Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Annuncio dalla Puglia: «Pronti a smaltire 30 mila tonnellate»

«La Puglia è pronta ad accogliere fino a trentamila tonnellate di rifiuti campani, da termovalorizzare nell'impianto di Massafra». Lo ha dichiarato l'assessore all'Ecologia della Regione Puglia, Michele Losappio, in riferimento all'accordo, raggiunto ieri in Consiglio dei ministri, sul-l'emergenza rifiuti.
28 giugno 2008
Luca Barile
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

Rifiuti BARI — Il Governo ha incaricato il ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto, di convocare la Conferenza Stato Regioni per verificare la disponibilità di ogni regione a ricevere una parte dell'immondizia campana per un breve periodo di tempo.

«Quattro mesi, al massimo sei — assicura Losappio — durante i quali la Puglia è disposta a bruciare rifiuti come già aveva annunciato al Governo Prodi. Non ho ancora ricevuto nessuna comunicazione ufficiale dal ministro— aggiunge l'assessore —, ma mi sembra paradossale che Fitto approvi questa iniziativa, quando fu proprio lui a tuonare, con la sua pattuglia di parlamentari del centrodestra, contro il governo regionale pugliese quando, in quella prima occasione, offrì il proprio aiuto agli amici della Campania».

Losappio, in questa nota polemica, si riferisce all'analoga richiesta di collaborazione che il precedente esecutivo aveva fatto alle regioni all'inizio dell'anno. In quell'occasione la Puglia dichiarò di essere disponibile a ricevere rifiuti, da termovalorizzare a Massafra, per una quantità massima di 50mila tonnellate per un periodo di sei mesi al massimo. «Poiché, fino ad oggi, abbiamo trattato in quello stabilimento circa 20mila tonnellate di immondizia, fatti i conti possiamo prenderne ancora 30mila perché la nostra posizione, evidentemente, non è cambiata rispetto all'emergenza campana».

La Regione Puglia, dunque, potrebbe ricevere questa quantità di immondizia, ma solo per termovalorizzarla. I rifiuti solidi urbani, raccolti generalmente nelle ecoballe, verrebbero triturati per ottenere il cdr, acronimo di combustibile da rifiuti, un prodotto secco che serve ad alimentare i forni dei termovalorizzatori. Questi impianti sono moderni inceneritori, in grado di bruciare il cdr per produrre energia elettrica. «Ora vorremmo che il sottosegretario, Guido Bertolaso, ascoltasse la nostra dichiarazione di disponibilità tenendo presente, però, che la Puglia non è stata ascoltata sul problema della discarica di Savignano Irpino.

Quel sito — spiega Losappio — dista solo pochi chilometri da Monteleone di Puglia, nel foggiano e quindi avremmo avuto il diritto di esprimere il nostro parere, in quanto regione confinante. Sul problema dello stoccaggio dei rifiuti solidi urbani, infatti, ribadiamo l'impossibilità di poterli ricevere, eppure su questo aspetto sono state prese decisioni non soddisfacenti per la Puglia.

I camion, infatti, continuano a transitare nel nostro territorio, anche se solo per il ritorno e la soluzione suggerita dal generale Giannini non è la migliore, come si è visto perché i Tir che passano nei Comuni dei Monti Dauni arrivano vuoti, ma in numero doppio». Intanto, perché la disponibilità dell'assessore Losappio possa diventare operativa, si attende la comunicazione formale dell'accordo preso in Consiglio dei ministri e poi la convocazione, da parte del ministro Fitto, dei rappresentanti delle regioni nella conferenza.

Articoli correlati

  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)