Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

L´assessore Interlandi: "È uno sforzo di solidarietà".

In arrivo i rifiuti campani, Cuffaro: "Adesso sì agli inceneritori"

Una NAVE con le 1.500 tonnellate di rifiuti della Campania sbarcherà questa mattina a Porto Empedocle. Dalla prefettura di Agrigento si dicono «pronti a smaltire i rifiuti campani»
13 gennaio 2008
Fonte: Repubblica

Cuffaro, Presidente della Regione Sicilia «Non si sa nulla sui tempi di approdo della nave - dice il viceprefetto Nicola Diomede - Siamo comunque organizzati: nella provincia si producono 500 tonnellate di rifiuti al giorno, se dalla Campania ne arrivano 1.500, per le nostre discariche sono davvero poca cosa».

E il presidente della Regione Cuffaro, mentre si levano già le proteste da parte di esponenti politici agrigentini, dal Codacons e dai Verdi, spiega perché la Sicilia ha aderito all´invito. «Consentire lo smaltimento di 1.500 tonnellate di rifiuti, in condizioni di sicurezza ambientale, è il contributo che intendiamo fornire per superare un´emergenza che rischia di pregiudicare l´immagine del nostro Paese».

«La scelta - aggiunge Cuffaro - per quanto impopolare, concorre a ristabilire le condizioni di un´equilibrata convivenza sociale. Nell´auspicio che vengano attuate le scelte compiute dalla Sicilia in materia di gestione dei rifiuti (i termovalorizzatori, ndr)».

L´assessore regionale al Territorio, Rossana Interlandi, rassicura i cittadini di Agrigento: «Ho chiesto all´Agenzia speciale per i rifiuti il piano dettagliato di trasporto, completo dell´indicazione degli orari e dei luoghi di arrivo degli autocompattatori - dice l´assessore Interlandi - Questo sforzo di solidarietà che la Sicilia sta compiendo deve essere l´occasione per rilanciare la trattativa con il governo nazionale, pretendendo quell´attenzione e quella prontezza di risposta che nel passato è mancata».

Polemico invece il deputato regionale forzista Michele Cimino, di Agrigento: «È dal 1266, da quando gli Angioini trasferirono la capitale da Palermo a Napoli, che la Sicilia viene depauperata a favore della Campania - dice Cimino - Se saranno realizzati i termovalorizzatori è perché abbiamo saputo programmare bene: non possono essere considerati una contropartita».

Il Codacons annuncia una class action (azione collettiva) contro l´arrivo dei rifiuti campani in Sicilia: «L´Isola è ritenuta la pattumiera d´Italia dai governi nazionale e regionale - dice Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons - Avvieremo la più importante class action dei siciliani per il risarcimento dei danni all´ambiente e alle persone». Lillo Miccichè, leader dei Verdi di Agrigento, dice «no ai rifiuti campani in cambio degli inceneritori».

Articoli correlati

  • PeaceLink Abruzzo

    A Maggio l'Arap chiese lo stop

    Appello delle associazioni: bloccate l’attuale procedimento, l’Ente ci comunica che in 3 mesi non ci sono state novità
    29 agosto 2018 - Arci Vasto, Cobas Chieti, Gruppo Fratino Vasto, Italia Nostra del Vastese, Stazione Ornitologica Abruzzese, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo
    Verso l'importazione stabile dei rifiuti da fuori regione?

    Rifiuti in Abruzzo, privati subito all'attacco del nuovo Piano Regionale

    Proposta una nuova mega-discarica da ben 480.750 mc a Cupello non prevista dal Piano; le associazioni depositano durissime osservazioni alla V.I.A.
    29 agosto 2018 - PeaceLink Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico Onlus
  • 4 Novembre 2017: non festa, ma lutto. 100 anni dopo Caporetto: basta guerre!
    Editoriale

    4 Novembre 2017: non festa, ma lutto. 100 anni dopo Caporetto: basta guerre!

    Oltre cento anni dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, mentre è tragicamente in corso la "terza guerra mondiale a pezzi", è ora di dire basta. Per questo sosteniamo la Campagna “Un'altra difesa è possibile”.
    1 novembre 2017 - Associazione Antimafie Rita Atria,Centro di Ricerca per la Pace e i diritti umani di Viterbo, Movimento Nonviolento, PeaceLink
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)