Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

«Aria in zona Caffaro dati inattendibili»

Ambientalisti fortemente critiche nei confronti della «Prima campagna di indagine sulla qualità dell’aria del sito Caffaro», presentata dall’Amministrazione comunale e dalla dottoressa Musmeci che ha curato l’inchiesta per l’Istituto superiore di sanità.
3 aprile 2008
Fonte: Giornale di Brescia

La molecola del PCB Nella conferenza stampa convocata ieri da una decina di sigle «dell’ambientalismo del fare» - tra cui Cittadini per il riciclaggio, Comitato ambiente città di Brescia, Comitato difesa ambiente di San Polo, Comitato popolare rinascita del Centro Storico, EnergEtica e gruppo MeetUp amici di Beppe Grillo - Celestino Panizza e Marino Ruzzenenti hanno illustrato le ragioni della critica allo studio, con una serie di osservazioni che confutano tanto i metodi seguiti quanto i risultati ottenuti.

«L’indagine è stata condotta tra la fine di luglio e la metà di agosto del 2007, un periodo in cui le concentrazioni di polveri inquinanti nell’aria sono notevolmente più basse rispetto alle medie annuali e assolutamente non paragonabili ai picchi che si raggiungono in dicembre oppure in gennaio. Una situazione simile si verifica anche per le diossine: non abbiamo dati per Brescia ma i contesti urbani simili al nostro dove sono state effettuate rilevazioni dimostrano che il valore rilevato in estate può essere anche dodici volte inferiore a quello dell’inverno».

Gli ambientalisti poi non condividono neppure le conclusioni a cui è arrivata l’indagine: «Vogliono farci credere che, vista la concentrazione di industrie a Brescia, i valori di diossine così alti rilevati non debbano preoccupare ma anche in questo caso il confronto con realtà simili nello stesso periodo dell’anno evidenzia discrepanze consistenti».
Ruzzenenti e Panizza snocciolano così i dati in loro possesso: «A Brescia la concentrazione di diossine, rilevata nello studio dell’Istituto superiore di sanità, è di 83 fg/mc. Altre fonti ci dicono però che a Milano, in area urbana sia 39 fg/mc, e a Bolzano, nell’area di massima ricaduta dell’inceneritore sia 67,5 fg/mc».

La critica però prosegue: «È vero che l’aria influisce solo in parte nella determinazione dell’inquinamento, ma nello studio non si considera che le particelle in sospensione poi cadranno a terra e il valore finale deve quindi essere ottenuto sommando i valori rilevati nel terreno e nell’aria».

Dalla critica allo studio, le associazioni ambientaliste passano ad illustrare la propria tesi: «In estrema sintesi questi dati dimostrano che la Caffaro non può essere l’unica fonte di diossine e Pcb. Secondo noi - hanno concluso Ruzzenenti e Panizza - è evidente che l’inquinamento arriva da altre fonti, che identifichiamo nel Termoutilizzatore di A2A e nell’Alfa Acciai. Su questi siti però, pur avendoli promessi, non sono mai stati effettuati i controlli sulla ricaduta a terra delle polveri disperse nell’aria».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)