Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Dai barbari costumi dei comunisti ai modi civili e legali dei democratici

Ecco come hanno smesso di mangiare i bambini

I bambini contenevano troppa diossina: mangiarli era rischioso e indigesto. In Italia grazie alle larghe intese tutto sta avvenendo a norma di legge
25 aprile 2013

  Mangia-bambini

VI RACCONTO UNA FAVOLA

Venne un periodo in cui sparirono i comunisti
I bambini, infatti, contenevano troppa diossina: mangiarli era rischioso e indigesto. 

Fu così che comparvero i democratici. Gente garbata, che non alzava mai la voce né il pugno con piglio minaccioso. Grazie a loro furono abbandonati i riti macabri di un tempo

Lo si vedeva subito: i democratici erano ben più civili dei comunisti. Erano ben pagati, con la giacca e la cravatta. Non perdevano la voce ad arringare le folle come qualche facinoroso ancora faceva. Non diffondevano l'odio e l'intolleranza: invitavano tutti a stare tranquilli. Insomma erano educati, sembravano diventati proprio come tutti gli altri. Si sedevano attorno ad un tavolo senza gridare e decidevano con calma, in silenzio. 

Avevano imparato a non allarmare troppo la popolazione, erano diventati affidabili e sul loro volto non si vide più l'insana tentazione dei loro antenati. 

I risultati non tardarono ad arrivare: NESSUN BAMBINO VENNE PIU' MANGIATO.

I bambini però vivevano vicino alle ciminiere. I democratici avevano tuttavia imparato a stringere la mano al signore che possedeva le ciminiere. Quando capitava, prendevano da lui anche un contributo in denaro con la scusa di fare la campagna elettorale, ma non era vero: i democratici erano buoni d'animo e quei soldi li spendevano per curare i bambini che si ammalavano.

Purtroppo i piccoli continuavano a nascere in quartieri pieni di gas tossici e subito dopo tossivano così forte che i loro genitori si preoccupavano. Ma i democratici rassicurarono tutti e, grazie a un decreto legge, dissero che non c'era da allarmarsi: tutto questo era diventato a norma. E dunque se era legale, non bisognava credere a quelli che spargevano allarme immotivato. Nacquero - è vero - bambini con l'asma, alcuni malformati, altri con tumori al cervello e persino alla prostata. Cose incredibili. Ma è la vita: può accadere. Bisogna accettarla così come viene e non si deve incolpare nessuno.
Ma soprattutto c'era una importante novità: quelle disgrazie avvenivano a norma di legge.
Sarebbe stato preoccupante che tutto ciò fosse avvenuto violando la legge! I democratici non l'avrebbero consentito perché loro sono dalla parte della legalità e avevano eletto un presidente di cui andavano orgogliosi.

I democratici - per farla breve - non uccidevano più come i comunisti. Loro LEGIFERAVANO. 

Purtroppo alcuni magistrati, con perfidia degna dei vecchi comunisti, erano intervenuti malvagiamente, con la solita scusa di proteggere i bambini. L'invadente protervia dei magistrati venne fermata, anche perché avrebbe fermato le ciminiere e ciò non era bene. 

I tempi erano cambiati. Il mondo migliorava.

Ormai c'erano loro, i democratici: erano civili e non praticavano più i sacrifici umani dei loro antenati comunisti. Anche gli avversari di un tempo li stavano apprezzando in questa ragionevole evoluzione e venne finalmente il giorno in cui caddero le vecchie barriere dell'odio e dell'incomprensione ideologica: fu formato un governo di larghe intese.
Ai genitori che si lamentavano dei bambini continuavano ad ammalarsi, i democratici dissero di avere pazienza, che non si poteva ottenete tutto e subito e che le nuove leggi avrebbero dato presto i frutti tanto desideranti. Bastava attendere. I democratici invitarono tutti a vivere felici e contenti, ora che a vegliare sulla sicurezza di tutti c'era un governo fatto per il bene del Paese. 

Vi fu qualcuno che protestò e disse: "Infami!"
Al facinoroso fu subito recapitata una multa salatissima.
Chi osava protestare era mosso solo da un odio insano.
Molti, anche in quel caso, rimasero in silenzio per non dar peso all'insano gesto.
L'era delle sorti magnifiche e progressive era finalmente iniziata.
Note: «Mi accusando di aver detto più volte che i comunisti mangiano i bambini: leggetevi il libro nero del comunismo e scoprirete che nella Cina di Mao i comunisti non mangiavano i bambini, ma li bollivano per concimare i campi».
Silvio Berlusconi, 28 marzo 2006
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2006/03_Marzo/26/berlusconi.shtml

Mangiar bambini
di Umberto Eco
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/mangiar-bambini/1516728

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)