Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Inviato alla stampa da Giuseppe Carovigno, Rosa D'Amato, Francesco Quarto, in rappresentanza di un gruppo di cittadini senza schieramento politico

Comunicato stampa, i cittadini di Taranto e il P.E.E.

Alcuni cittadini di Taranto intervengono in merito al documento di aggiornamento del P.E.E. (Piano di Emergenza Esterno) – area industriale di Taranto – informazione alla popolazione
19 luglio 2013

lo stabilimento eni sulla città vecchia

Consultazione preventiva della popolazione ai sensi dell’art.20 del D. Lgs. 334/1999 e D.M. 24 luglio 2009 n. 139


I cittadini di Taranto intervengono in merito al documento di aggiornamento del P.E.E. (Piano di Emergenza Esterno) – area industriale di Taranto – informazione alla popolazione


Taranto, giovedì 18 luglio 2013: alcuni cittadini di Taranto, hanno incontrato la dottoressa Cosima DI STANI, Vice Prefetto in carica alla Prefettura di Taranto, attuale Capo di gabinetto, al fine di chiedere chiarimenti e presentare osservazioni in merito all’aggiornamento del P.E.E. dell’area industriale di Taranto, già oggetto di precedenti osservazioni, al fine di verificare se, quanto richiesto in precedenza fosse stato preso in considerazione e in che maniera. I cittadini hanno subito fatto notare al Vice Prefetto le criticità riscontrate all’interno dell’informativa di cui in oggetto, analizzandole punto per punto.


In prima istanza, è stato consegnato un documento contenente 2 domande in merito all’incidente occorso in data 08/07/2013 alla Raffineria ENI.


1) se ritenga il Sig prefetto che quanto accaduto in data 08 luglio 2013 alla raffineria eni spa di taranto possa avere i requisiti previsti dall'allegato VI del dlgs 334/99, così come modificato dal dlgs 238/05, ai fini della sua classificazione come "incidente" o "quasi incidente"


2) se ritenga il sig. Prefetto che esistano le condizioni previste dall'art. 300 del dlgs 152/06 in materia di danno ambientale, con riferimento anche allo sversamento, su acque costiere e terreni ai fini della applicazione di quanto indicato alla parte sesta - norme in materia di tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente, dello stesso decreto.


Il Vice Prefetto si è riservato di rispondere a queste due domande, oltre che alla lettera protocollata il giorno 09/07/2012 in seguito allo sversamento a mare verificatosi in seguito al “black out” del giorno 08/07/2013 in cui si chiedevano chiarimenti e spiegazioni in merito all’incidente stesso ed alle modalità di intervento da parte degli organi competenti, nonché sul perché gli Enti abbiamo da subito sminuito l’accaduto e il probabile danno ambientale senza attendere i risultati dell’ARPA.


Per quanto descritto al punto 2 dell’informativa sul PEE, l’ENI S.p.A. Raffineria di Taranto, in autocertificazione e sotto il controllo del C.T.R., elenca sostanze pericolose e la quantità di stoccaggio delle stesse. Nella fattispecie l’ENI indica l’Idrogeno Solforato come “molto tossico”; in realtà l’idrogeno solforato (o acido solfidrico) è ESTREMAMENTE VELENOSO, in quanto una prolungata esposizione a questo agente può essere mortale.


Negli incontri precedenti si era fatto notare, agli organi competenti, che è assolutamente improbabile che siano SOLO 7 (sette) i nuclei familiari interessati in caso di incidente rilevante dovuto alla fuga di questo elemento. Sono state così aggiunte circa 500 unità che operano nelle industrie limitrofe, così come nel settore artigianale, commerciale e dei servizi, nonché l’inserimento, come territorio interessato, anche della S.S. 106 e del tratto della linea ferroviaria TA-BA.


Per quanto riguarda l’altra industria a rischio di incidente rilevante, il PEE parla dell’ ILVA S.p.A. limitatamente all’impianto cokeria, alla rete di distribuzione gas e all’impianto di frazionamento aria. La stessa azienda indica tipologia e quantità di sostanze presenti all’interno di questi impianti (ossigeno, gas AFO, gas COKE, gas OG e gas Metano), sempre in autocertificazione e sempre verificati dal C.T.R., indicando che su 17 eventi incidentali ritenuti “credibili”, SOLO 3 (tre) sono tali da poter creare danni possibili oltre i confini dello stabilimento.


Ritenendo assolutamente insufficiente questa analisi e chiedendo spiegazioni in merito al Vice Prefetto, la stessa Dott.ssa Di Stani ci assicurava che ILVA S.p.A. sta aggiornando il suo Rapporto di Sicurezza ai sensi dell’art.8 del D. Lgs. 334/1999 e ss.mm.ii. che sarà pronto (presumibilmente) per la fine di settembre 2013/inizi di ottobre 2013, nel quale saranno integrate le richieste effettuate in seguito all’incontro precedente. Dovrebbero essere inseriti, infatti, altri fattori di rischio, come dimostrato recentemente dagli ultimi manifestazioni atmosferiche (fulmini, tornado, ecc.ecc.).


L’incontro è stato utile anche al fine di chiedere al Prefetto quali provvedimenti si stiano adottando in merito alla SANZIONE da commissionare all’ILVA S.p.A. come previsto dal primo Decreto cosiddetto “Salva Ilva” (L.231/12)
È importante notare che IN NESSUNO DEI DUE PIANI DI EMERGEZA ESTERNI (perché saranno creati due PEE distinti e separati) si parla di Effetto Domino ma, la Prefettura di Taranto, anche se non previsto, realizzerà un PIANO DI AREA che interesserà l’intera città dal punto di vista di Protezione Civile.


Nel PEE sono chiare le modalità, o meglio, le MISURE DI AUTO PROTEZIONE DA ADOTTARE in caso di incidente rilevante, anche se non di facile realizzazione da parte di tutte le utenze (leggi persone anziane, bambini o diversamente abili), e non basta certo un depliant informativo a rendere edotta e capace la cittadinanza, soprattutto in caso di una forzata evacuazione. Restano invece alquanto oscure le modalità di attuazione del SERVIZIO DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEL CITTADINO demandata all’ente comunale, nonché le modalità di esercitazione della cittadinanza in caso di REALE pericolo.


Attenderemo con ansia la stesura finale dei PEE di riferimento, invitando sin d’ora, tutta la cittadinanza, gli ordini professionali e quanti altri possano dare il proprio contributo, ad informarsi su quanto si decide nelle “stanze dei bottoni” e a RENDERSI EDOTTI.


N.B. e si è fatto anche presente che, alla cittadinanza, in data odierna, è stato impedito l’accesso al Palazzo di Città durante la conferenza stampa del Sindaco, dichiarata “a porte chiuse” dando seguito (secondo la Polizia Municipale di servizio alla porta) ad una fantomatica “ordinanza” della quale non si ha traccia e per la quale è stato chiesto regolare accesso agli atti.


Alcuni link utili: http://www.prefettura.it/taranto/multidip/index.htm (cliccando su “questionario industrie a rischio” in rosso a destra, si valuta il proprio grado di conoscenza)

 

IN ALLEGATO IL COMUNICATO IN PDF

Allegati

  • comunicato stampa pee

    i cittadini di taranto
    103 Kb - Formato pdf
    comunicato stampa pee

    Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)