Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
Questa è l'ora X per i signori del petrolio e della guerra

La cattura di Saddam toglie ogni alibi all'occupazione militare

Ora è il momento della svolta vera oppure è il momento della presa per i fondelli di un intero popolo. Per riportare la democrazia ora occorre passare il potere a organismi locali liberamente eletti e riconosciuti dalla popolazione come sovrani.
14 dicembre 2003 - Alessandro Marescotti

E' stato catturato.
Ora non vi più alcun alibi per un'occupazione ad oltranza.

Dopo la ricerca delle armi di distruzione di massa e il loro mancato ritrovamento, dopo la stagione delle bugie e della propaganda è stata compiuta e messa a segno la missione numero uno per cui veniva giustificata in seconda battuta la guerra e poi l'occupazione.

Per riportare la democrazia ora occorre passare il potere a organismi locali liberamente eletti e riconosciuti dalla popolazione come sovrani.

Saranno queste realtà espressione della volontà generale a dire se esse vogliono o non vogliono l'aiuto di truppe straniere (e di quali nazioni), se vogliono o non vogliono l'Onu, se il petrolio e le ricchezze nazionali debbano essere gestite dagli irakeni o dagli americani.

Siamo al momento più delicato della faccenda. Questa è l'ora X per i signori del petrolio e della guerra.

La si può gestire con lo stesso ipocrita trionfalismo con cui si è abbattuta la statua di Saddam. Come pure si può cogliere l'occasione per guardare a tutti gli errori commessi al fine di cercare una strada d'uscita. La cattura di Saddam, infatti, non è la vittoria, non è la via d'uscita dal pantano irakeno. E' solo la porta di ingresso in una prospettiva diversa. Che ha un solo nome: il potere agli irakeni. Quel potere che Saddam aveva tolto e che - pur nella clandestinità - serbava come simbolo ambiguo di resistenza e catalizzatore di una parte delle forze del vacchio regime; l'Iraq è stato vittima di una guerriglia che ha usato le stesse tecniche dei piani di sabotaggio previsti in Italia dagli americani in caso di governo a partecipazione comunista. Il sabotaggio sistematico basato sul "tanto peggio tanto meglio" era finalizzato a rendere ingestibile tutto. Era un sabotaggio che non mirava solo a mettere in difficoltà gli americani ma che toglieva ogni ruolo a quella neonata società civile irakena orientata verso la partecipazione democratica e verso un'autonoma scelta del proprio futuro politico. Da una parte la resistenza di Saddam e dall'altra la prova di forza delle truppe americane: era un'alternativa secca da cui non si usciva. E ne faceva le spese la volontà popolare, di cui non hanno mai voluto tener conto né Saddam né Bush.

Ora è il momento della svolta vera oppure è il momento della presa per i fondelli di un intero popolo.

Che Bush ne sia convinto o no è questo il momento di passare i poteri, o il futuro diventerà per i soldati americani l'inferno del Vietnam.

Senza un gesto saggio - magari compiuto controvoglia dalle forze occupanti - allora il simbolo della lotta all'occupazione passa nelle mani del terrorismo fondamentalista collegato a Bin Laden il quale in questo momento vede cadere il suo rivale Saddam.

Se non si compie al più presto questo passaggio democratico di poteri allora la resistenza - che fino ad ora era interpretata per lo più come terrorismo pilotato da Saddam - diventerà un fenomeno generalizzato e incontenibile.

Con una guerra di liberazione nazionale (magari ispirata alla teocrazia e benedetta da Al Qaeda) verrebbero meno le speranze per un cambiamento non violento e basato su una volontà popolare espressa tramite il meccanismo della maggioranza e della minoranza, ossia la regola della democrazia.

Nel Seicento il liberale John Locke scrisse che quando il potere sottrae al popolo la sovranità allora il potere torna al popolo a cui spetta il diritto di resistenza.

Noi pacifisti - che condividiamo il diritto a resistere all'oppressione con strumenti il più possibile non violenti - non amiamo la guerriglia. Ciò premesso, è facile tuttavia prevedere una più forte resistenza se Bush - dopo il successo della cattura di Saddam - continuerà a dare alle sue truppe l'ordine di occupare l'Iraq a tempo indeterminato senza riconoscere agli irakeni il diritto all'autodeterminazione e alla sovranità sul proprio territorio.

Ogni popolo ha diritto a resistere ad un'occupazione militare. La resistenza può essere armata o nonviolenta, oppure è un mix. Più è di popolo, più è partecipata e meno è armata. Per quanto possa sembrare una irrealistica prospettiva, è auspicabile una vasta resistenza popolare non armata. Lo spirito di Gandhi non ha finora aleggiato in Irak. Tracciare con lo spray sulle corazze militari il simbolo della pace e issare la bandiera arcobaleno non sarebbe tuttavia una cattiva idea. A pensarci bene un accerchiamento pacifico di popolo dei blindati angloamericani - fatto anche da donne, anziani e bambini - sarebbe di fatto la fine della guerra e di un'occupazione senza sbocco.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)