Lettera a Famiglia Cristiana sulle "missioni di pace"

27 novembre 2012

Gentile Direttore Antonio Sciortino,
Gentile Redazione di Famiglia Cristiana,

nel settore "attualità" del Blog di Famiglia Cristiana si legge una recensione ad un libro edito da San Paolo, dal titolo "Il cuore delle missioni di pace". Vi si legge un elogio delle lettere e dei messaggi inviati dai soldati durante le cosiddette missioni di pace. E' anche specificato che la recensione si esime dal dibattito parlamentare sui costi delle armi e su quanti ritengano che l'espressione giusta da usare sia "missione di guerra" o "missione di pace".
Noi Redattori di PeaceLink rimaniamo perplessi per questa recensione in quando da anni la rivista Famiglia Cristiana ha sempre assunto posizioni di denuncia della guerra, comunque sia camuffata, distinguendosi come una voce critica, fuori dal coro, e al contempo costruttiva nel contesto sociale. In queste "missioni di pace" vengono taciute le vittime, i costi e i retroscena economici. Noi Redattori di PeaceLink, attivisti per la pace, riteniamo che oggi i militari italiani impegnati in teatri di guerra come l'Afghanistan stiano combattendo una guerra a tutti gli effetti. Negarlo è impossibile. Per cui è una missione completamente incompatibile con quanto previsto dall'articolo 11 della Costituzione. Dunque vorremmo comprendere, insieme alla redazione di Famiglia Cristiana, quali siano le motivazioni che sottendono ad una recensione su queste "missioni di pace" che non ne metta in evidenza i restroscena geostrategici, militari e di controllo delle risorse, oltre che di violenza e di morte. Crediamo che, per innescare processi di pace, occorre avviare processi di coscientizzazione e di informazione sulla guerra, specie quando viene furbescamente sdoganata con il nome di "pace".

Patrick Boylan, Alessio Di Florio, Alessandro Marescotti, Laura Tussi
PeaceLink

Articoli correlati

  • Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco
    Pace
    Estratto dal saggio "Coronavirus: dove porta la sua Arca papa Francesco-Noé?"

    Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco

    Allegato a questa pagina web vi è il saggio completo centrato su un nuovo rapporto fra etica e politica nella prospettiva di costruire una nuova coscienza storica in relazione ai drammatici problemi della nostra epoca.
    8 gennaio 2022 - Antonino Drago
  • Mai più l’arma nucleare
    Pace
    Per l’Appello di Stoccolma si realizzò la campagna più estesa dei partigiani della pace nel mondo

    Mai più l’arma nucleare

    Nell’Appello di Stoccolma i partigiani della pace proclamano: “Noi esigiamo l’assoluto divieto dell’arma atomica. Noi consideriamo che il governo il quale utilizzasse contro qualsiasi paese l’arma atomica, commetterebbe un crimine contro l’umanità e dovrà essere considerato come criminale di guerra"
    7 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)