Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Allarme di Napolitano. La Regione avvia uno screening di massa

I Roghi incivili, liberano diossina

Cronaca Emergenza sanitaria a Pianura, controlli gratuiti da martedì all´ Istituto oncologico Pascale "Roghi incivili, liberano diossina".
6 gennaio 2008
Fonte: Repubblica

- NAPOLI - «É una cosa grave, bruciare cassonetti è incivile e provoca solo danno alla salute con la diossina che si libera nell´area». Arriva su Pianura anche l´appello di Giorgio Napolitano a smetterla con i roghi.

È tardo pomeriggio a Capri quando il presidente esce dall´albergo per una breve passeggiata in piazzetta. Chiede lui stesso come vadano le cose a Pianura, poi manifesta la sua preoccupazione per gli incendi. L´appello ai pianuresi scavalca anche la constatazione che da quelle parti c´è molta esasperazione. «Sì - risponde il presidente - ma è pur vero che bisognerebbe contribuire tutti con la raccolta differenziata per migliorare la situazione».

L´allarme sanitario induce anche la Regione a intervenire con uno screening di massa a Pianura. «Per tranquillizzare la popolazione», dice l´assessore regionale alla Sanità Angelo Montemarano. Gli abitanti di Pianura e del vicino quartiere di Soccavo potranno sottoporsi a controlli gratuiti da martedì prossimo. Li esaminerà una commissione integrata da medici dell´Istituto oncologico Pascale e da epidemiologi. Si allerta anche l´Ordine dei medici di Napoli.

«Bisogna monitorare l´area di Pianura e non solo», dice il suo presidente, il senatore Giuseppe Scalera, area Dini. «Occorre subito - dice Scalera - un biomonitoraggio a Pianura per verificare la reale compromissione ambientale dopo 40 anni di deposito dei rifiuti nella discarica di Contrada Pisani». Scalera mette a disposizione «una task-force sanitaria, formata da igienisti, ambientalisti e giovani medici, in alcuni casi disoccupati, per collaborare con qualsiasi realtà istituzionale che affronti i noti strutturali del problema. Il rischio infettivo è altissimo anche per le tonnellate di rifiuti presenti per le strade della Campania».

La stessa Regione aveva già varato nei giorni scorsi una indagine a tappeto, che prevede il prelievo, a partire da febbraio, di campioni di sangue su 780 persone e di latte materno di 50 donne in 13 Comuni delle province di Napoli e Caserta, per analizzare il contenuto di diossine e di metalli pesanti. Anche la Asl 2, del territorio a nord di Napoli, ha lanciato uno screening di massa sulla propria popolazione per verificare l´assorbimento di diossina, con la consulenza tecnica dell´Istituto Mario Negri di Milano diretto da Silvio Garattini. Intanto si fermano le scuole.

A Caserta e a San Giorgio a Cremano (vicino Napoli) i rispettivi sindaci ne hanno disposto la chiusura. E l´assessore regionale Corrado Gabriele lavora a una modifica del calendario scolastico in previsione di una chiusura dell´attività nelle zone più a rischio.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)