CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti

Ubuntu Linux, una nuova distribuzione del pinguino

22 settembre 2004 - Fabrizio Pani
Ubuntu (pronunciato "oo-BOON-too") è una parola africana del popolo degli Zulu e Xhosa che si può tradurre come: "Una persona è tale attraverso altre persone" o "Io sono io insieme agli altri". Il termine riassume l'idea centrale del manifesto del progetto, dare un sistema operativo desktop e server liberamente disponibile - anche la versione enterprise deve essere gratuita - con supporto gratuito sia livello di community che professionale, a discapito di qualsiasi disabilità da parte dell'utente e disponibile nella lingua locale; addirittura almeno finora è possibile ricevere il CD gratuitamente.

Ad ogni modo questa distribuzione non è africana, ma dell'isola di Man, dove si trova la società che l'ha creata.

In Ubuntu Linux il numero di versione identifica la data della distribuzione, pianificata ogni 6 mesi. Se dovesse uscire una versione nel Maggio del 2006, sarebbe la versione 6.5; questa prima versione è la 4.10 Preview nome in codice "the Warty Warthog", o semplicemente "warty".

Questa distribuzione si basa su Debian ed in un solo CD vengono scelti pacchetti rigorosamnte open source. L'ambiente desktop scelto è Gnome, e le piattaforme supportate sono amd64, i386 e ppc. Attualmente è incluso XFree86 versione 4.3.99, ma in seguito verrà soppiantato da x.org. Sono assenti dal CD per esempio Apache, PHP, ed MPlayer che come gli altri possono essere aggiunti separatamente.

Si consiglia di mischiare pacchetti Debian e Ubuntu assieme in un unico file sources.list, poiché anche se compatibili non sono identici.

Una maggior spiegazione del termine ubuntu si può trovare qui, mentre per saperne di più sulla distribuzione visitare questo sito.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)