Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Allarme di Napolitano. La Regione avvia uno screening di massa

I Roghi incivili, liberano diossina

Cronaca Emergenza sanitaria a Pianura, controlli gratuiti da martedì all´ Istituto oncologico Pascale "Roghi incivili, liberano diossina".
6 gennaio 2008
Fonte: Repubblica

- NAPOLI - «É una cosa grave, bruciare cassonetti è incivile e provoca solo danno alla salute con la diossina che si libera nell´area». Arriva su Pianura anche l´appello di Giorgio Napolitano a smetterla con i roghi.

È tardo pomeriggio a Capri quando il presidente esce dall´albergo per una breve passeggiata in piazzetta. Chiede lui stesso come vadano le cose a Pianura, poi manifesta la sua preoccupazione per gli incendi. L´appello ai pianuresi scavalca anche la constatazione che da quelle parti c´è molta esasperazione. «Sì - risponde il presidente - ma è pur vero che bisognerebbe contribuire tutti con la raccolta differenziata per migliorare la situazione».

L´allarme sanitario induce anche la Regione a intervenire con uno screening di massa a Pianura. «Per tranquillizzare la popolazione», dice l´assessore regionale alla Sanità Angelo Montemarano. Gli abitanti di Pianura e del vicino quartiere di Soccavo potranno sottoporsi a controlli gratuiti da martedì prossimo. Li esaminerà una commissione integrata da medici dell´Istituto oncologico Pascale e da epidemiologi. Si allerta anche l´Ordine dei medici di Napoli.

«Bisogna monitorare l´area di Pianura e non solo», dice il suo presidente, il senatore Giuseppe Scalera, area Dini. «Occorre subito - dice Scalera - un biomonitoraggio a Pianura per verificare la reale compromissione ambientale dopo 40 anni di deposito dei rifiuti nella discarica di Contrada Pisani». Scalera mette a disposizione «una task-force sanitaria, formata da igienisti, ambientalisti e giovani medici, in alcuni casi disoccupati, per collaborare con qualsiasi realtà istituzionale che affronti i noti strutturali del problema. Il rischio infettivo è altissimo anche per le tonnellate di rifiuti presenti per le strade della Campania».

La stessa Regione aveva già varato nei giorni scorsi una indagine a tappeto, che prevede il prelievo, a partire da febbraio, di campioni di sangue su 780 persone e di latte materno di 50 donne in 13 Comuni delle province di Napoli e Caserta, per analizzare il contenuto di diossine e di metalli pesanti. Anche la Asl 2, del territorio a nord di Napoli, ha lanciato uno screening di massa sulla propria popolazione per verificare l´assorbimento di diossina, con la consulenza tecnica dell´Istituto Mario Negri di Milano diretto da Silvio Garattini. Intanto si fermano le scuole.

A Caserta e a San Giorgio a Cremano (vicino Napoli) i rispettivi sindaci ne hanno disposto la chiusura. E l´assessore regionale Corrado Gabriele lavora a una modifica del calendario scolastico in previsione di una chiusura dell´attività nelle zone più a rischio.

Articoli correlati

  • Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi
    Ecologia
    Dose tollerabile giornaliera per un bambino di 10 anni a Taranto

    Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi

    Diossine e PCB possono essere presenti nelle cozze di zone inquinate. Con i nuovi valori di DST (Dose Settimanale Tollerabile) divulgati dall'EFSA, a Taranto i bambini non dovrebbero mangiare più di 13 grammi di cozze a settimana
    21 novembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • Troppa diossina negli alimenti: occorre l'istituzione di un marchio Dioxin Free
    Consumo Critico
    L'EFSA (ente europeo per la sicurezza alimentare) rivede in senso restrittivo la dose tollerabile

    Troppa diossina negli alimenti: occorre l'istituzione di un marchio Dioxin Free

    La dose tollerabile scende drasticamente, di ben 7 volte. Ora infatti la dose tollerabile settimanalmente è di 2 pg/kg e non più 14 pg/kg di peso corporeo. Cosa farà il governo italiano per tutelare i consumatori?
    20 novembre 2018 - Associazione PeaceLink
  • Diossina nei fanghi da spandere nelle campagne
    Ecologia
    Oggi in commissione ambiente alla Camera verrà proposta la norma

    Diossina nei fanghi da spandere nelle campagne

    Il governo prevede limiti fino 25 nanogrammi a chilo di terra, mentre a Taranto le pecore e le capre si sono contaminate brucando su terreni contaminati fino a 10 nanogrammi di diossina
    22 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Perché concimare con i fanghi alla diossina?
    Consumo Critico
    PeaceLink propone di istituire un "bollino marrone" per i prodotti provenienti da terreni concimati con fanghi alla diossina

    Perché concimare con i fanghi alla diossina?

    Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa sostiene la validità di una normativa che consente di spandere sui terreni agricoli fanghi di depurazione contenenti diossina in quantità anche più che doppia rispetto ai terreni contaminati attorno all'ILVA di Taranto.
    4 novembre 2018 - Alessandro Marescotti

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)