Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Partenza alle ore 16.30 da piazza Sicilia, arrivo in piazza della Vittoria e concerto finale

Corteo a Taranto il 15 dicembre 2012

Il decreto del governo sull'Ilva vuole dissequestrare quegli impianti che una perizia ha definito "pericolosi". Questo decreto viene esteso a tutti gli stabilimenti di interesse strategico. Il corteo mette al centro salute, lavoro, ambiente, reddito e cultura. E rivendica il risarcimento: chi ha inquinato deve pagare
9 dicembre 2012

corteo 15 dicembre

corteo 15 dicembre corteo 15 dicembre corteo 15 dicembre corteo 15 dicembre corteo 15 dicembre corteo 15 dicembre    Il volantino della manifestazione

Note: IL CORTEO PARTE ALLE ORE 16.30 DA PIAZZA SICILIA E ARRIVERA' IN PIAZZA DELLA VITTORIA.

SI ESIBIRANNO VARI GRUPPI MUSICALI E ARTISTI ALLA FINE DEL CORTEO.

Il provvedimento, firmato dal Presidente della Repubblica il 3 dicembre, permette allo stabilimento siderurgico tarantino ILVA s.p.a. di continuare a produrre nonostante le ordinanze dell'autorità giudiziaria che ne ha sequestrato gli impianti lo scorso 26 luglio poiché non rispondenti alle normative a tutela della salute e dell'ambiente.

Il nuovo decreto legge compromette i principi costituzionali legati al rispetto
dell'ambiente e alla garanzia della salute dell'individuo e valuta il diritto alla vita dei tarantini meno importante della corsa capitalistica di un imprenditore agli arresti.

Il programma della manifestazione:
http://lists.peacelink.it/news/2012/12/msg00015.html

Contatti portavoce del Comitato 15 dicembre:

Cataldo Ranieri cell. 3478605836

Giovanni Vinci 3496115096,

Luciana Caramia 3925670483

Contatti email: comitato15dicembre@gmail.com





L'evento sarà seguito da Rainews 24 e da altre testate giornalistiche. Per contatti stampa rivolgersi ai portavoce.

Facebook: https://www.facebook.com/events/398947076845323/?fref=ts
(è riportato l'elenco degli artisti che si esibiranno in Piazza della Vittoria)

Video http://www.livestream.com/ekowebtv

Allegati

  • Percorso del corteo

    146 Kb - Formato jpg
    Salvo variazioni non dipendenti dalla nostra volontà, il corteo si svolgerà lungo il seguente percorso: PIAZZA SICILIA VIALE LIGURIA CORSO ITALIA VIA UMBRIA VIA MEDAGLIE D'ORO PIAZZA MEDAGLIE D'ORO VIA LACLOS VIA MINNITI VIA PRINCIPE AMEDEO VIA BERARDI VIA ANFITEATRO VIA ACCLAVIO VIA D'AQUINO PIAZZA DELLA VITTORIA

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)