Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

L'esame della riforma passerà a settembre al Senato dopo il voto alla Camera

La Camera dei Deputati si spacca sugli ecoreati

La maggioranza si è divisa sull'ordine del giorno sugli ecoreati. Il testo, che aveva il parere contrario del governo, è stato respinto con 186 voti contro 181. A favore ha votato il M5s e parte del Pd. La raccolta di firme di PeaceLink continua fino a settembre, quando il testo andrà al Senato.
3 agosto 2021
Redazione PeaceLink

Ecoreati: non fermate i processi!

Per soli cinque voti non è passato l'ordine del giorno sugli ecoreati. Draghi e la Cartabia erano contrari a inserire gli ecoreati fra i reati per i quali non vale la tagliola dell'improcedibilità.

E così gli inquinatori avranno più probabilità di farla franca se i processi non rispetteranno i perentori limiti dei due anni per l'appello e dei 12 mesi per la Cassazione: il processo verrà stoppato.

Ma vediamo cosa è successo stasera.

La maggioranza si è divisa sull'ordine del giorno sugli ecoreati. Il testo, che aveva il parere contrario del governo, è stato respinto con 186 voti contro 181. A favore dell'odg ha votato il M5s e parte del Pd. Terminato il vaglio dei 95 odg presentati, la seduta è stata sospesa.

(Rainews)

Il governo ha rischiato di andare sotto alla Camera: l’ordine del giorno presentato da Rossella Muroni sugli ecoreati, che chiedeva di escludere dalla tagliola prevista dalla riforma della giustizia i processi legati ai reati ambientali, è stato bocciato solamente per cinque voti. Inizialmente accantonato per riformulazione dal sottosegretario Francesco Paolo Sisto, il testo della deputata del gruppo Misto è tornato al centro del dibatitto nella seduta del pomeriggio, sostenuto da molti membri dell’opposizione. Si è quindi andati al voto con il parere contrario del governo, ma a favore dell’odg hanno votato, oltre al M5s, anche diversi deputati del Pd. Alla fine è stato bocciato con 186 no e 181 sì.

(Fatto Quotidiano)

Ormai il Governo e i partiti hanno scopero le carte, rivelando quali sono i reali intenti della riforma.

E' stata pubblicata la tabella con i deputati che hanno votato a favore o contro l'ordine del giorno (cliccare qui).

La raccolta di firme di PeaceLink per chiedere l'inserimento degli ecoreati nel testo della ministra Cartabia continua fino a settembre, quando il testo sarà esaminato dal Senato.

La raccolta di firme online si effettua cliccando qui www.peacelink.it/ecoreati

Questa è l'intervista di stamattina ad Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink, che spiega le ragioni della campagna si sensibilizzazione sui pericoli contenuti nella riforma della giustizia. 

Note: Il ddl, che originariamente era stato proposto durante il Governo Conte Bis dall'allora guardasigilli Alfonso Bonafede, passa ora al Senato per la seconda lettura che comincerà dopo la pausa estiva con approdo in aula a settembre. http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Giustizia-seduta-alla-Camera-votazione-finale-sul-provvedimento-b15cc359-18c7-45e9-805f-4e86866c0df5.html

Articoli correlati

  • "Riforma Cartabia: dove sono le Sardine?"
    Sociale
    Tra firmatari Salvatore Borsellino, Gaetano Saffioti, don Stamile

    "Riforma Cartabia: dove sono le Sardine?"

    Nell'appello si legge: "Nessuna reazione alle parole di preoccupazione espresse da Gratteri in audizione alla Commissione giustizia. Dov’è finito il popolo variegato che un paio di anni fa aveva promesso di non lasciare solo il procuratore antimafia di Catanzaro?"
    3 agosto 2021 - ANSA
  • Le dita nella marmellata
    Laboratorio di scrittura
    I deputati sono arrivati di domenica per lavorare sodo tutti insieme e appassionatamente

    Le dita nella marmellata

    Questa notte, fra lunedì e martedì, hanno lavorato con febbrile dedizione alla Causa. Insonni. Hanno fatto le tre di notte per votare la "riforma" della giustizia. La Grande Riforma per mettere in riga la magistratura ha preso forma. Da Forza Italia al M5s. Al grido di "onestà, onestà".
    3 agosto 2021 - Alessandro Marescotti
  • Colpo di spugna per gli ecoreati mentre i boschi bruciano
    Editoriale
    Il Parlamento sta discutendo un testo inaccettabile sotto il profilo ambientale

    Colpo di spugna per gli ecoreati mentre i boschi bruciano

    Il disastro ambientale non è incluso nelle eccezioni all'improcedibilità. La riforma della giustizia rischia così di fermare tanti processi ambientali. Si sono mobilitate le associazioni. PeaceLink sta raccogliendo le firme dei cittadini prima che sia troppo tardi. Firma qui anche tu.
    2 agosto 2021 - Associazione PeaceLink
  • "La peggiore riforma della giustizia che abbia mai visto"
    Sociale
    Così il procuratore Gratteri definisce in TV il testo della ministra Cartabia

    "La peggiore riforma della giustizia che abbia mai visto"

    E c'è il rischio di applicare il principio di retroattività della legge penale più favorevole: “Se la legge del tempo in cui fu commesso il reato e le posteriori sono diverse, si applica quella le cui disposizioni sono più favorevoli al reo, salvo che sia stata pronunciata sentenza irrevocabile”.
    2 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)