Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Risposta a Marco Revelli

Nazionalizzare l’Ilva è il solo modo per fermare la macchina assassina?

La nazionalizzazione è l'ultima pericolosa carta che sta giocando una sinistra priva di prospettiva e di conoscenza. Nazionalizzare l'ILVA non guarisce i tumori. Non ridà salute ma prolunga illusioni puramente ideologiche, prive di base scientifica.
17 novembre 2019

Ilva "Nazionalizzare l’Ilva è il solo modo per fermare la macchina assassina". Questo è il titolo con cui appare oggi sul Manifesto un articolo di Marco Revelli (vedere file allegato a questa pagina web).

E' un articolo molto bello all'inizio. Cita dati e si schiera dalla parte giusta, ossia dalla parte delle vittime dell'inquinamento.

Ma arriva a conclusioni prive di ogni cognizione tecnologica ed economica, auspicando una "nazionalizzazione" che non fermerebbe la "macchina assassina" ma che le consentirebbe anzi di proseguire nella produzione. Revelli non fa alcun riferimento alla valutazione preventiva del danno sanitario, senza la quale si consentirebbe la prosecuzione di una produzione pericolosa, anche se nazionalizzata. E il titolo è brutto: non esiste un solo modo e una sola soluzione nel problem solving.

Revelli vuole "nazionalizzare"? Ma dica chiaramente due cose:

1) quali impianti fermare subito prima di provocare altre vittime;

2) quale piano industriale consentirebbe - in queste condizioni di mercato - di produrre gli utili?

La "nazionalizzazione" avrebbe senso se producesse utili. Ma senza il raddoppio dell'attuale produzione non vi sono gli utili per un loro uso sociale. Il mercato oggi non consente questo. E' strutturalmente caratterizzato da un eccesso di capacità produttiva. E ILVA arriva al punto di pareggio costi/ricavi solo a 7 milioni di tonnellate/anno, un livello che impossibile da raggiungere oggi. 

Adesso Ilva produce perdite gigantesche perché è ferma a 4,7 milioni di tonnellate/anno. Non ha ordini sufficienti e il mercato è in fase di rallentamento e di stress per via dei dazi. E perché dovremmo usare i soldi dello Stato per ripianare le perdite di una "fabbrica assassina"? Tanto vale usare i soldi pubblici per la riconversione dei lavoratori. 
Mentre ripianare le perdite di una fabbrica "nazionalizzata" è vietato dalle regole del Trattato di Funzionamento dell'Unione Europea (TFUE), riconvertire i lavoratori e l'economia verso progetti di sostenibilità non solo è consentito dall'Europa ma è anche finanziato dalla Commissione Europea.
In tutta questa storia della nazionalizzazione si agitano pulsioni autolesionistiche da cui la sinistra non si è emancipata. Si scambia l'industria pesante con un "bene comune" a cui poter destinare risorse pubbliche in virtù di un non bene chiarito interesse strategico.
Nazionalizzare l'industria pesante non risolve i problemi economici di una sovrapproduzione che non va alimentata ma anzi contenuta per ragioni ecologiche. Aumentare la produzione siderurgica significa sventrare la Foresta Amazzonica per le miniere di ferro, pompare l'industria dell'auto e il consumismo, aumentare ulteriormente l'ipertrofia delle grandi opere che richiedono acciaio. Significa incrementare i cambiamenti climatici invece di fermarli; ILVA con le sue centrali di gas AFO e COKE è la prima fonte in Italia di CO2, ma non vedo nessuna grande mobilitazione ecologista su questo, salvo poi andare tutti ai Fridays for Future e agli appuntamenti di Extinction Rebellion.
E poi - per tornare a Taranto - nazionalizzare l'ILVA non guarisce i tumori. Non ridà salute ma prolunga illusioni puramente ideologiche, prive di base scientifica. 
La nazionalizzazione è l'ultima pericolosa carta che sta giocando una sinistra priva di prospettiva e di conoscenza della realtà industriale, compiendo un grande regalo ai suoi storici avversari, che puntano sul soccorso statale nei momenti di crisi per poi privatizzare i profitti nei momenti migliori.
Caro Revelli, il tuo articolo è molto bello all'inizio, ma la proposta finale ci riporta al secolo scorso e non serve alla nostra causa. 

Allegati

Articoli correlati

  • La roulette russa a Taranto
    Editoriale
    Un video ideato per la manifestazione contro l'inquinamento a Taranto del prossimo 26 febbraio

    La roulette russa a Taranto

    Il nuovo video del regista Giuseppe Giusto dura appena due minuti ma è un vero e proprio colpo allo stomaco. Tra l'estremo e il paradossale, ci scaraventa dentro il dramma dell'inquinamento partendo dall'immagine di una pistola puntata alla tempia e dalla metafora della roulette russa
    16 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Conferenza stampa per la fiaccolata del 26 febbraio 2020 a Taranto
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    Conferenza stampa per la fiaccolata del 26 febbraio 2020 a Taranto

    La conferenza stampa è stata moderata da Roberto MIssiani e si è svolta presso la biblioteca del convento di San Pasquale
    16 febbraio 2020
  • A Taranto la roulette russa continua
    Taranto Sociale
    E' giusto vivere così?

    A Taranto la roulette russa continua

    Il nuovo video del regista Giuseppe Giusto arriva a sostegno della fiaccolata per le vittime dell'inquinamento che si terrà il 26 febbraio.
    16 febbraio 2020
  • Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo"
    Taranto Sociale
    Taranto non si arrende!

    Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo"

    Durante la conferenza stampa per Fiaccolata per le vittime dell'inquinamento del 26 febbraio Martina: "L’appello che però lancio agli adulti, è quello di prendere coscienza e superare ogni divisione. Noi abbiamo bisogno del vostro esempio. Voi avete bisogno della nostra voglia di cambiare il mondo."
    15 febbraio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)