Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Azienda in perdita

ILVA moribonda, ma chi pagherà l'inquinamento?

Gli aiuti di Stati ad aziende private sono vietati. Nonostante ciò il Governo italiano sostiene ILVA con provvedimenti che la Commissione Europea contesta
7 novembre 2014
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno, 7 novembre 2014

L’articolo di Mimmo Mazza sulla Gazzetta del Mezzogiorno apre una visione premonitrice sull’ILVA. Quello che PeaceLink aveva ipotizzato si sta avverando. Ovvero la Commissione Europea indaga sui provvedimenti governativi a favore di quest’azienda privata. Pur di assisterla nella sua agonia, il Governo Italiano sta pompando nelle vene della moribonda acciaieria degli aiuti su cui l’Europa vuol vederci chiaro, perché le direttive europee vietano gli aiuti di Stato alle aziende private. Commissione Europea

Da tempo avevamo detto che ILVA era in coma farmacologico assistito. E’ in corso un accanimento terapeutico che sta costando, sulla base dei nostri calcoli, 95 milioni di euro di perdite al mese. I dati su cui ci basiamo sono quelli del Sole 24 Ore. Il punto di equilibrio fra costi e ricavi per l’ILVA è raggiunto a 21.500 tonnellate al giorno, ossia 7.850.000 tonnellate annue. ILVA riesce a piazzarne sul mercato – che da tempo è in sofferenza per un eccesso di capacità produttiva europea e mondiale – solo 5.800.000 tonnellate all’anno. Questo scostamento fra il punto di equilibrio e quanto oggi ILVA riesce a vendere, ha un impatto terrificante sul bilancio dell’azienda. Tanto che ILVA da tempo non presenta più un bilancio ufficiale, come è noto. Si possono calcolare le perdite attuali dell’ILVA? “Ogni mille tonnellate quotidiane in meno – scrive Paolo Bricco sul Sole 24 Ore - provocano una perdita potenziale di 17 milioni di euro al mese”.

Abbiamo allora inserito i dati su un modello di calcolo, e il risultato è stato impietoso: 1144 milioni di euro di perdite in un anno. Ossia 95 milioni al mese.

Il 30 giugno 2012 il patrimonio netto consolidato dell’ILVA era pari a 3,673 miliardi di euro; il 30 settembre di quest'anno  il patrimonio netto è crollato a  1,096 miliardi di euro. “Il 70% in meno”, sintetizza il Sole 24 Ore.

Quanto varranno le azioni ILVA una volta che, pompato il miliardo e 200 milioni in forma di aumento di capitale (come previsto dall’ultimo decreto “Salva-ILVA”, il 61/2013), scopriremo che l’ILVA continua a galoppare a rotta di collo verso nuove ingenti perdite al ritmo sopra quantificato?

Ed ecco allora il senso di quello che sta facendo la Commissione Europea. In apparenza “arcigno guardiano” delle direttive, in realtà si sta rilevando “angelo custode” per Taranto, e si conferma  la seconda autorità di riferimento – assieme alla magistratura – in questa storia che il Governo Italiano sta gestendo in maniera emergenziale, cambiando in continuazione le leggi pur di far risultare a norma una situazione che – se fossero in vigore le leggi di due anni fa – sarebbe “fuori della legge”. Nella odierna situazione, il governo italiano ha 15 giorni di tempo per rispondere alle domande della Commissione Europea che chiede conto, come scrive Mimmo Mazza, di tutti i bilanci dal 2012 a oggi, e “di tutti i provvedimenti autorizzativi in materia ambientale violati dall’ILVA dal 1996 a oggi, alla luce del principio “chi inquina paga””.

Perché il problema è proprio questo: ma chi pagherà il disastro ambientale alla fine di tutta questa storia se i soldi sequestrati ritornano nella fornace senza fondo dell’ILVA?

Da questo momento, oltre che noi a Taranto, se lo stanno chiedendo anche a Bruxelles.

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)