Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Clamoroso! L'AIA dell'Ilva "non esiste più". Lo ha detto Brigati della FIOM

L'annuncio fatto dal sindacalista sul social ha fatto suscitato scalpore
26 settembre 2016
Redazione Peacelink

il post di Francesco Brigati

Lo ha detto Francesco Brigati, operaio e delegato Fiom-Cgil nell'Ilva di Taranto tramite il suo profilo social il 26 settembre 2016 alle ore 10 (come da screenshot qui accanto): "quell'Aia non esiste più".

Non si comprende la natura di tale affermazione. A nostro avviso Brigati in un solo click ha demolito l'azione di diversi livelli istituzionali che attualmente basano proprio sull'AIA Ilva il proprio lavoro: Ministero dell'Ambiente, Ispra, Arpa, Procura della Repubblica, Parlamento Europeo, Commissione Europea, Cedu e persino gli stessi organi governativi italiani che hanno fatto di tutto, legiferando, per diluire le scadenze dell'AIA concessa all'Ilva. Ma se lo ha detto Brigati...

Senza andare troppo lontano ricordiamo a Francesco Brigati che anche nel 2016, nonostante tutto, Ispra ed Arpa Puglia continuano le loro ispezioni all'interno dello stabilimento Ilva di Taranto proprio per verificare lo stato di attuazione delle prescrizioni AIA. Lo hanno fatto anche a gennaio, aprile, maggio e luglio di quest'anno così come ogni trimestre dal 2012 per questa AIA in vigore.

Facendo riferimento agli ultimi documenti pubblicati sul sito del Ministero dell'Ambiente, riportiamo in allegato, come già fatto in data di pubblicazione, la relazione ispettiva relativa al mese di aprile con la tabella di attuazione delle prescrizioni AIA, sempre a cura di Ispra. Inoltre tutte le violazioni e le diffide riportano ben chiaro sull'oggetto del documento l'AIA in essere e cioè il riferimento al decreto n. DVA-DEC-2012-0000547 del 26 ottobre 2012 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nr. 252 del 27 ottobre 2012, inoltre questa riesame della precedente del 2011. I documenti relativi all'ispezione di luglio non sono ancora pubblici.

Ma brigati non si accontenta della sua affermazione, la usa anche per "bacchettare" i cittadini che in un atto di impegno civico e di amore verso la propria città si sono recati presso il sindaco di Taranto per mostrargli le violazioni dell'AIA certificate da Ispra. Anti politica? Anti civismo? Populismo alternativo o un semplice scivolone pubblico sul social network?

In ultimo, perchè si va anche dal sindaco oltre a denunciare la mancata attuazione dell'AIA su tutti i livelli istituzionali competenti?  

Il Sindaco ha poteri di riapertura dell'AIA al fine di un suo riesame “in presenza di circostanze intervenute successivamente al rilascio dell’autorizzazione”. Qualora “lo ritenga necessario nell’interesse della salute pubblica” può chiedere alla Regione il riesame, in vista ovviamente di una revoca o modifica, dell’autorizzazione stessa. (T.A.R. LOMBARDIA, Brescia, Sez. I - 12 dicembre 2008, n. 1767). Vedere http://www.ambientediritto.it/sentenze/2008/TAR/Tar_Lombardia_BS_2008_n.1767.htm

Sig. Brigati, pensa che sia davvero questo il modo per tutelare e di informare gli operai dell'Ilva di Taranto a prescindere dal loro credo o ateismo sindacale?

 

Articolo in aggiornamento (attendendo nuove esternazioni di Brigati)

Allegati

Articoli correlati

  • "Un clima di terrore all'ILVA"
    Taranto Sociale
    Nichi Vendola dichiarò di stimare Emilio Riva ma forse non aveva letto abbastanza

    "Un clima di terrore all'ILVA"

    Il Senato della Repubblica nella seduta del 28 aprile 1998 focalizzò alcuni aspetti della gestione ILVA con varie audizioni. Ed emerse una situazione che l'allora direttore dell'INAIL definì "un clima di terrore".
    17 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Quell'esplosione notturna nell'ILVA di Taranto con la nebulizzazione del fluido cancerogeno
    Processo Ilva
    Come mai attorno all'ILVA si trovano anche i PCB oltre alla diossina?

    Quell'esplosione notturna nell'ILVA di Taranto con la nebulizzazione del fluido cancerogeno

    Il 16 agosto 1997, dentro lo stabilimento siderurgico di Taranto, esplodeva un trasformatore elettrico contenente olio a base di PCB (policlorobifenili), denominato “apirolio”. Gli operai l'inalarono i vapori cancerogeni. Questo è il racconto dettagliato che ne fanno i magistrati.
    16 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Chi è oggi il proprietario dell'ILVA?
    Editoriale
    Una vicenda sempre più ingarbugliata dopo la condanna per disastro ambientale

    Chi è oggi il proprietario dell'ILVA?

    C'è chi ritiene che gli impianti dell'ILVA siano dello Stato e chi invece sostiene che non sia affatto così; lo Stato gestirebbe solo la loro conservazione, mediante la prosecuzione o la riconversione delle attività imprenditoriali. E vi è un limite temporale, oltre il quale c'è il fallimento.
    8 luglio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)