Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

A Genova non sarebbe mai stato possibile, a Taranto è stato fatto.

Che cos'è lo slopping?

In quest'articolo cercheremo di spiegare cosa sia lo slopping, un fenomeno altamente inquinante per la città di Taranto.
24 settembre 2013
Gianpaola Gargiulo

Poche settimane fa abbiamo letto su diversi giornali alcune affermazioni di un fiduciario dei Riva, nell'ambito dell'inchiesta sulla presenza di una struttura ombra all'interno della società.
Uno degli indagati durante un interrogatorio ha affermato chiaramente che a Genova non sarebbe mai stato possibile il fenomeno dello splopping, mentre a Taranto l'Ilva poteva agire indisturbata senza che nessuna autorità puntasse il dito contro l'azienda, chiedendo spiegazioni su quelle dense nubi rosse che invadevano il cielo, di giorno, e soprattutto di notte.
Mettendo per un attimo da parte la rabbia e l'indignazione per l'ennesima conferma del fatto che la vita dei Tarantini sia sstata considerata di minor valore rispetto a quella dei genovesi tanto da produrre con modalità inconcepibili nell'impianto ligure, almeno stando alle dichiarazioni dei fiduciari indagati, cerchiamo di capire meglio cosa sia lo slopping.

Attraverso il supporto di un video realizzato da Fulvia Gravame, che fa riferimento ad un Convegno tenutosi qualche mese fa nell'ex Covento di S. Francesco, la sede universitaria della nostra città, cercheremo di capire meglio questo fenomeno.

Facciamo riferimento dunque alle parole pronunciate da Maria Spartera, tecnico dell'ARPA Puglia, che ci spiega il processo di produzione dell'acciaio:
l'altoforno converte la ghisa in acciaio attraverso i convertitori. Per prima cosa si deve abbassare il contenuto di carbonio presente. Questo avviene nei convertitori attraverso l'aggiunta di rottami ferrosi e l'insuflaggio di ossigeno. L'ossigeno reagisce con il carbonio e si produce ossido di carbonio. In questa fase si produce la scoria che produce il fenomeno dello slopping, ovvero la famosa fumata rossa. In effetti il convertitore ha un impianto di aspirazione. Ma se si verifica una situazione instabile nella fase della scoria e si provoca una schiuma eccessiva, abbiamo una forte polverosità chiamata slopping. Slopping a Taranto

Ovviamente abbiamo semplificato molto un fenomeno che risulta essere molto complesso e per questo vi invitiamo a guardare il video con l'intervento della dott.ssa Spartera.

Capire ciò che accade in un'azienda come l'Ilva che insieme ad altre industrie pesanti, contribuisce ad avvelenare la nostra aria, la nostra terra ed il nostro mare è un modo per combattere meglio l'inquinamento. A Taranto si è  cercato di tenere nascoste le inadempienze ad esempio dell'AIA ILVA, di modo che non si comprendesse quali vantaggi poteva averne la proprietà e quali danni la città: se come sembra attraverso alcuni sotterfugi o inadempienze delle prescrizioi AIA, i Riva sono riusciti a massimizzare la produzione e il profitto a scapito della salute dei cittadini, ciò è un fatto molto grave che non si deve ripetere.

Mantenere i cittadini nella completa ignoranza, mostrando solo il lato positivo della produzione, ovvero i posti di lavoro, senza mai citare quelli che si sono persi e che si stanno perdendo, senza far conoscere gli ingenti profitti dei proprietari dell'acciaieria, non ricordare che alcuni di loro sono pregiudicati per reati ambientali, è un modo scorretto di affrontare la coesistenza tra una zona industriale grande come quella di Taranto e una città di duecentomila abitanti. Il denaro che i Riva hanno generosamente donato a numerosi soggetti istituzionali e non, sotto forma di contributi di vario tipo, a cosa è servito se non a impedire una discussione franca sul destino di questa città? Continuare a a negare che quelle dense nubi rosse che si levano al cielo per Taranto rappresentano la morte è una tale follia che vi invitiamo a guardare il filmato.

Note: “Io ho vissuto a Genova dove non potevamo assolutamente fare nessuna, nessunissimo slopping perché ci avrebbero chiuso” ha dichiarato davanti al gip uno dei cinque fiduciari dei Riva arrestati nei giorni scorsi. A Taranto invece anche le nubi rosse e nocive sono autorizzate per legge.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/09/19/ilva-in-arrivo-quarta-norma-ad-hoc-regali-dei-governi-monti-letta-al-gruppo-riva/716048/

La Toffa delle Iene a Taranto
Incontriamo alcuni dipendenti dell'Ilva che raccontano quello che succede a Taranto.
http://mediaset.vitv.it/notizie.virgilio.it/VVMS_409388?ref=notizie.virgilio.it

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”
    Taranto Sociale
    Manifestazione "Stop al sacrificio di Taranto" del 22 maggio 2022

    “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”

    Io la malattia la vivo nel mio corpo, in lotta da un anno contro la leucemia. Noi abbiamo un potere, abbiamo la possibilità di sovvertire quest’ordine di ingiustizie. Non aspettiamo che siano gli altri a trovare la soluzione per noi, la soluzione siamo noi
    23 maggio 2022 - Celeste Fortunato
  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)