CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: persecuzione giudiziaria contro le organizzazioni popolari
    Lo scorso luglio inflitte condanne tra i 5 e i 7 anni di carcere a 23 attivisti che avevano partecipato alle Jornadas de Junho del 2013 contro le grandi opere legate ai mondiali di calcio del 2014 e alle Olimpiadi del 2016

    Brasile: persecuzione giudiziaria contro le organizzazioni popolari

    Per condannare i militanti è stata utilizzata la “delazione premiata” e l’infiltrazione degli agenti all’interno dei movimenti sociali
    12 settembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: Fernando Haddad al posto di Lula?
    A seguito della condanna dell'ex presidente confermata dal Tse il suo posto potrebbe essere preso dall'ex sindaco di San Paolo

    Brasile: Fernando Haddad al posto di Lula?

    Bolsonaro e Alckmin saranno i principali candidati delle destre nelle presidenziali del 7 ottobre
    3 settembre 2018 - David Lifodi
  • Presidenziali Brasile: un fronte comune contro Jair Bolsonaro
    La persecuzione giudiziaria contro Lula potrebbe spalancare le porte del Planalto ad uno dei politici più retrogradi del paese dal ritorno della democrazia

    Presidenziali Brasile: un fronte comune contro Jair Bolsonaro

    I sondaggi indicano Lula come favorito, ma a meno che la Corte suprema non gli permetta di candidarsi alle elezioni di ottobre resterà in carcere
    4 agosto 2018 - David Lifodi
Il piano PC Conectado: un milione di computer a 500 dollari l'uno. E che i meno abbienti potranno pagare anche a rate

La Rivoluzione digitale di Lula, ma è già scontro sul software

Microsoft propone una versione "light" di Windows XP. Al governo non piace e così spunta l'ipotesi dell'open source
7 aprile 2005 - Marco De Seriis

Il presidente brasiliano Lula ROMA - Un milione di personal computer a 500 dollari l'uno. Il governo brasiliano di Luis Ignacio Lula da Silva lancia PC Conectado, il piano di alfabetizzazione informatica per i lavoratori più poveri del paese. Un programma ambizioso, che sarà varato entro la fine di aprile, in un paese in cui solo il 10% della popolazione dispone di un accesso domestico a Internet e dove i computer venduti ogni anno sul mercato ufficiale non arrivano al milione.

"Siamo consapevoli che parliamo di raddoppiare il mercato domestico del personal computer", ha dichiarato il coordinatore del programma Cezar Alvarez. "Ma è un obiettivo assolutamente fattibile". Per raggiungerlo il governo incentiverà l'industria informatica nazionale, con tagli fiscali alle imprese costruttrici che impiegano un alto numero di componenti prodotti localmente. In questo modo, oltre a ridurre l'incidenza della concorrenza cinese, il governo intende ridurre il prezzo dei computer stessi a 1.400 reais (509 dollari) o anche meno, per una macchina dotata di schermo, lettore CD-Rom, processore da 2,2 Ghz, Ram da 128 MB e hard disk da 30 GB. Un'operazione destinata a un bacino potenziale di 7 milioni di lavoratori con una fascia di reddito medio-bassa, che potranno pagare i computer anche in 24 rate da 50 reais.

In aggiunta, il governo ha siglato un accordo con le tre principali compagnie telefoniche - la spagnola Telefónica, Telemar e Brasil Telecom (controllata in parte da Telecom Italia) - per fornire un accesso dial-up a Internet a 7,50 reais al mese per 15 ore di connessione. Anche scuole e centri sociali beneficieranno del programma, grazie a un investimento di 74 milioni di dollari per l'apertura di 1.000 nuovi centri che metteranno a disposizione del pubblico connettività gratuita a Internet su computer dotati di software libero.

E proprio il software in dotazione alle macchine vendute tramite PC Conectado è oggetto di un'aspra contesa tra Microsoft e governo Lula. L'azienda di Redmond ha proposto infatti di installare una versione semplificata e a prezzi contenuti di Windows XP, la Windows Starter Edition, già testata in paesi in via di sviluppo come Indonesia, Malaysia e Thailandia (dove il costo di una copia è di 36 dollari). Un'offerta che non soddisfa però il governo Lula. In una recente intervista alla Reuter, Alvarez si è lamentato per le limitazioni contenute nel sistema operativo affermando che "si tratta di una versione di serie B della Starter Edition. Pensiamo che Microsoft possa fare un'offerta migliore."

Mentre i dirigenti di Microsoft Brazil studiano le strategie per non rimanere esclusi dal programma, la scelta di Alvarez per il software libero incassa il plauso del Massachussetts Institute of Technology. In una lettera indirizzata al governo carioca, il direttore esecutivo del Media Lab del MIT Walter Bender ha dichiarato: "Pensiamo che l'uso di software libero di elevata qualità sia migliore rispetto alle versioni ridotte del software proprietario offerto da Microsoft sui PC che saranno venduti ai poveri". Una bocciatura secca della Starter Edition, già criticata da diversi analisti perché impedirebbe la gestione simultanea di più di tre applicazioni e la messa in rete dei computer.

La competizione tra Microsoft e le politiche federali in favore del software libero non è nuova e ha conosciuto in passato momenti di alta tensione. L'Istituto federale della tecnologia dell'informazione, presieduto da Sergio Amadeu, ha avviato da tempo un piano per l'adozione del software libero nella pubblica amministrazione e nelle scuole. In risposta, l'azienda di Bill Gates ha donato copie gratuite di Windows ad amministrazioni locali (spesso governate dalla destra), scuole e organizzazioni non governative. A questa mossa, nel marzo 2004 Amadeu aveva risposto che il governo brasiliano non aveva bisogno di regali che somigliavano "a quelli degli spacciatori", che sarebbero solo "un cavallo di Troia per assicurarsi una massa critica di utenti". Nel giugno 2004, la Microsoft aveva denunciato Amadeu per diffamazione. Il programma PC Conectado è l'ultimo capitolo di questo braccio di ferro.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)