Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Il progetto; una consultazione popolare se la Via sarà favorevole

Taranto: Comune e ecologisti confermano il no alla Regione

Saranno i tarantini a decidere se vogliono un rigassificatore nel loro porto. Nel caso in cui la valutazione di impatto ambientale tuttora in corso sul progetto presentato da Gas Natural darà un risultato favorevole scatterà la consultazione popolare. Con un referendum i cittadini diranno sì o no all'impianto.
1 febbraio 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

No al Rigassificatore a Taranto TARANTO — La soluzione è scaturita ieri mattina dall'audizione dei vari soggetti interessati alla procedura di valutazione (enti locali, sindacati e associazioni ambientalistiche) svoltasi nella sede dell'assessorato regionale all'Ecologia guidato da Michele Losappio.

Le esigenze energetiche dell'Italia, il piano della Regione (Pear), le ripetute volontà espresse dal governo indicano la Puglia come la regione destinata ad accogliere un impianto di rigassificazione sul proprio territorio.

In ballo ci sono Brindisi e Taranto. Sull'Adriatico è ancora in corso la lunga controversia sul progetto presentato dagli inglesi, sullo Jonio va avanti l'istruttoria per la valutazione di impatto ambientale del progetto degli spagnoli di Gas Natural.

Ieri mattina l'assessore Losappio ha voluto fare una ricognizione e ha confermato che Regione e ministero dell'Ambiente non possono fare a meno di esaminare i due progetti presentati dalle aziende private. Ha ricevuto in tempi Comune, Provincia, sindacati e ambientalisti.

Il Comune di Taranto, rappresentato da Gabriele Pugliese (Verdi), presidente della commissione Ambiente, e dall'assessore Bruno Pastore ha confermato il no al rigassificatore per motivazioni tecniche e politiche espresso dal consiglio comunale con l'emendamento di ricorrere al referendum.

L'assessore provinciale all'Ambiente, Michele Conserva, ha messo in discussione il sito scelto nel porto per realizzare l'impianto anche alla luce del piano regolatore e, in ogni caso, attende l'esito della valutazione di impatto ambientale.

Legambiente, rappresentata da Francesco Tarantini, presidente regionale, Aldo Fusaro, della segreteria regionale, e da Lunetta Franco, presidente del circolo Legambiente di Taranto, ha ribadito il suo fermo parere negativo. L'associazione contesta a Gas Natural di non aver risposto esaurientemente alle osservazioni al progetto e di aver lasciato in sospeso una serie di questioni.

La rotta di accesso alle navi metaniere, il riutilizzo dei sedimenti marini dragati, le interferenze sul traffico commerciale futuro, l'esame delle alternative di localizzazione, la valutazione delle compensazioni ambientali e i problemi relativi allo studio sulla prevenzione dei rischi di incidente rilevante.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)