Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Dose tollerabile giornaliera per un bambino di 10 anni a Taranto

Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi

Diossine e PCB possono essere presenti nelle cozze di zone inquinate. Con i nuovi valori di DST (Dose Settimanale Tollerabile) divulgati dall'EFSA, a Taranto i bambini non dovrebbero mangiare più di 13 grammi di cozze a settimana
21 novembre 2018
Redazione PeaceLink

Dossina, rischio più elevato nei bambini Problema

Quante cozze può mangiare a Taranto un bambino di 10 anni senza superare la Dose Settimanale Tollerabile (DST) per diossine e PCB?

Dati

- a 10 anni un bimbo maschio pesa mediamente 31,5 kg;

- per legge le cozze devono avere massimo 6,5 pg/g di diossine e policlorobifenili (pcb);

- a Taranto il 15/6/18 le cozze del mar Grande avevano 4,9 pg/gr di diossine e pcb; potevano quindi essere vendute;

- l'Efsa dal 20/11/2018 valuta come dose settimanale tollerabile (DST) di diossine e PCB diossina-simili negli alimenti 2 picogrammi (pg) per chilogrammo di peso corporeo. Il valore è sette volte più restrittivo.

 

Svolgimento del problema

  • DST (Dose Settimanale Tollerabile) totale picogrammi per settimana per bimbo di 10 anni: 2 pg x 31,5 kg = 63 pg
  • Grammi di cozze del Mar grande di Taranto a settimana per non superare la DST: 63/4,9= 12,8 gr

 

Conclusioni

 

Diossine e PCB possono essere presenti nelle cozze di zone inquinate. Con i nuovi valori di DST (Dose Settimanale Tollerabile) divulgati dall'EFSA, a Taranto i bambini non dovrebbero mangiare più di 13 grammi di cozze a settimana.

Note: Il calcolo è cautelativo in quanto non prede in considerazione la vendita abusiva di cozze provenienti dal primo seno del Mar Piccolo (con concentrazioni più che doppie di diossine e PCB) e parte dall'ipotesi che gli altri cibi assunti assieme alle cozze siano privi di diossine e PCB.
Chiunque volesse replicare può cliccare qui https://www.peacelink.it/peacelink/diritto-di-replica

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • Open Data, citizen-science e ambientalismo
    Citizen science

    Open Data, citizen-science e ambientalismo

    L'esempio di PeaceLink a Taranto e possibili campagne in Sicilia
    12 giugno 2019 - Francesco Iannuzzelli
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)