Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Il progetto; una consultazione popolare se la Via sarà favorevole

Taranto: Comune e ecologisti confermano il no alla Regione

Saranno i tarantini a decidere se vogliono un rigassificatore nel loro porto. Nel caso in cui la valutazione di impatto ambientale tuttora in corso sul progetto presentato da Gas Natural darà un risultato favorevole scatterà la consultazione popolare. Con un referendum i cittadini diranno sì o no all'impianto.
1 febbraio 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

No al Rigassificatore a Taranto TARANTO — La soluzione è scaturita ieri mattina dall'audizione dei vari soggetti interessati alla procedura di valutazione (enti locali, sindacati e associazioni ambientalistiche) svoltasi nella sede dell'assessorato regionale all'Ecologia guidato da Michele Losappio.

Le esigenze energetiche dell'Italia, il piano della Regione (Pear), le ripetute volontà espresse dal governo indicano la Puglia come la regione destinata ad accogliere un impianto di rigassificazione sul proprio territorio.

In ballo ci sono Brindisi e Taranto. Sull'Adriatico è ancora in corso la lunga controversia sul progetto presentato dagli inglesi, sullo Jonio va avanti l'istruttoria per la valutazione di impatto ambientale del progetto degli spagnoli di Gas Natural.

Ieri mattina l'assessore Losappio ha voluto fare una ricognizione e ha confermato che Regione e ministero dell'Ambiente non possono fare a meno di esaminare i due progetti presentati dalle aziende private. Ha ricevuto in tempi Comune, Provincia, sindacati e ambientalisti.

Il Comune di Taranto, rappresentato da Gabriele Pugliese (Verdi), presidente della commissione Ambiente, e dall'assessore Bruno Pastore ha confermato il no al rigassificatore per motivazioni tecniche e politiche espresso dal consiglio comunale con l'emendamento di ricorrere al referendum.

L'assessore provinciale all'Ambiente, Michele Conserva, ha messo in discussione il sito scelto nel porto per realizzare l'impianto anche alla luce del piano regolatore e, in ogni caso, attende l'esito della valutazione di impatto ambientale.

Legambiente, rappresentata da Francesco Tarantini, presidente regionale, Aldo Fusaro, della segreteria regionale, e da Lunetta Franco, presidente del circolo Legambiente di Taranto, ha ribadito il suo fermo parere negativo. L'associazione contesta a Gas Natural di non aver risposto esaurientemente alle osservazioni al progetto e di aver lasciato in sospeso una serie di questioni.

La rotta di accesso alle navi metaniere, il riutilizzo dei sedimenti marini dragati, le interferenze sul traffico commerciale futuro, l'esame delle alternative di localizzazione, la valutazione delle compensazioni ambientali e i problemi relativi allo studio sulla prevenzione dei rischi di incidente rilevante.

Articoli correlati

  • Veleno
    Cultura
    Metti una notte d'estate

    Veleno

    Ecco cosa accade qui, nella terra amata dai greci e dai romani, nella terra che giace su due mari, tesoro di meraviglie d'arte e natura. Qui, prendi confidenza con benzene, acido solfidrico e anidride solforosa più che con i delfini del Golfo.
    19 agosto 2020 - Viviana Sebastio
  • Base navale NATO di Taranto verso l’ampliamento
    Disarmo
    Lo annuncia il sottosegretario pentastellato Mario Turco

    Base navale NATO di Taranto verso l’ampliamento

    “Andremo  a realizzare una importante infrastruttura portuale adeguata alle necessità d’ormeggio delle nuove Unità Navali Maggiori ed in genere ai nuovi bisogni operativi della Marina Militare”.
    28 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto
    Ecologia
    Il 9 luglio 1960 veniva posta la prima pietra

    Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto

    Pubblichiamo qui un'interessante ricerca del prof. Enzo Alliegro che ricostruisce la nascita della fabbrica, andando a focalizzare aspetti inediti della sua storia, con particolare riguardo alle problematiche ambientali e sanitarie
    9 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Open Data, citizen-science e ambientalismo
    Citizen science

    Open Data, citizen-science e ambientalismo

    L'esempio di PeaceLink a Taranto e possibili campagne in Sicilia
    12 giugno 2019 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)