Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Materiale ferroso con valori anomali (Cesio) alla Beltrame

Radioattività in acciaieria a Vicenza, scatta l'allarme

Vertice in prefettura, 160 operai in cassa integrazione a causa del materiale ferroso risultato contaminato da radiazioni di Cesio 137.

18 gennaio 2004

Ieri mattina poco dopo le 8 l'azienda ha rilevato valori anomali di radioattività sulle polveri depositatesi sui filtri dopo la fusione, fatta il giorno precedente, di un carico di materiale ferroso, di cui non è ancora stata accertata la provenienza. Immediatamente è scattata l'emergenza e sul posto sono arrivati tecnici dell'Arpav, vigili del fuoco, Ulss e prefettura. Sono state eseguite rilevazioni all'esterno e all'interno dell'azienda, con esito negativo per le prime. Dentro invece sono stati trovati contaminati dai gas del cesio, che probabilmente si trovava dentro un guscio di piombo che ne ha impedito la rilevazione, 250 tonnellate di polveri, residuo della lavorazione. Così gli operai che sono entrati in qualche modo in contatto con questo materiale, in tutto 7,8 persone, questa mattina dovranno sottoporsi ad accertamenti medici specifici, mentre gli altri dipendenti che si trovavano nel reparto dell'acciaieria possono stare tranquilli. Ieri sera, poco dopo le 20 il prefetto ha convocato un vertice urgente per fare il punto della situazione. E, dalle relazioni presentati dai rappresentanti dei vari organismi che ieri hanno seguito l'accaduto, è emerso che durante la lavorazione di lunedì potrebbero essere stati dispersi in atmosfera non più di 5,10 chili di gas spriogionatisi dalla fusione del cesio nell'altoforno. Una quantità che non viene ritenuta alta. Alta invece sarebbe la radioattività misurata: 25 chilobequerel per chilogrammo di polveri. La cassa integrazione è comunque scattata per i 160 operai dell'acciaieria che non potranno tornare al lavoro finchè le 250 tonnellate di polveri contaminate non verrano in qualche modo smaltite.

Articoli correlati

  • Funghi in Lombardia, ci sono ancora tracce di Chernobyl
    Ecologia
    Pubblicati sul sito di Arpa Lombardia i dati 2020 del monitoraggio della radioattività ambientale

    Funghi in Lombardia, ci sono ancora tracce di Chernobyl

    Nel 32% dei campioni di prodotti alimentari è stata individuata la presenza in tracce di cesio 137 ancora riconducibile all’incidente di Chernobyl. Su funghi spontanei superato il livello di riferimento per la concentrazione stabilito dalla normativa europea (600 Bq/kg).
    5 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
  • Gran Bretagna, elevato livello radioattività rilevato a Sellafield
    Ecologia

    Gran Bretagna, elevato livello radioattività rilevato a Sellafield

    Rilevato un aumento del livello di radioattività
    31 gennaio 2014 - Luciano Manna
  • I 10 luoghi più radioattivi del pianeta
    Ecologia
    Una classifica inquietante

    I 10 luoghi più radioattivi del pianeta

    Non solo luoghi ormai considerati apocalittici, ma anche posti apparentemente incontaminati figurano in questa inquietante classifica dei dieci luoghi più radioattivi del pianeta. Tra essi anche il Mar Mediterraneo.
    5 ottobre 2011 - Antonella Recchia
  • Centrali a carbone: mercurio e radioattività
    Ecologia
    Brindisi

    Centrali a carbone: mercurio e radioattività

    Il mercurio è un metallo molto tossico per l’uomo anche perché tende ad accumularsi negli organismi viventi. I suoi danni si esplicano principalmente a livello del sistema nervoso. Il 90% degli elementi radioattivi emessi dalle centrali a carbone è costituito dal 210 Polonio e dal 210 Piombo. I prodotti alimentari più significativi ai fini della valutazione della dose di radiazioni sono i cereali e gli ortaggi.
    18 ottobre 2009 - Maurizio Portaluri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)