Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Grave incendio su una piattaforma nel Mar Caspio con 30 dispersi

Una delle piattaforme petrolifere a 75 miglia dalle coste dell'Azerbaijgian brucia dal 4 dicembre. I nostri governi devono proteggere il Pianeta
6 dicembre 2015

La piattaforma sul giacimento Gunashli (Mar Caspio) in fiamme

 La notte tra il 4 e il 5 dicembre scorso, quel tratto del Mar Caspio a 75 miglia dalle coste dell'Azerbaijgian era in tempesta. In quell'area si trova una delle piattaforme che trivellano i giacimenti Azeri–Chirag–Gunashli (ACG) della Compagnia di Stato SOCAR. La tempesta ha scatenato lo scoppio di una linea di gas e un incendio. Stando a quanto dichiarato alla BBC dalla Compagnia SOCAR, in quel momento c'erano 63 persone. Una è certamente morta, delle altre 30 non si sa ancora nulla. 

Nessuno dei disastri degli ultimi anni – di cui non si porta più il conto - è troppo lontano da noi. Tutti sono collegati al sistema di sviluppo che detta le scelte di vita in alcune parti del Pianeta, ma ne segna sempre più rapidamente l'intero destino. Nei programmi economici dell’Azerbaijan legati allo sfruttamento dei giacimenti sottomarini c'è stato sin dall'inizio l'obiettivo di partecipare ad uno dei progetti che interessano la costruzione di gasdotti per il trasporto di gas verso i Paesi dell’Unione Europea.

Ma un numero troppo modesto di persone si occupa sia delle scelte dei governi, sia di così tante vite spezzate. Tra le spiegazioni, per quanto riguarda almeno il nostro Paese, c'è l'inadeguatezza dei canali attraverso cui il sapere tecnico-scientifico si traduce in scelte economiche e produttive, e forse di chi quel mondo mette in relazione con la classe politica e giornalistica. La stessa estrazione e formazione di queste categorie (tra l'altro omogenea) non sembra di aiuto, mancando una preparazione capace di proteggere da interferenze. Né sembra di aiuto l'arretratezza che caratterizza parte delle classi imprenditoriali e finanziarie più influenti, occupate da individui incapaci di progettare benessere senza distruggere risorse e spazi di autonomia e innovazione, quando non sono consapevoli di alimentare illegalità, o meccanismi di oppressione in altre regioni del Pianeta. 

Immagini dall'Azerbaijgian (Andrey Kolghugin)

Sembra ancora che l'attenzione dell'opinione pubblica non sia abbastanza attratta da queste e altre terribili morti. Ma se ancora le vite umane sacrificate e le ferite che colpiscono i nostri mari, le coste e i fiumi, le falde profonde delle acque intorno a cui sono nate le nostre più antiche città non sono al centro delle nostre paure, delle rivendicazioni politiche e dei progetti più importanti, anche personali, vuol dire che bisogna cambiare e intervenire in fretta: dobbiamo chiedere sicurezza e responsabilità ai nostri governi e farlo in tanti. Soprattutto i più giovani dovranno chiederlo, al più presto, con convinzione e determinazione e anche con entusiasmo.

Note: Per saperne di più sull'incidente e sui giacimenti di idrocarburi in Azerbajgian

Video BBC (2015)
http://www.bbc.com/news/world-europe-35016461

Greenreport (2015)
http://www.greenreport.it/news/aree-protette-e-biodiversita/esplosione-di-una-piattaforma-petrolifera-nel-mar-caspio-e-marea-nera-a-sakhalin-fotogallery/

Sito ambasciata Azerbaijgian
http://www.azembassy.it/?page_id=1023

https://en.wikipedia.org/wiki/Azeri%E2%80%93Chirag%E2%80%93Gunashli

Articoli correlati

  • COP26, l’amaro in bocca del realismo geopolitico
    Ecologia
    L’attenzione e l’ambizione e le aspettative nei riguardi di questa COP 26 erano alte, altissime

    COP26, l’amaro in bocca del realismo geopolitico

    Lo scorso weekend si è conclusa la COP26, la ventiseiesima edizione della Conferenza delle parti l’appuntamento che dal 1992 chiama tutti i leader mondiali a decidere le strategie globali per far fronte alla crisi climatica. I pro e i contro dell'accordo raggiunto.
    17 novembre 2021 - Domenico Vito
  • Verso Glasgow: salviamo il clima con il disarmo e senza il nucleare
    Ecologia
    Il bla bla bla denunciato da Greta Thunberg è la verità

    Verso Glasgow: salviamo il clima con il disarmo e senza il nucleare

    I nostri obiettivi da portare come ecopacifisti alla Cop26 sono l’inserimento dell’impatto delle attività militari e del disarmo negli accordi di Parigi e lo sbarramento al rientro in gioco della lobby nucleare.
    23 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Lettera aperta ai ministri dell'Ambiente
    Ecologia
    In occasione del vertice dei paesi del G20

    Lettera aperta ai ministri dell'Ambiente

    Di fronte ai sempre più frequenti disastri ambientali, dodici associazioni scrivono ai Ministri dell’Ambiente riunitisi a Napoli in questi giorni per esigere un’azione globale rafforzata e coordinata, non più rimandabile, per salvare il clima.
    23 luglio 2021 - Patrick Boylan
  • Giustizia climatica: come contrastare l'emergenza climatica attraverso il diritto
    Ecodidattica
    Cambiamenti climatici e giustizia climatica

    Giustizia climatica: come contrastare l'emergenza climatica attraverso il diritto

    Le questioni climatiche vanno comprese e agite in chiave di cittadinanza globale per espandere i diritti umani in una prospettiva di tutela delle generazioni future, e delle aree più povere del pianeta
    16 luglio 2021 - Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)