CyberCultura

Kenya, a scuola con Linux ed ebook

In una piccola scuola primaria si sta sperimentando un sistema di e-learning wireless basato su palmari Linux a basso costo e libri digitali. Il progetto verrà presto esteso ad altre scuole africane
2 marzo 2005
Punto Informatico

Un bambino kenyano che utilizza il palmare Mbita Point (Kenya) - Grazie ad un progetto finanziato dal governo locale e da capitali privati, gli alunni di una piccola scuola del Kenya occidentale hanno completamente sostituito i costosi libri di testo cartacei in favore di e-book e computer palmari.

Il progetto di e-learning pilota, chiamato EduVision, è stato avviato da BioVision Foundation presso la scuola primaria di Mbita Point, un villaggio keniano situato vicino al lago Victoria. Qui, 60 bambini di età compresa fra gli 11 e i 12 anni stanno utilizzando da qualche settimana dei computer palmari dotati di connettività wireless capaci di connettersi al server della scuola e scaricare automaticamente libri e altro materiale didattico, come ad esempio gli esercizi del giorno.

I palmari, chiamati E-slates, sono in tutto simili ad un tradizionale PDA e si basano su una versione embedded di Linux: al di sopra di questo gira Hydra, un'interfaccia grafica particolarmente intuitiva e facile da usare che supporta anche il riconoscimento della scrittura.

Linux costituisce anche il cuore della base station, ossia del server embedded che si occupa di gestire il materiale didattico digitale e di distribuirlo, via wireless, ai terminali E-slates. Questo sistema a basso consumo, che ospita il sistema operativo in una memoria flash, è connesso ai server di EduVision attraverso una connessione satellitare monodirezionale: sebbene questo tipo di connettività sia più limitato rispetto ad un collegamento ad Internet bidirezionale, il team di EduVision ha spiegato che il suo costo è una frazione rispetto a quello che costerebbe, in Kenya, una linea Internet a larga banda.
Dove ha luogo il progetto di EduVision


La base station può scaricare dal satellite fino a circa 650 MB di dati al giorno, ovvero la capienza di un CD, e inviarli in modo automatico e selettivo ai vari utenti: ad esempio, gli insegnanti possono distribuire i libri di testo o gli esercizi in base all'età degli alunni, alla classe, al livello di apprendimento o all'orario. I promotori di EduVision hanno spiegato che questo sistema non ha l'obiettivo di trasformare un povero villaggio del Kenya in un centro hi-tech, ma quella di ridurre drasticamente i costi relativi all'insegnamento e ai libri: con il sistema di e-learning i bambini keniani possono accedere gratuitamente ad una vasta collezione di testi digitalizzati, sia in inglese che nella loro lingua, ed a contenuti audio/video.

"Tutti i libri nel pubblico dominio, qualcosa come 15 milioni, possono essere archiviati nella base station che noi produciamo", ha spiegato Matthew Herren, membro dello staff di EduVision. "In questo modo le scuole rurali dell'Africa potranno avere accesso alle stesse librerie digitali degli studenti di Oxford e Harvard".

Finita la fase di sperimentazione a Mbita Point, il team di EduVision conta di espandere il proprio progetto di e-learning ad altre scuole dell'Africa, anche quelle dove manca l'elettricità: qui l'organizzazione utilizzerà stazioni base funzionanti a energia solare che, durante le lezioni, potranno anche fungere da centro di ricarica per i computer hand held.

Allegati

Articoli correlati

  • Manuale d'uso di Easyclass
    CyberCultura
    La prima guida in italiano alla piattaforma didattica Easyclass: le sue caratteristiche

    Manuale d'uso di Easyclass

    Come condividere i materiali formativi in una classe scolastica o in un corso di formazione. L'interfaccia è anche in italiano, l'utilizzo è gratuito.
    15 dicembre 2017 - Daniele Marescotti
  • Le competenze di cittadinanza attiva e la scuola
    Cittadinanza
    La Strategia di Lisbona del 2000 e le competenze chiave per non rimanere ai margini della società

    Le competenze di cittadinanza attiva e la scuola

    A scuola gli insegnanti di tutte le discipline dovrebbero educare alla cittadinanza attiva. La scuola deve insegnare a partecipare alla vita pubblica e a cercare soluzioni diverse mediante la scienza, la tecnica e le competenze civiche
    Alessandro Marescotti
  • Tempi di Fraternità - Agenda ONU 2030: L'insegnante attore sociale
    Pace
    Tempi di Fraternità, donne e uomini in ricerca e confronto comunitario, presenta:

    Tempi di Fraternità - Agenda ONU 2030: L'insegnante attore sociale

    Agenda ONU 2030: La scuola deve mirare a una "trasformazione" personale e sociale e a un cambiamento in positivo
    2 febbraio 2019 - Laura Tussi
  • Alunni con disabilità
    Scuola
    Testo integrale

    Alunni con disabilità

    Linee guida del MIUR per l'integrazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)