha recentemente sottolineato questo punto su Twitter, twittando: "L'offensiva russa consiste in circa 5-6 assi di attacco focalizzati sul Donbas. Piuttosto che una grande spinta lungo una parte del fronte, è invece una serie di battaglie distribuite che vanno da nord a sud da Luhansk, a Bakhmut e al sud di Donetsk.

"In questa fase non sembra che la Russia abbia impiegato riserve, e probabilmente sta usando queste unità per rimpiazzare le perdite, o forse sta aspettando una breccia da sfruttare. Detto questo, non ci sono molte prove di una forza russa aggiuntiva più grande in attesa".

Ciò che è chiaro è che gli attuali sforzi russi mostrano la scarsa leadership, la logistica e le tattiche che sono state la caratteristica delle sue operazioni nell'ultimo anno, con alte perdite per un guadagno territoriale molto modesto.

E un'offensiva ucraina?

Dopo le offensive della scorsa estate nelle province di Kharkiv e Kherson, il ritmo delle operazioni ucraine è stato contenuto, anche se l'Ucraina sta ancora tentando di fare progressi sulla sponda orientale del fiume Dnipro, di fronte alla città di Kherson.

Mosca ha anche previsto da tempo ulteriori sforzi ucraini, in particolare una spinta verso sud nella zona di Zaporizhzhia.

La leadership politica ucraina non ha fatto mistero delle sue ambizioni di riconquistare il territorio ucraino, compresa la Crimea occupata, e gran parte della sua recente diplomazia per assicurarsi le armi occidentali è stata finalizzata a questo scopo.

È stata ragionevolmente efficace nel depistare la Russia sui suoi obiettivi, ma è chiaro che l'Ucraina ha accumulato materiale, compresi i veicoli da combattimento, e ha addestrato le forze per le sue operazioni previste, cercando carri armati per guidare alcuni di questi assalti.

Sebbene Kyiv abbia sottolineato la necessità di 300 carri armati principali, vale la pena notare che durante l'estate ha condotto offensive efficaci che hanno ripreso vaste aree senza di essi.

Tuttavia, alcuni occidentali hanno messo in dubbio l'opportunità che Kyiv si impegni così tanto nella difesa di Bakhmut, limitando potenzialmente le sue capacità di condurre una controffensiva.

Ciò si è riflesso nelle informazioni fornite al Washington Post all'inizio del mese, in cui si esprimeva il timore che fosse "irrealistico difendere simultaneamente Bakhmut e lanciare una controffensiva in primavera per riconquistare quello che gli Stati Uniti considerano un territorio più critico".

Chi sta vincendo?

Ci sono diversi modi per valutarlo. Né la Russia né l'Ucraina sono vicine al raggiungimento degli obiettivi di guerra dichiarati, che nel caso dell'Ucraina prevedono la liberazione di tutto il territorio occupato.

Tuttavia, negli ultimi 12 mesi Mosca ha dovuto ripetutamente ritirarsi dalle sue ambizioni massimaliste - non ultimo deporre il governo ucraino e imporre un regime fantoccio - per concentrarsi sulla conquista di tutto il Donbas, nella parte orientale.
Inoltre, le perdite russe sono state enormi. Secondo una recente stima dell'IISS, la Russia ha perso il 40-50% della sua flotta di carri armati di prima della guerra. Anche le perdite sono state enormi: la settimana scorsa è stato affermato che la Russia stava perdendo 2.000 soldati per ogni 100 metri guadagnati a est. Sebbene queste cifre debbano essere considerate con cautela, l'evidenza aneddotica suggerisce che l'Ucraina ha un tasso di logoramento inferiore.

L'alto generale americano, Mark Milley, ha recentemente affermato che la Russia ha già perso dal punto di vista tattico e strategico, ma ha suggerito che è improbabile che entrambe le parti siano vicine al raggiungimento degli obiettivi dichiarati.

Probabilmente si può affermare che l'attuale traiettoria del conflitto sta andando molto meglio per l'Ucraina che per la Russia - e che il continuo afflusso di nuove armi dall'Occidente manterrà questa traiettoria.

Ma l'Ucraina, come ha avvertito di recente il responsabile degli affari esteri dell'UE, Josep Borrell, dipende fortemente dall'Occidente per le armi, comprese le munizioni per l'artiglieria, il che ha messo in luce una potenziale vulnerabilità per Kyiv nella parte orientale, dove l'artiglieria ha dominato le battaglie.

Inoltre, non è chiaro quanto armi come i carri armati possano cambiare le sorti della guerra e quanto rapidamente.

Per ora, quindi, la guerra continua.

Tradotto da Ilaria Falvo, revisione di Giacomo Alessandroni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: "Who is winning in Ukraine – and what will happen next?"

Articoli correlati

  • Lettera aperta a Elly Schlein sulla guerra in Ucraina
    Editoriale
    Dobbiamo chiederci se questa guerra ha ancora una giustificazione umanitaria

    Lettera aperta a Elly Schlein sulla guerra in Ucraina

    Le armi che avete mandato non hanno fermato il massacro ma hanno illuso Zelensky della vittoria. E da questa illusione nasce la mostruosa situazione descritta dal Washington Post. Battaglioni di 500 uomini, con 100 morti e 400 feriti, rimpiazzati da ragazzi di leva che, quando possono, scappano.
    14 marzo 2023 - Alessandro Marescotti
  • Quanti soldati ucraini sono morti? E' un "segreto di Stato"
    MediaWatch
    La presidente della Commissione Europea aveva incautamente rivelato le perdite subite dall'Ucraina

    Quanti soldati ucraini sono morti? E' un "segreto di Stato"

    "Le informazioni sulle perdite dell'Ucraina nella guerra sono un segreto di Stato". Lo ha affermato il vice capo del ministero della Difesa Anna Malyar, aggiungendo: "Bisogna non lavorare per il nemico e non rivelare questi numeri fino alla fine della legge marziale".
    Adnkronos
  • Gli USA accelerano il trasferimento di nuove armi per la prossima controffensiva ucraina
    Conflitti
    Le battaglie di artiglieria avvantaggiano la Russia

    Gli USA accelerano il trasferimento di nuove armi per la prossima controffensiva ucraina

    Washington sprona Kiev a ritirarsi da Bakhmut e a prendere l’iniziativa per un affondo nei territori occupati dai russi. Secondo gli strateghi del Pentagono, l’attuale guerra d’attrito dovrà tornare a essere ad alta mobilità quando con la primavera il terreno non sarà più fangoso.
    16 marzo 2023 - Limes
  • Stop alle armi! Se vogliamo la pace dobbiamo lavorare per la pace
    Conflitti
    Nessuna giustificazione per Putin

    Stop alle armi! Se vogliamo la pace dobbiamo lavorare per la pace

    Basta spingere l’acceleratore sulla guerra continuando ad inviare armi. Qui non è in
    gioco la difesa dell’Ucraina, ma la continuazione della guerra sino alla vittoria finale.
    Fino all’ultimo uomo.
    15 marzo 2023 - Roberto Lovattini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)