Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Incendio in Ilva: "Grave che nessuno abbia chiamato i Vigili del Fuoco"

L'incendio è stato spento dagli operai
6 marzo 2017

I fumi sprigionati a causa dell'incendio in colata continua nr.5

Il 4 marzo 2017 alle ore 15.00 circa, dagli impianti dell'Ilva di Taranto si è alzata la solita colonna di fumo nero che è stata ben visibile anche dai quartieri più lontani dalla zona industriale. Si è verificato un incendio nel reparto della Colata Continua nr. 5, in particolare sulla linea 4.

Come si può vedere in questa fotografia l'emissione è stata molto intensa e consistente, in un primo momento si era diffusa la notizia dell'intervento tempestivo degli uomini dei Vigili del Fuoco ma immediatamente dopo fonti interne, cioè gli operai di reparto, ci hanno informato diversamente.

"In occasione di questo evento incidentale ai Vigili del Fuoco non è arrivata nessuna comunicazione, nessuno gli ha allertati e l'emergenza nel reparto interessato dall'incendio è stato gestito dagli stessi operai di reparto addetti alla sicurezza. C'è da precisare - ci riferiscono sempre gli operai - che queste persone non sono Vigili del Fuoco, hanno semplicemente fatto dei corsi interni all'azienda per gestire queste emergenze ma non possono assolutamente sostituire le professionalità e le competenze del personale del VV.F., inoltre - continuano a dirci gli operai - anche se l'incendio viene gestito dal personale interno ai Vigili del Fuoco deve comunque arrivare la comunicazione dell'evento"

Le testimonianze di questi operai sono molto inquietanti. Questi stessi operai si rendono conto di lavorare in reparti assolutamente non sicuri, inoltre percepiscono che le situazioni di pericolo non vengono neanche gestite nel migliore dei modi, in questo caso non facendo intervenire il personale competente che non solo sa come gestire questo tipo di emergenze ma deve poi verbalizzare sulle condizioni del reparto e quindi definire se idoneo alla prosecuzione della produzione dal punto di vista della sicurezza.

Ma perchè nell'Ilva di Taranto si gestiscono queste emergenze come se il recinto dello stabilimento segna il confine di un principato autonomo che gode di una legislazione differente dal territorio nazionale mettendo in atto regole e modalità di lavoro che non sembrano assicurare la sicurezza degli operai che lavorano negli impianti?

Non conosciamo l'esatta risposta ma possiamo documentare il "modus operandi" dell'azienda in avvenimenti analoghi passati sempre per incendi che si sono verificati all'interno dei reparti di colata continua. Ilva è arrivata anche a dichiarare il falso ed è stata smentita da documentazione che Peacelink ha inoltrato alla Procura della Repubblica di Taranto, come nel caso dell'incendio avvenuto il 17 aprile dell'anno scorso.

Auspichiamo che questi gravi episodi siano oggetto di indagine perchè abbiamo bisogno di conoscere la verità sempre, non solo quando un operaio in eventi accidentali ci rimette la vita a causa di incompetenza e di irresponsabilità dei repsonsabili dei reparti.

Articoli correlati

  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)