Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il governo del cambiamento (climatico)
    ILVA

    Il governo del cambiamento (climatico)

    Il ministro Di Maio plaude al taglio del 15% delle emissioni di gas serra con nuove tecnologie. Ma consentirà un aumento del 66% della produzione ILVA per aiutare Arcelor Mittal a fare profitti e per restituire alle banche creditrici quanto prestato in passato.
    14 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Ancora immunità penale per l'ILVA di Taranto
    Alla salute dei diritti umani

    Ancora immunità penale per l'ILVA di Taranto

    Al tempo dei Riva l'ILVA inquinava ma aveva un cane da guardia: la magistratura. Ora non più. Tanto a morire saranno dei meridionali, parenti prossimi di quegli immigrati che crepano in mare
    13 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • "L’ILVA ci dà da mangiare... e ci uccide”
    Reportage su ILVA dalla Francia

    "L’ILVA ci dà da mangiare... e ci uccide”

    A Taranto, in Italia, gli operai hanno votato per il piano di recupero della loro fabbrica inquinante da parte di Arcelor Mittal.
    25 settembre 2018 - Jérome Gautheret
  • Come i cafoni di Fontamara
    Taranto, il governo attuale continua a far funzionare impianti dell'ILVA posti sotto sequestro penale prospettando per di più un aumento della produzione e promettendo un impossibile taglio delle emissioni complessive

    Come i cafoni di Fontamara

    Il ministro Costa mi appare come il don Circostanza di Ignazio Silone, detto «l'amico del popolo», che riesce a convincere i cafoni che si lasciavano al podestà i tre quarti dell'acqua del ruscello (che serviva ai contadini per irrigare) e ai fontamaresi i tre quarti dell'acqua rimanente: «Così gli uni e gli altri avranno tre quarti, cioè, un po' di più della metà», concluse don Circostanza, dando poi a intendere che la sua proposta danneggiava enormemente il podestà. Nel nostro caso Arcelor Mittal.
    18 settembre 2018 - Alessandro Marescotti
Martedì 17 maggio voto definitivo per l'approvazione del disergno di legge sugli ecoreati

DDL sugli ecoreati, i rischi sul tappeto

Il procuratore di Civitavecchia, Gianfranco Amendola, nome storico delle lotte ambientali ed esperto di diritto ambientale, avverte che la nuova legge può oggettivamente essere "un incentivo a distruggere l’ambiente"
17 maggio 2015 - Carlo Gubitosa

Grillo celebra una legge votata assieme al PD e alla destra, che salva gli impianti inquinanti con le carte bollate a posto, e punisce solo il disastro ambientale causato "abusivamente", fornendo agli avvocati dell'Ilva e degli inquinatori un utilissimo avverbio come appiglio per i loro azzeccagarbugli.

ILVA di Taranto, foto di Luciano Manna / PeaceLink

Per il procuratore di Civitavecchia, Gianfranco Amendola, nome storico delle lotte ambientali ed esperto di diritto ambientale, “in caso di ipotesi colposa di disastro ambientale la pena massima prevista non supera i 5 anni di reclusione. Praticamente, meno di uno scippo o di un borseggio, la cui pena massima arriva a 6 anni!”

Per Amendola "la nuova legge prevede un “ravvedimento operoso” talmente benevolo (la diminuzione di pena dalla metà a due terzi, che comprende anche l’associazione a delinquere) da costituire, oggettivamente, un incentivo a distruggere l’ambiente. Tanto, il responsabile è sempre in tempo a pentirsi e ad uscirne praticamente senza danni”.

Il relatore della legge e' Salvatore Micillo (M5S) e il relatore di maggioranza è Alfredo Bazoli (Pd), il parlamentare che ritiene auspicabile “colpire magistrati resisi responsabili di provvedimenti abnormi e ingiustificati“, citando fra questi il “sequestro degli stabilimenti Ilva nel nord Italia”.

Cofirmatari quattro quinti del direttorio del M5S: Di Battista, Di Maio, Fico e Sibilia.

 

 

 

Note:

PeaceLink aveva lanciato una petizione per fermare il DDL e cambiarlo http://www.peacelink.it/ecologia/a/40142.html

L'iniziativa di PeaceLink ha suscitato una reazione di Legambiente, come si può leggere qui http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/09/ddl-ecoreati-guai-a-criticarlo/1665748/

Questa è la posizione del PD sul DDL ecoreati http://www.partitodemocratico.it/doc/277336/braga-calendarizzazione-ecoreati-il-19-maggio-un-ottima-notizia.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)