Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Ma il senatore Vaccaro (M5S) parla di "passi in avanti" sui diritti umani in Qatar

I gas dell'emiro del Qatar al posto del gas di Putin

Il ministro verde tedesco Robert Habeck ha chiuso un accordo per il gas con l'emiro Al Thani. Habeck aveva dichiarato qualche giorno fa che occorre "ridurre e infine distruggere" il potere di Putin. Il Qatar è nella lista delle nazioni che violano i diritti umani.

L'incontro del ministro verde tedesco Habeck (sulla sinistra) con l'emiro Al Thani (sulla destra) per la fornitura del gas del Qatar in sostituzione del gas russo. Foto del 20 marzo 2022.

"Dovremmo fare tutto il possibile per ridurre il potere di Putin e, alla fine, per distruggerlo". Parola del ministro dell'economia tedesco, il verde Robert Habeck (Reuters 18 marzo 2022).

Il ministro Habeck ha incontrato nel Qatar l'emiro Al Thani, nel tentativo di superare la dipendenza dal gas russo. Habeck punta sul gas  dell'emiro. Li vedete entrambi nella foto.

L'approvvigionamento punta sul GNL, il gas naturale liquefatto.

Ma in Qatar si rispettano i diritti umani? Una delegazione italiana da due giorni è proprio lì, per incontrare il Comitato Nazionale per i Diritti Umani, e fra questi c'è il senatore pentastellato Sergio Vaccaro. "E' fra i paesi arabi ad aver fatto più passi in avanti sul fronte dei diritti umani", dice Vaccaro.

Le fustigazioni sono usate in Qatar come punizione per rapporti sessuali illeciti. L'articolo 88 del codice penale del Qatar dichiara che la punizione per "fornicazione" consiste in 100 frustate.

Chiudi

L'obiettivo è «rendersi autonomi dai ricatti russi sul gas», spiega Luigi Di Maio da Doha.

Il ministro degli Esteri ieri era in Qatar, insieme all'amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi, per incassare l'impegno a «rafforzare la partnership energetica con l'Italia», preparato in queste settimane dai colloqui telefonici del premier Mario Draghi con l'emiro Al Thani. Uno dei passi messi in atto dal governo italiano per costruire, nel più breve tempo possibile, una strategia di approvvigionamento che renda il nostro Paese sempre più autonomo dai rubinetti di Putin, dai quali la politica energetica degli ultimi governi ci ha reso sempre più dipendenti: vuol dire trovare fonti alternative per il 40% del fabbisogno nazionale.

«Il Qatar - spiega Di Maio da Doha - è un partner energetico storico e affidabile per noi e per l'Europa: è il nostro principale fornitore di gas liquefatto e il terzo in termini assoluti di gas naturale». Ieri le autorità qatarine «hanno confermato che si impegneranno a rafforzare la partnership con l'Italia». Ma Doha è solo una delle tessere del complesso puzzle che si sta cercando di costruire per sottrarsi ai «ricatti» del satrapo di Mosca: «Stiamo pianificando altre missioni per diversificare le forniture - dice il titolare della Farnesina - e definendo un piano italiano di sicurezza energetica per tutelare i nostri cittadini e imprese, lavorando di concerto con gli altri Paesi dell'Unione europea».

Il Giornale, 7 marzo 2022

La lista delle violazioni dei diritti umani in Qatar ha spinto le principali organizzazioni in difesa dei diritti umani a denunciare gli abusi commessi in questo emirato

Articoli correlati

  • Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia
    Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
  • Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore
    Pace
    E' moralmente sbagliato armare gli ucraini perché li condurrà sulla strada del disastro

    Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore

    Se si armano gli ucraini alla fine si arrecherà un grave danno all'Ucraina. Mentre l'Occidente arma l'Ucraina, i russi reagiranno e finiranno per fare ancora più danni all'Ucraina di quanti ne siano stati fatti finora.
    3 luglio 2022 - John Mearsheimers
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)