Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Giovanni Pesce: Partigiano della Pace - l'appello contro l'energia nucleare
    PRESENTAZIONE:

    Giovanni Pesce: Partigiano della Pace - l'appello contro l'energia nucleare

    Con il messaggio antinucleare di Giovanni Pesce, il Che Guevara italiano e della Campagna internazionale ICAN - Premio Nobel per la Pace 2017 per il disarmo nucleare universale
    7 marzo 2018 - Laura Tussi
  • Stop al transito di navi e sottomarini nucleari nei porti italiani
    Iniziativa a Siracusa e Augusta per venerdì 9 marzo

    Stop al transito di navi e sottomarini nucleari nei porti italiani

    Dal 5 al 16 marzo, a largo delle coste della Sicilia orientale, andrà in scena Dynamic Manta, l’annuale mega-esercitazione aeronavale che vede protagoniste le forze armate di una decina di Paesi aderenti al Patto Atlantico (Nato). Con questa iniziativa si chiede ancora una volta alla Prefettura di Siracusa e alle competenti autorità marittime di vietare l’accesso e la sosta di unità navali a propulsione nucleare nelle acque territoriali e nel porto di Augusta, quale necessaria misura di prevenzione a tutela delle popolazioni costiere e dall’ambiente, non essendo stato ad oggi predisposto alcun piano per far fronte a un’eventuale emergenza radiologica.
    28 febbraio 2018
  • "Siamo tutti Premi Nobel per la Pace"
    Oslo 2017 - Nova Milanese

    "Siamo tutti Premi Nobel per la Pace"

    Con il messaggio antinucleare della Campagna Internazionale ICAN - Premio Nobel per la Pace 2017 per il disarmo nucleare universale
    16 febbraio 2018 - Laura Tussi
  • Il Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2017-2019
    Quattro esempi per tre sezioni: Niger, Schengen militare e missione nucleare dell’F-35, Italia potenza militare

    Il Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2017-2019

    Il motivo principale per cui l’Italia ha scelto il caccia F-35: la capacità di eseguire una missione nucleare
    28 gennaio 2018 - Rossana De Simone

Appello per il referendum sul nucleare

25 maggio 2011 - Comitati Dossetti
L'emendamento governativo all'art.5 della legge di conversione del 
decreto-legge  n.34 del 2011, approvato col voto di fiducia della Camera 
del 24 maggio, rivela in maniera palese l'intento del legislatore, del 
resto apertamente dichiarato dal Presidente del Consiglio e dai 
principali esponenti della maggioranza, di impedire lo svolgimento del 
referendum abrogativo contro l'istallazione in Italia di centrali 
nucleari, già fissato per il 12 e il 13 giugno. E' pur vero che tale 
emendamento prevede l'abrogazione delle norme sottoposte a referendum. 
Tuttavia esso esprime, nel suo primo comma, la chiara volontà non già di 
abbandonare, come propongono i quesiti referendari, bensì di sospendere 
la "definizione ed attuazione del programma di localizzazione, 
realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di 
produzione di energia nucleare", in attesa e "al fine di acquisire 
ulteriori evidenze scientifiche, mediante il supporto dell'Agenzia per 
la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza nucleare". 
Tale volontà è confermata dal comma 8^ dell'emendamento, che prevede che 
"entro dodici mesi dall'entrata in vigore" della legge sarà adottato un 
piano energetico nazionale che non esclude affatto, ma implicitamente 
include l'opzione nucleare, in evidente contrasto con la proposta 
referendaria. Fu proprio con riferimento a un simile contrasto che la 
Corte Costituzionale, con la sentenza n.69 del 1978, decise che, qualora 
una nuova disciplina legislativa, pur abrogando "le singole disposizioni 
cui si riferisce il referendum", non ne modifichi "i principi 
ispiratori" e "i contenuti normativi essenziali", allora "il referendum 
si effettui sulle nuove disposizioni legislative". I sottoscritti 
auspicano perciò che l'Ufficio per il referendum presso la Corte di 
Cassazione, sulla base dell'accertamento dell'evidente contrasto tra i 
principi ispiratori dell'emendamento approvato e l'intento dei 
proponenti del referendum, voglia trasferire il quesito referendario sul 
primo e sull'ottavo comma di tale emendamento, così consentendo agli 
elettori di pronunziarsi  contro la pervicace volontà del legislatore di 
non abbandonare il programma nucleare.

I Comitati Dossetti per la Costituzione, 25 maggio 2011


PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)