Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Nello stato dell'Indiana prese misure precauzionali a tutela della salute pubblica.

ArcelorMittal inquina con cianuro e ammoniaca un fiume americano, moria di pesci

Perdite dall'altoforno, ammesse dalla multinazionale. Lo stabilimento è stato già al centro di attenzioni per le emissioni di piombo e cadmio. ArcelorMittal ha dichiarato di avere "programmi robusti" per conformarsi agli standard di sicurezza e che sta lavorando per risolvere i problemi
27 agosto 2019

Avviso di inquinamento del lago Michigan, viene fatto esplicitamente il nome di ArcelorMittal

Ad agosto nello stato dell'Indiana (USA) sono state prese delle misure precauzionali a tutela della salute pubblica per via dell'inquinamento causato da ArcelorMittal (vedere questo cartello affisso dalle autorità competenti).

ArcelorMittal ha poi ammesso uno sversamento di cianuro e ammoniaca.

Sono morti circa tremila pesci.

Ne dà informazione la CNN che indica in ArcelorMittal la sorgente dell'inquinamento: "The company responsible is ArcelorMittal, a steel and mining company headquartered in Luxembourg. In a statement released Friday, the company said the incident was due to a failure in a blast furnace water recirculation system at its steelmaking plant in nearby Burns Harbor".

"ArcelorMittal si è scusata e ha accettato la responsabilità per i rilasci chimici. La società ha dichiarato che un guasto al sistema di ricircolo dell'acqua dell'altoforno ha portato al rilascio di acque reflue contenenti elevati livelli di ammoniaca e cianuro", si legge sul sito Indiana Environmental Reporter. Il lago Michigan e sullo sfondo lo stabilimento di ArcelorMittal nell'area Indiana Dunes

Lo stabilimento è stato già al centro di attenzioni per le emissioni inquinanti: "L'acciaieria dell'Indiana emette 18.000 libbre di piombo all'anno", si legge sul Chicago Tribune del 23 luglio 2018. Una libbra corrisponde a 0,45 chili. L'agenzia Associated Press il 20 giugno di quest'anno è ritornata sulla questione dell'inquinamento da piombo e anche da cadmio. 

I funzionari della sicurezza dello stato dell'Indiana hanno ordinato all'azienda dell'Indiana nordoccidentale di ridurre il contatto dei dipendenti con sostanze pericolose dopo che alcuni lavoratori sono stati esposti al piombo e al cadmio.

L'amministrazione dell'Indiana per la sicurezza e la salute sul lavoro ha emesso l'ordine alla acciaieria ArcelorMittal Indiana Harbor a East Chicago, dicendo che un lavoratore è stato esposto alla polvere di piombo a 20 volte il limite di esposizione consentito e alla polvere di cadmio a 14 volte il limite per otto ore. Pesce morto

L'azienda è stata multata per diecimila dollari per le violazioni.

Mary Beth Holdford, portavoce di ArcelorMittal, ha dichiarato che la società ha "programmi robusti" per conformarsi agli standard di sicurezza e sta lavorando con l'agenzia dell'Indiana per risolvere i problemi.


Qui si possono leggere le scuse di ArcelorMittal riportate il 18 agosto di quest'anno dalla stampa americana.

Note: EAST CHICAGO, Ind. (AP) — State safety officials have ordered a northwestern Indiana steel mill to lessen employee contact with hazardous substances after finding some workers were exposed to lead and cadmium.

Indiana’s Occupational Safety and Health Administration issued the order to the ArcelorMittal Indiana Harbor steel mill in East Chicago, saying a worker was exposed to lead dust at 20 times the permissible exposure limit and cadmium dust at 14 times the limit for eight hours. The mill is being fined $10,000 for the violations.

ArcelorMittal spokeswoman Mary Beth Holdford tells The (Northwest Indiana) Times that the company has “robust programs” to comply with safety standards and is working with the Indiana agency to resolve the issues.

___

Information from: The Times, http://www.nwitimes.com

Articoli correlati

  • Peacelink: "Non sprechiamo il Recovery Fund per prolungare l'agonia dell'ILVA"
    Taranto Sociale
    Elezioni regionali in Puglia

    Peacelink: "Non sprechiamo il Recovery Fund per prolungare l'agonia dell'ILVA"

    Peacelink fa appello a tutti i candidati perché si esprimano contro un intervento assistenziale che prolunghi l'agonia dell'Ilva di pochi mesi, bruciando centinaia di milioni di euro che sarebbero invece necessari per una riconversione del sistema economico
    7 settembre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • ArcelorMittal: Comitato, "raddoppiato benzene; fermare impianti"
    Taranto Sociale
    Nel periodo gennaio-luglio 2020 nel quartiere Tamburi +113% di benzene rispetto al 2019

    ArcelorMittal: Comitato, "raddoppiato benzene; fermare impianti"

    Il Comitato Cittadino scrive al sindaco di Taranto affinché dichiari l’Ilva incompatibile con la salute pubblica e formalizzi la richiesta di fermo dei suoi impianti inquinanti
    12 agosto 2020 - AGI
  • Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA
    Taranto Sociale
    L'ILVA multata per oltre 55 milioni di euro per non aver acquistato "certificati verdi"

    Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA

    Richiesta di coinvolgimento dei cittadini ai sensi della Convenzione di Aarhus, recepita con legge 108/2001. Il Just Transition Fund non divenga la stampella per far proseguire ancora di qualche mese l'agonia dell'ILVA. Gli aiuti di stato sono vietati dal Trattato di Funzionamento dell'UE.
    23 luglio 2020 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • I terrapiattisti dell'ILVA
    Editoriale
    Come è recuperabile se perde cento milioni di euro al mese?

    I terrapiattisti dell'ILVA

    Nessuno ci ha mai spiegato come fa ad andare in equilibrio una fabbrica che, producendo meno di 4 milioni di tonnellate all'anno, dovrebbe superare i 7 milioni per raggiungere il pareggio.
    24 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)