CyberCultura

editoriale

Bit, pneumatici e mano pubblica

28 settembre 2006
Franco Carlini
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Da quando il consiglio di amministrazione approvò la svolta a U di Telecom Italia a oggi, giorno in cui Romano Prodi riferisce alla Camera, sono successe molte cose, ma c'è il timore che i deputati finiscano per parlare delle meno significative, ovvero dell'interventismo statalista del governo, con violazione della libera impresa, e delle moltitudine di gaffes dello stesso Prodi; adeguato spazio riceverà anche il cosiddetto piano Rovati, con il quale il consigliere di Prodi delineava due possibilità per la rete fissa. Quello era un documento del tutto ragionevole, su ipotesi che almeno un centinaio di esperti discutevano da mesi, ma in questo clima avvelenato è stato ridotto alla sola ipotesi B (intervento dello Stato a cofinanziare la rete fissa italiana).
Altre cose sono in verità più importanti, in particolare le dimissioni da presidente di Marco Tronchetti Provera, sostituito da Guido Rossi. L'ex presidente ha vestito la sua mossa di rispetto istituzionale (mi tolgo di mezzo così il conflitto tra me e Prodi potrà decantarsi), ma la sensazione è che fosse una scelta quasi obbligata, data la cattiva accoglienza che le sue decisioni avevano avuto dagli investitori e forse anche per la percezione anticipata dell'imminente deposito delle richieste dei pubblici ministeri sulle intercettazioni di Tavaroli-Cipriani in cui Telecom Italia è sì parte lesa, ma anche complice involontaria, almeno con le sue attrezzature. Se poi venisse confermato quanto scritto dal giornale della Confindustria, ovvero che il buon Tavaroli venne richiamato in Telecom per dolci insistenze di Gianni Letta (ovvero Sismi?) Telecom dovrebbe spiegare qualcosina di più ai suoi azionisti e forse anche ai magistrati.
Le dichiarazioni di Guido Rossi sono formalmente all'interno della delibera dell'11 settembre, ma la stanno modificando dall'interno: Tim non verrà venduta (era solo scritto tra le righe) e se si trova un accordo decente con l'Autorità delle Comunicazioni, forse non ci sarà nemmeno di scorporarla e potrebbe tornare in vita il progetto del telefono «Unico» (vedi in questa stessa pagina). Tutto ciò riguarda il parlamento e il governo? Certamente, visto il peso che le reti di comunicazione hanno non solo per l'economia, quanto per la vita civile. Proprio per questo Tronchetti Provera, che si sente così assediato, non dovrebbe meravigliarsi: i bit sono socialmente più importanti dei pneumatici.

Articoli correlati

  • Decreto Semplificazioni, così sono Devastazioni
    Ecologia

    Decreto Semplificazioni, così sono Devastazioni

    Dossier di 160 associazioni (tra cui PeaceLink) e comitati nazionali e locali da tutta Italia "È attacco a partecipazione dei cittadini, V.I.A., clima e bonifiche da Taranto a Gela, da Mantova a Bussi, da Brindisi a Venezia e decine di altri siti"
    28 luglio 2020
  • Bonifiche e Valutazione di Impatto Ambientale, più che Dl "Semplificazioni", devastazioni!
    Ecologia

    Bonifiche e Valutazione di Impatto Ambientale, più che Dl "Semplificazioni", devastazioni!

    PeaceLink aderisce all'appello di oltre 120 associazioni da tutta Italia su Valutazione d'Impatto Ambientale e Bonifiche. Decreto all'esame del parlamento, "nella conversione in legge fermate i regali agli inquinatori, difendete la salute dei cittadini" la richiesta ai parlamentari
    21 luglio 2020
  • La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta
    Europace
    Sul governo M5S, PD, Leu

    La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta

    Il segretario del PD Nicola Zingaretti ha chiesto discontinuità rispetto al governo precedente. Discontinuità che non ha avuto sul nome del presidente del Consiglio ma l'ha ottenuta su due punti che sono di fondamentale importanza per il nostro futuro: l'Europa e i cambiamenti climatici.
    5 settembre 2019 - Nicola Vallinoto
  • Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica
    Editoriale
    Sulla crisi di governo

    Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica

    Chiunque si assumerà la responsabilità di governare il Bel Paese dovrà fare i conti con le richieste del movimento sui cambiamenti climatici promosso da Greta Thumberg e con l’esigenza di invertire il ruolo egemonico dell’economia rispetto alla politica.
    16 agosto 2019 - Nicola Vallinoto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)