Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Maria Rita D'Orsogna, oggi a a Taranto, domani a Policoro

Nelle due tappe di questo tour informativo della docente, che vive in California, si parlerà di fracking e degli effetti di trivellazioni e fanghi sulle falde acquifere e l'atmosfera, sulla sismicità e sulla salute
28 aprile 2014 - Guido Picchetti

Incontro del 29 aprile a Policoro, Hotel Ermes, h. 18.00

Sarà oggi a Taranto e domani a Policoro (MT) Maria Rita D'Orsogna, appena arrivata dagli Usa, per incontrare cittadini comuni e esponenti istituzionali e dibattere insieme il tema, a lei caro, degli effetti che hanno le trivellazioni on shore e off-shore sull'ambiente e sulla salute umana. Un argomento di grande attualità per certe scelte decisive in campo energetico che i governi in carica in alcuni stati dell'Unione Europea - e l'Italia tra questi - stanno effettuando proprio in questi giorni per tentare di risolvere i problemi della crisi in corso ...

Ma chi è Maria Rita D'Orsogna ? Chi si occupa da tempo di tali argomenti sa bene del suo impegno come attivista ambientale, ma non tutti sanno delle motivazioni di fondo. Nata e cresciuta nel Bronx da genitori italiani che hanno mantenuto i legami con l'Abruzzo loro terra natia, ha  trascorso l'infanzia fra la tolleranza e la curiosità di New York City e la serenità e il verde di Lanciano, in provincia di Chieti. E laureatasi a Padova in Fisica nel 1996, dopo aver trascorso del tempo a Milano, Parigi, Chicago e Washington, è finalmente approdata a Los Angeles, dove vive stabilmente dal 1999 esercitando la sua professione di docente di fisica e matematica presso l'Università della California a Northrige.

Una città, Los Angeles - come ci racconta lei stessa sul suo Blog - che adora e che ancora la sorprende per tutta la sua ricchezza umana e culturale, e non solo per il sole splendente della California. Ma, quando nel 2007 venne a sapere che l'ENI in Italia intendeva trasformare i vigneti di Ortona, lungo la costa teatina, in un campo di petrolio con annessa raffineria, qualcosa scattò in lei e, sebbene lontana, in un misto di amore italiano e di razionalità americana, sentì di non poter supinamente accettare che l'ENI venisse ad alterare e inquinare un angolo d'Abruzzo e di dover fare tutto il possibile per  salvare la contrada Feudo vicino Ortona a Mare, gravemente minacciata dalle grinfie dei petrolieri. E rientrata prontamente in Italia, grazie a una mobilitazione popolare senza precedenti che con il suo aiuto si riuscì a promuovere in Abruzzo, l'ENI nel 2010 decise di  abbandonare quello che aveva sbandierato ai suoi investitori come il suo progetto più ambizioso in Italia.

Fu quello l'inizio per un impegno che Maria Rita da allora non ha mai smesso, pur continuando ad assolvere al suo incarico di docente universitario negli USA. Il tutto in un susseguirsi di voli transoceanici e di incontri qui in Italia, anche con audizioni in Parlamento con quegli onorevoli disposti all'ascolto su tali argomenti. D'altronde in Italia ci sono miriadi di concessioni petrolifere, da nord a sud,  da Vercelli fino a Pantelleria, e non poche in altrettanti piccoli e grandi paradisi naturali.... E la materia del contendere non mancherebbe certo, se solo l'informazione nel nostro Paese su tali temi facesse il suo dovere...

Da ciò  la necessità  di informare i cittadini comuni sulle scelte che si vanno compiendo a loro insaputa.   

10 minuti per spiegare il rischio trivellazioni

Il video è stato registrato nel 2009

Nei due incontri che oggi a Taranto e domani a Policoro avrà Maria Rita d'Orsogna, prime due tappe di questo suo ennesimo tour informativo in Italia, si parlerà di fracking, delle tecniche dell'airgun per l'ispezione dei fondali marini, degli effetti delle trivellazioni e dei fanghi da trivellazioni sulle falde acquifere, sullì'atmosfera, sulla salute umana e animale, sulla sismicità e sulla subsidenza indotta dalle trivellazioni.

Sarà per i partecipanti l'occasione di ascoltare dalla voce di una grande esperta le  "scomode veritè" che certe camarille vogliono nascondere, ma anche per ricordare a petrolieri e politici che l'Italia è un Paese civile ricco di storia, di cultura e tradizioni, con tesori immensi che occorre difendere e non gettare alle ortiche per ristrettezza di vedute, o, ancor peggio, per illeciti guadagni di pochi che andranno a danno soprattutto delle generazioni future.

Note:

Lunedì 28 aprile, conferenza promossa dal movimento civico "Taranto respira" (Taranto, Istituto Tecnico A. Righi, via Dalò Alfieri 51, h. 17.30)

Martedì 29 aprile, conferenza promossa da "Mediterraneo No Triv" (Policoro-MT, hotel Ermes, h. 18.00)

Il documentatissimo blog di Maria Rita D'Orsogna
http://dorsogna.blogspot.it/

Guido Picchetti vive a Pantelleria.
Nel suo blog - http://www.guidopicchetti.it/ - ha raccolto informazioni relative alla sua attività subacquea e di video documentarista, che per oltre un decennio lo ha visto impegnato sui fondali dell'Isola. Ma girovagare tra i suoi scritti significa trovare una miniera di informazioni, sul mare, sui rischi delle attività estrattive, sulle attività industriali e i danni che procurano ai nostri territori e sull'impegno - suo innanzitutto e di tanti - da continuare a opporre ad ogni scempio.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)