Da questa missione dipende il futuro dell'ospedale di Kimbau in Congo, dove le persone vivono con 20 centesimi al giorno

Parte un volontario per l'Africa e abbiamo deciso di aiutarlo

Vogliamo farti sapere che esistono le nostre speranze, i sogni, i progetti di un domani migliore. E che abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.
21 ottobre 2010

Da questo editoriale, per una volta, ti raccontiamo di noi.

Fra pochi giorni parte per l'Africa Paolo Moro, un volontario che sosteniamo perché aiuta la dottoressa Chiara Castellani e l'ospedale di Kimbau in Congo (www.kimbau.org).

Ecco come si arriva a Kimbau

Le statistiche dicono che lì si campa con 20 centesimi al giorno. Paolo Moro ci racconta che lì, quando finisce tutto, si mangiano anche i bruchi e i topi, senza tanti problemi.

Dalla sua missione dipende una cosa importantissima: far arrivare acqua e luce nell'ospedale.
Crediamo in questo sogno. Abbiamo stanziato 10 mila euro tra ieri e oggi. Dalla foto poi notare come è difficile arrivare a Kimbau. Ed è pericoloso perché nel viaggio è facile prendere la malaria.

Contemporaneamente abbiamo pagato 1.920 per dare al server centrale di PeaceLink un altro anno di funzionamento. Non è uno scherzo sostenere la pressione di circa 5.000 utenti web al giorno, che esplorano spesso il sito in simultanea. Vogliamo offrire un servizio di qualità, senza rallentamenti.

Non ci sarebbero grandi problemi se ci rivolgessimo a sponsor e se ospitassimo la pubblicità. Ma abbiamo preferito rimanere sempre liberi.

E sono i nostri donatori che pagano questo gesto di libertà e di indipendenza. E per fare ciò ci siamo basati sul volontariato di tutti, dal Segretario, al Presidente, a tutti i nostri collaboratori.

Vogliamo continuare così: 100% liberi, volontari e indipendenti.

Dipendiamo solo da persone libere che ci stimano e ci vogliono mantenere attivi.

Vogliamo farti sapere che esistiamo, con le nostre speranze, i nostri sogni, i nostri progetti.
E che abbiamo bisogno anche del tuo aiuto, perché tu sei l'unico sponsor pulito su cui vogliamo continuare a basarci.

Il modo più veloce di donare a PeaceLink è su Banca Etica ONLINE con carta
di credito cliccando su http://vpos.bancaetica.com/peacelink.php

Oppure

- conto corrente postale 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink,
C.P. 2009 - 74100 Taranto

- conto corrente bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad
Associazione PeaceLink
IBAN: IT 65 A 05018 04000 000011154580

 

Per informazioni o problemi tecnici, manda un sms al 3471463719, sarai contattato a voce.

Non rimandare a domani una scelta importante: quella di aiutare chi fa volontariato.

Grazie!

 

Alessandro Marescotti
Presidente di PeaceLink
http://www.peacelink.it

Note: Clicca su www.kimbau.org per saperne di più sull'ospedale di Kimbau.

Articoli correlati

  • "Luca Attanasio non è morto invano"
    Kimbau
    Testimonianza di Chiara Castellani per Luca Attanasio

    "Luca Attanasio non è morto invano"

    La dottoressa Chiara Castellani, medico missionario nella Repubblica democratica del Congo parla dell’ambasciatore Luca Attanasio di cui era amica
    27 marzo 2021 - Umberto Rondi
  • Chiara Castellani racconta Luca Attanasio
    Kimbau
    Voci dal Congo

    Chiara Castellani racconta Luca Attanasio

    Luca era dalla nostra parte: documentava, fotografava, denunciava. Come si può fermare tutta questa mostruosità? Smettendo di vendere le armi, anzi smettendo di scambiare armi con minerali preziosi.
    1 marzo 2021 - Laura Tussi
  • "Voglio che il mondo sappia il bene che ha fatto, la memoria è sacra"
    Kimbau
    L'uccisione in Congo dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio

    "Voglio che il mondo sappia il bene che ha fatto, la memoria è sacra"

    La dottoressa Chiara Castellani, missionaria laica nella Repubblica Democratica del Congo, lo ricorda assieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e all'autista
    23 febbraio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"
    Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)