Primo maggio: festa del lavoro

C'era una volta la festa del lavoro. I lavoratori si fermavano e ringraziavano per i diritti acquisiti. Oggi c'è la festa del lavoro. I lavoratori precari non si fermano e ringraziano il cielo per essere ancora vivi e per non poter pagare il mutuo contratto per loro dal babbo [pensionato].

Attenzione: carichi sospesi Primo maggio: festa del lavoro. Una data che tutti i lavoratori conoscono, che alcuni studenti associano al concerto in Piazza san Giovanni, e che altre persone - che non molto tempo fa erano lavoratori - non conoscono più, ma non per colpa loro.

Le chiamano morti bianche. Nel vocabolario non c'è traccia. Sull'enciclopedia on line Wikipedia esiste un abbozzo di omicidi bianchi il quale riporta la seguente definizione:


Con l'espressione omicidi bianchi vengono definite le morti negli incidenti sul lavoro, le cui vittime sono spesso ricordate nelle strade e nelle piazze d'Italia come "caduti del lavoro".
Questa definizione si è diffusa all'interno del movimento operaio italiano a partire dagli anni '60, per indicare con un'espressione "forte" le responsabilità oggettive del capitalismo - ed in generale di ogni sistema di sfruttamento della forza lavoro - nelle migliaia di morti l'anno in campo edilizio, nelle miniere e nel settore siderurgico.
Negli ultimi anni, parallelamente ad una riduzione degli incidenti mortali, è apparso anche sulla stampa legata al movimento dei lavoratori, l'eufemismo "morti bianche".

L'Associazione PeaceLink vuole dedicare la Festa dei Lavoratori ad alcune persone in particolare:

- a chi ha lavorato, straniero in terra straniera, in Italia, in nero, raccogliendo pomodori, su impalcature scomparse il giorno dopo la sua caduta... e a tutte le persone che non possono testimoniare più nulla;

- a chi lavora, sempre in nero, e non avrà mai una pensione;

- agli operai del mezzogiorno che hanno trovato lavoro al nord e vedono la loro famiglia ogni due mesi;

- ai laureati con tanto di master all'estero che se riescono a trovare un lavoro [precario] in un call-center si ritengono fortunati;

- ai lavoratori [sempre precari], ma con un lavoro e/o retribuzione più dignitosa;

- a chi, pregando tantissimo san Precario e sant'Assunta d'Avvero, ha finalmente trovato il lavoro che ha sempre meritato, nella speranza che non dimentichi chi ancora non ha avuto la sua fortuna;

- ai figli di papà che ha la fabbichètta, e non fanno nulla tutto il giorno. Un augurio sincero che quell'attività sia sana e gli duri tutta la vita;

- a chi ha osato rischiare e, magari insieme ad amici, ha avviato un'attività in proprio gli auguriamo tanta fortuna [che non guasta] e gli chiediamo di trattare decorosamente i suoi dipendenti;

- a chi calpesta il soffitto di cristallo quella stanza dei bottoni inarrivabile per tutti i comuni mortali. Chiediamo leggi e tutele giuste.

Note: Ora che lo rileggo mi sembra più una preghiera che un editoriale, ma il lettore spero mi perdonerà: ho un lavoro [precario] pure io.
Speriamo che duri.

Articoli correlati

  • Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura
    Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Liuba, le altre e i figli da buttare via
    Sociale
    Donne che non hanno paura

    Liuba, le altre e i figli da buttare via

    A volte la discriminazione è più sottile, e non è meno grave. Ma ascoltare quello che Liuba è costretta a subire, con altre donne dipendenti della multinazionale dell'abbigliamento Yoox, fa accaponare la pelle
    10 dicembre 2020 - Lidia Giannotti
  • Bye Amazon
    Economia
    Un modo insolito per festeggiare i diritti dei lavoratori

    Bye Amazon

    Vale la pena abbandonare un posto di lavoro pagato un milione di dollari? In certe occasioni, pare proprio di sì!
    7 maggio 2020 - Tim Bray
  • Il Primo Maggio e le nuove frontiere del lavoro
    Editoriale
    Nuove forme lavorative e nuovi modelli possono essere applicati

    Il Primo Maggio e le nuove frontiere del lavoro

    Una sfida che si presenta all’umanità è la riconversione ecologica dei modelli di sviluppo e lavorativi e del sistema di sostenibilità globale per uno sviluppo umano che tenga in considerazione fondamentalmente il bene comune
    29 aprile 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)