Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Il Ministro ha firmato 3 decreti che sbloccano i progetti del Comune

Pcb, il Ministero dell'ambiente sblocca i fondi per Brescia

Il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Alfonso Pecoraro Scanio ha firmato 6 decreti che sbloccano tre progetti di bonifica nel sito d’interesse nazionale di Porto Marghera e tre per il sito d’interesse nazionale di Brescia-Caffaro.
25 gennaio 2008
Fonte: Giornale di Brescia

. Per quanto riguarda il sito di interesse nazionale di Brescia-Caffaro (area industriali e relative discariche da bonificare) il ministro ha firmato 3 decreti che sbloccano altrettanti progetti del Comune di Brescia per la bonifica Aiuola di Via Nullo per un importo di 323.500 euro, del progetto operativo di bonifica dell’area occupata dalla scuola materna Passo Gavia e dalla Scuola elementare divisione Acqui, contaminata da poli-cloro bifenili (Pcb), da diossine, furani e metalli, per un importo di 369.000 euro, e del Progetto definitivo di bonifica del sito Case del Sole, per un importo di 425.000 euro.

«Le bonifiche sono un segnale importante e concreto sia per l’ambiente e per le comunità locali. Bonificare le aree inquinate significa restituire ai cittadini luoghi che per troppo tempo sono stati sottratti loro dall’inquinamento.

In particolare a Brescia intervenire su aree pubbliche in cui ci sono scuole ed un parco significa tutelare la salute ed i diritti dei cittadini più deboli, i bambini - ha dichiarato il ministro Alfonso Pecoraro Scanio. - Con questo governo c’è stata una forte inversione di tendenza sulle bonifiche, ma dobbiamo fare ancora di più per restituire alle nuove generazioni un ambiente migliore di quello che abbiamo trovato».

Per quanto riguarda il sito di interesse nazionale di Porto Marghera sono state sbloccate il progetto definitivo dell’Area Moranzani B per un importo di oltre 18 milioni di euro, quello dell’Area Malcontenta C per un importo di 7.750.000 euro e del progetto definitivo di bonifica dei suoli dell’Area ex-Alcoa di via dell’Elettronica per un importo di oltre 4,5 milioni di euro

Articoli correlati

  • Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA
    Laboratorio di scrittura
    In risposta ad un appello su Sbilanciamoci

    Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA

    Si parla di "giustificata resistenza dei lavoratori (il “meglio morti per cancro che di fame” degli operai Italsider di Taranto) a chi – ambientalisti poco consapevoli – insistono per drastiche chiusure di stabilimenti senza preoccuparsi per le conseguenze sociali che possono derivarne”.
    20 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)