Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Comunità contro siderurgiche

Il conflitto è aperto: vincerà la vita o il profitto?

Nella pre-amazzonia brasiliana, il progresso corre a tutto vapore. Piquiá é una comunità-simbolo dell'impatto che da vent'anni umilia la gente piú povera. In questi giorni, peró, é giunta una prima vittoria...
20 febbraio 2011
Dario Bossi (Missionario Comboniano, Açailândia, Brasil Nordeste)

“Il poco, con Dio, è molto”. Era il commento sulla bocca di tutti i manifestanti, alla porta della siderurgica Viena, nella nostra città di Açailândia, nord-est del Brasile.
Lavoratori e abitanti, vittime dell’ingiustizia e dell’inquinamento, uniti nelle loro rivendicazioni.
Poca era la considerazione che le industrie finora riservavano a ciascuno di loro. Molta la rabbia, molte le persone che si sono riunite, grande la forza di questa alleanza tra la causa dei lavoratori e quella socio-ambientale, entrambe in difesa della loro dignitá.

Da più di vent’anni si può attribuire alle imprese siderurgiche della regione e alla grande multinazionale del ferro, Vale, la responsabilitá per deforestazione, stimolo al lavoro schiavo, inquinamento di aria ed acqua, sfruttamento dei lavoratori metallurgici, concentrazione della terra e monocultura di eucalipto per il carbone ad uso siderurgico. Ancor oggi questa violenza, effetto collaterale del progresso e dell’aviditá, é praticata alla luce del sole.

Il villaggio di Piquiá de Baixo è un esempio evidente delle contraddizioni dello sviluppo: piú di trecento famiglie circondate da fabbriche estremamente inquinanti, senza filtri né tecnologie che riducano l’impatto socio-ambientale e sulla salute degli abitanti. Tra le vittime, anche gli operai della siderurgica Viena: fin dalla crisi del 2008, chi sta pagando (con disoccupazione, riduzione del salario e turni pesanti e prolungati) sono i lavoratori. Nel frattempo, in ottobre 2010 Viena distribuiva dividendi ai suoi azionisti per piú di 3 milioni di euro, con base nei guadagni di 2009! Il profitto é per pochi, ma il danno é di tutti!

Gli operai e gli abitanti della zona da mesi attendevano una risposta dell’impresa a questi problemi, ma nulla giungeva, malgrado le pressioni della giustizia e delle associazioni locali. Non restava alternativa se non il diritto di sciopero e di manifestazione pacifica e organizzata.
La protesta popolare, iniziata nella notte del 14 febbraio, è continuata per 42 ore. Poco a poco, il gruppo iniziale di alcune decine di persone si é trasformato in una moltitudine.
Nel frattempo, secondo il sindacato metallurgico, l’impresa minacciava e sequestrava i lavoratori disposti ad aderire allo sciopero, impedendogli di scendere dagli autobus che li portavano sul luogo di lavoro. I supervisori dell’impresa entravano e uscivano con automobili private alla ricerca di lavoratori nel turno di riposo o legati ad altri settori produttivi, come la costruzione civile. Per le imprese, tutto é possibile, per non impedire l’interruzione della produzione e del flusso di capitale.

L’intransigenza del sindacato patronale e della direzione di Viena obbligava i manifestanti ad intensificare la protesta con barricate, incendio di pneumatici e blocco della strada di accesso alla fabbrica, pregiudicando la produzione e coinvolgendo nel conflitto i media locali e regionali.
A questo punto, la negoziazione é stata subito convocata. Malgrado i tentativi di dividere lavoratori e abitanti della regione, l’unione di questi due blocchi ha permesso di soddisfare le rivendicazioni del sindacato metallurgico e degli abitanti di Piquiá de Baixo.

Le imprese siderurgiche hanno firmato un accordo con nuove e piú degne condizioni di lavoro e salario e si sono impegnate, per cominciare, a comprare un terreno in cui sará costruito il nuovo quartiere di Piquiá, lontano dagli scarichi e dalle umiliazioni degli ultimi vent’anni.
Il poco, con Dio, é molto. Ma non ancora sufficiente: i lavoratori e gli abitanti meritano garanzie permanenti di lavoro degno, salute, rispetto ambientale e riduzione significativa delle emissoni. A luta continua!

Note: http://padredario.blogspot.com/
www.justicanostrilhos.org

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)