Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Incendio in Ilva: "Grave che nessuno abbia chiamato i Vigili del Fuoco"

L'incendio è stato spento dagli operai
6 marzo 2017

I fumi sprigionati a causa dell'incendio in colata continua nr.5

Il 4 marzo 2017 alle ore 15.00 circa, dagli impianti dell'Ilva di Taranto si è alzata la solita colonna di fumo nero che è stata ben visibile anche dai quartieri più lontani dalla zona industriale. Si è verificato un incendio nel reparto della Colata Continua nr. 5, in particolare sulla linea 4.

Come si può vedere in questa fotografia l'emissione è stata molto intensa e consistente, in un primo momento si era diffusa la notizia dell'intervento tempestivo degli uomini dei Vigili del Fuoco ma immediatamente dopo fonti interne, cioè gli operai di reparto, ci hanno informato diversamente.

"In occasione di questo evento incidentale ai Vigili del Fuoco non è arrivata nessuna comunicazione, nessuno gli ha allertati e l'emergenza nel reparto interessato dall'incendio è stato gestito dagli stessi operai di reparto addetti alla sicurezza. C'è da precisare - ci riferiscono sempre gli operai - che queste persone non sono Vigili del Fuoco, hanno semplicemente fatto dei corsi interni all'azienda per gestire queste emergenze ma non possono assolutamente sostituire le professionalità e le competenze del personale del VV.F., inoltre - continuano a dirci gli operai - anche se l'incendio viene gestito dal personale interno ai Vigili del Fuoco deve comunque arrivare la comunicazione dell'evento"

Le testimonianze di questi operai sono molto inquietanti. Questi stessi operai si rendono conto di lavorare in reparti assolutamente non sicuri, inoltre percepiscono che le situazioni di pericolo non vengono neanche gestite nel migliore dei modi, in questo caso non facendo intervenire il personale competente che non solo sa come gestire questo tipo di emergenze ma deve poi verbalizzare sulle condizioni del reparto e quindi definire se idoneo alla prosecuzione della produzione dal punto di vista della sicurezza.

Ma perchè nell'Ilva di Taranto si gestiscono queste emergenze come se il recinto dello stabilimento segna il confine di un principato autonomo che gode di una legislazione differente dal territorio nazionale mettendo in atto regole e modalità di lavoro che non sembrano assicurare la sicurezza degli operai che lavorano negli impianti?

Non conosciamo l'esatta risposta ma possiamo documentare il "modus operandi" dell'azienda in avvenimenti analoghi passati sempre per incendi che si sono verificati all'interno dei reparti di colata continua. Ilva è arrivata anche a dichiarare il falso ed è stata smentita da documentazione che Peacelink ha inoltrato alla Procura della Repubblica di Taranto, come nel caso dell'incendio avvenuto il 17 aprile dell'anno scorso.

Auspichiamo che questi gravi episodi siano oggetto di indagine perchè abbiamo bisogno di conoscere la verità sempre, non solo quando un operaio in eventi accidentali ci rimette la vita a causa di incompetenza e di irresponsabilità dei repsonsabili dei reparti.

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)