Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Articolo scientifico di Ronald N. Kostoff, Paul Heroux, Michael Aschner e Aristides Tsatsakis

Effetti avversi sulla salute della tecnologia di rete mobile 5G in condizioni di vita reale

Questa pubblicazione è apparsa il 1° maggio 2020 su ScienceDirect, la fonte è "Toxicology Letters"
Fonte: Toxicology Letters, Volume 323, 1 May 2020, Pagine 35-40 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31991167

Questo articolo dimostra gli effetti avversi delle radiazioni non ionizzanti e non visibili (d'ora in poi chiamate radiazioni wireless) riportati nella più importante letteratura biomedica.
Esso mette in evidenza che la maggior parte degli esperimenti realizzata in laboratorio al momento non sono concepiti per identificare gli effetti avversi più severi derivanti dall'ambiente operativo della vita reale nel quale operano le radiazioni dei sistemi wireless. Molti esperimenti non includono la pulsazione e modulazione del segnale portante.

La grande maggioranza non tiene conto degli effetti collaterali sinergici di altri stimoli tossici (come quelli chimici e biologici) che agiscono di concerto con le radiazioni wireless.

Questo articolo inoltre presenta l'evidenza che la nascente tecnologia 5G per il network mobile della diffusione versatile e  nascente, non riguarda solo la pelle e gli occhi, come si crede comunemente,  ma ha anche effetti avversi sistemici. 5G

---

Pubblicazione

Toxicol Lett. 2020 May 1;323:35-40. doi: 10.1016/j.toxlet.2020.01.020. Epub 2020 Jan 25.

Autori

Ronald N. Kostoff

Research Affiliate, School of Public Policy, Georgia Institute of Technology, Georgia, United States. Electronic address: rkostoff@gmail.com

Paul Heroux

Toxicology and Health Effects of Electromagnetism, McGill University, Canada

Michael Aschner

Molecular Pharmacology, Einstein Center of Toxicology, Albert Einstein College of Medicine, United States

Aristides Tsatsakis

Laboratory of Toxicology, Medical School, University of Crete, Voutes, 71409 Heraklion, Crete, Greece; Department of Analytical, Toxicology, Pharmaceutical Chemistry and Pharmacognosy, Sechenov University, 119991 Moscow, Russia. Electronic address: toxlab.uoc@gmail.com

Conferenza del dott. Paul Heroux sul 5G

Note: Si ringrazia Alessandra Mariani per la traduzione.

Allegati

  • Bloccata la sperimentazione del 5G a Bruxelles

    IRVEN ZANOLLA
    Fonte: TuttoAndroid
    64 Kb - Formato pdf
    La decisione è stata presa nell'aprile del 2019 da Céline Fremaul, ministra dell’ambiente della regione di Bruxelles, secondo cui ci sono ancora troppe incertezze.

Articoli correlati

  • Non vi è alcuna necessità tecnica di avere il 5G in casa
    CyberCultura
    Cosa non si fa per vendere nuovi cellulari e per promuovere nuovi lucrosi piani telefonici

    Non vi è alcuna necessità tecnica di avere il 5G in casa

    Portare il 5G in casa è come parcheggiare l'auto in salotto per una ragione di "comodità". Il 5G in casa (l'unica ragione per cui sforare i 6 V/m in quanto fuori casa c'è il limite di 20 V/m) è inutile se vi è la fibra e il wireless propagato dal ruouter
    28 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Le novità "verdi" del governo Draghi
    Ecologia
    Va in aula il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)

    Le novità "verdi" del governo Draghi

    Dall'innalzamento dei limiti all'inquinamento elettromagnetico per lanciare il 5G al ponte sullo stretto di Messina, ecco le novità del PNRR, il piano per rispondere alla crisi pandemica provocata dal Covid-19.
    31 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
  • "5G, alla Camera alzati i limiti con placet M5S"
    Ecologia
    Sarà consentito il superamento del limite attuale di 6 V/m per i campi elettromagnetici

    "5G, alla Camera alzati i limiti con placet M5S"

    Ambiente, Europa verde: "Lo scorso 24 marzo, la Commissione Trasporti e Tlc della Camera dei Deputati ha approvato un parere con osservazioni al Pnnr esprimendosi favorevolmente all'aumento dei limiti di emissione elettromagnetica nell’ambito dello sviluppo del 5G".
    28 marzo 2021 - LaPresse
  • Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?
    Disarmo

    Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?

    Unione Europea e NATO devono collaborare e convincere i loro stati membri a sviluppare la tecnologia 5G
    4 ottobre 2020 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)