Le sentinelle stanno in piedi

Ognuno è libero di esprimere le proprie idee in merito ad un fatto, di accettare o meno una determinata cosa, di lottare per difendere quello in cui crede. Ma una cosa me la chiedo insistentemente: non ci saranno motivi più gravi di questo, per cui pregare?
Giacomo Alessandroni11 ottobre 2014

L'articolo allegato è una raccolta di pensieri e opinioni su un recente fenomeno, un gruppo che si fa chiamare "Sentinelle in piedi", personaggi che non sono stati risparmiati nemmeno dalla graffiante parodia di Maurizio Crozza [1].

Le vignette, sono opera di Federico Burroni [2]. Tutti i testi sono stati raccolti all'interno di un gruppo FaceBook dove si è parlato dell'argomento, ad eccezione di due: uno di Claudio Rossi Marcelli [3], ed un secondo di cui non abbiamo rintracciato la fonte, per il quale restiamo a disposizione.

Sentinelle, in piedi!

Note: [1] Un estratto del monologo di Maurizio Crozza è visibile su YouTube.

[2] Disegnatore e blogger, qui trovate altre sue creazioni.

[3] Giornalista di Internazionale. Qui trovate i suoi articoli.

Allegati

  • Le sentinelle stanno in piedi

    Intervista: Giacomo Alessandroni - Disegni: Federico Burroni
    1142 Kb - Formato pdf

    Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Articoli correlati

  • 4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Editoriale

    4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una politica di disarmo, poiche' le armi sempre e solo uccidono gli esseri umani.
    Per questo sosteniamo la richiesta che l'Italia sottoscriva e ratifichi il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017.
    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che secondo autorevoli stime gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di settanta milioni di euro al giorno.
    29 ottobre 2018 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • Perché si diventa razzisti?
    Storia della Pace
    Uno studio condotto da ricercatori della Duke University e della Princeton University

    Perché si diventa razzisti?

    I razzisti sono persone che vivono male e che proiettano sugli altri il proprio disagio. E' nelle epoche di grande crisi economica e sociale - come la nostra - che serpeggia in razzismo come meccanismo di difesa
    3 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Oggi avremmo più che mai bisogno di una personalità rivoluzionaria e carismatica come Martin Luther King
    Pace
    A cinquanta anni dall'assassinio di Martin Luther King

    Oggi avremmo più che mai bisogno di una personalità rivoluzionaria e carismatica come Martin Luther King

    Razzismo e xenofobia minacciano di diffondersi nei cuori e nelle menti di molte persone assieme ad un egoismo sociale e politico che contrasta con i principi di solidarietà su cui si basa la nostra Costituzione. Avremmo bisogno ancora oggi di un visionario che dica a tutti: "I have a dream".
    1 aprile 2018 - Laura Tussi e Alessandro Marescotti
  • Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
    Cultura

    Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti

    La miniserie su Fabrizio Dé Andre e il Faber che dobbiamo far vivere nel quotidiano
    8 marzo 2018 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)