Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Incontro in Prefettura con le associazioni Legambiente, WWF, PeaceLink, Legamjonici, Taranto LIDER, Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti

ILVA, europarlamentari a Taranto

Pubblichiamo l'intervento di Antonia Battaglia (portavoce EU PeaceLink) e la relazione di PeaceLink sull'inquinameno dell'aria a Taranto. E anche le parole di un operaio ILVA intervenuto in audizione: "Da operaio di quello stabilimento vi dico che l’Ilva va chiusa".
14 luglio 2016
Associazione PeaceLink

L'incendio sviluppato nell'Ilva di Taranto il giorno di Paquetta del 2016

Oggi PeaceLink è stata presente all'incontro in Prefettura con i parlamentari europei della Commissione Ambiente partecipando - assieme alle altre associazioni - con una delegazione formata da Antonia Battaglia, Fulvia Gravame, Luciano Manna e Alessandro Marescotti.
Gli interventi delle varie associazioni hanno fortemente impressionato gli europarlamentari offrendo una visione approfondita, efficace e molto documentata della situazione ambientale e sanitaria a Taranto generata dall'inquinamento industriale.
La pediatra Annamaria Moschetti (referente scientifico del Wwf) ha proiettato slides estremamente preoccupanti sui rischi correlati all'esposizione alle emissioni Ilva, suscitando un interesse e un'attenzione unanime. 
Di particolare impatto è stato l'intervento di un operaio ILVA (insieme a Nicola Ordini nella delegazione del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti) che dichiarato di essere favorevole alla chiusura della fabbrica e ha chiesto la riconversione dei lavoratori in attività di pubblica utilità, come a Genova, e di bonifica del territorio contaminato. (1)
Lo stesso Presidente ha dichiarato, a conclusione dell'incontro, di essere rimasto colpito dalle testimonianze e della mole di informazioni fornita nell'audizione con le associazioni.
L'intervento di Antonia Battaglia (portavoce EU PeaceLink) oggi nella Prefettura di Taranto si può scaricare cliccando qui.
Una relazione sull'inquinamento dell'aria di Taranto è stata consegnata da Alessandro Marescotti a nome di PeaceLink.
Note: (1) ECCO ALCUNI PASSAGGI DELL'INTERVENTO DI RAFFAELE CATALDI DAVANTI AGLI EUROPARLAMENTARI


"Da operaio di quello stabilimento vi dico che l’Ilva va chiusa"


“Parlo da operaio non da tecnico. Con la consapevolezza che quando morirò troveranno l’amianto nel mio sangue. Non mi sento rappresentato dalle Istituzioni, tantomeno dai sindacati che non solo continuano a parlare di ambientalizzazione ma sono stati capaci di portare in piazza operai Ilva con tute sporche di agenti cancerogeni.

Sempre da operaio di quello stabilimento vi dico che l’Ilva va chiusa.
Noi non siamo diversi dalla popolazione di Genova, salvata 20 anni fa anche dai fondi reperiti dalla Comunità europea.
Per noi non è giusto morire in nome del PIL nazionale e a causa di una fabbrica che non è più competitiva, che non assume e inquina solamente. Per questo ci siamo ribellati al nostro datore di lavoro quattro anni fa e tuttora continuiamo a fare non solo denunce video ma anche informazione tra gli operai".
Abbiamo messo in campo delle proposte concrete per i lavoratori. Quegli stessi che non vengono mai citati nei decreti Salva-Ilva che si sono succeduti in questi anni.
Siamo lavoratori eccellenti e per questo possiamo essere reimpiegati nelle bonifiche.
Accettate il nostro invito. Fatevi accompagnare dai Liberi e Pensanti all’interno dell’Ilva".

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)