Mentre la fabbrica sta collassando

Il desiderio di sbirciare

Coloro che hanno inviato "manifestazioni di interesse" per l'acquisto dell'ILVA possono adesso sbirciare i conti in rosso dell'ILVA, guardarne i bilanci (che non sono pubblici da ben tre anni), prendere nota dello stato degli impianti e vedere (possibilmente) tutte le "carte riservate" di un concorrente
25 febbraio 2016

I CONCORRENTI DI ILVA POSSONO SBIRCIARE CON LA "DUE DILIGENCE"

Sapete perché diversi gruppi industriali hanno inviato al Governo Italiano manifestazioni di interesse per ILVA? ilva di taranto

Perché così - nella fase di "due diligence" - possono sbirciare sui conti in rosso dell'ILVA, guardare i bilanci (che non sono pubblici da ben tre anni), prendere nota dello stato degli impianti e vedere (possibilmente) tutte le "carte riservate" di un concorrente.

Ad esempio: qual è il costo effettivo di produzione dell'acciaio ILVA? Quali problemi di "qualità" presenta? Ci sono impianti che danno problemi alla qualità della produzione e che potrebbero causare richieste di risarcimento da parte dei clienti?

Questi dati sono dei segreti industriali che nessun gruppo vorrebbe comunicare ai concorrenti.

I potenziali acquirenti di ILVA vorranno sapere queste cose e tratteranno sul prezzo in relazione ai problemi riscontrati nella fase di "due diligence".

Arcelor Mittal - è apparso sulla stampa - ficcò il naso in quelle carte e questo creò disappunto nella precedente trattativa di acquisto poi fallita.

COSA E' LA "DUE DILIGENCE"...

L'espressione inglese "due diligence" (in italiano: dovuta diligenza) indica - si legge su Wikipedia - l'attività di investigazione e di approfondimento di dati e di informazioni relative all'oggetto di una trattativa. Il fine di questa attività è quello di valutare la convenienza di un affare e di identificarne i rischi e i problemi connessi, sia per negoziare termini e condizioni del contratto, sia per predisporre adeguati strumenti di garanzia, di indennizzo o di risarcimento.

...E LA "DATA ROOM"

I soggetti che formalizzano un interesse "sono attratti soprattutto dalla possibilità di avere accesso alla "data room" di Ilva, acquisendo informazioni importanti", si legge sul Sole 24 Ore.

ASPETTANDO LA FINE

Che l'acciao cinese metterà fine all'ILVA di Taranto non è un mistero, ma a Taranto molti dormicchiano ignorando il problema e in scettica attesa del crack finale. “La Cina ha una capacità di sovrapproduzione tale che può rifornire gli Stati Uniti, l’Unione europea e la Russia e altri paesi. Hanno una tale produzione che vendono sottocosto”, dice Andreas Goss, amministratore Delegato del gruppo Thyssenkrupp.

Vi è poi un altro sgradevole dato di fatto per chi non vuole vedere in faccia la realtà: non c'è più sufficiente richiesta di acciaio a livello mondiale. La Cina taglierà la produzione di acciaio fino a 150 milioni di tonnellate nei prossimi cinque anni. Lo ha deciso il governo cinese. In queste condizioni come potrà risollevarsi l'ILVA se persino la Cina taglia la produzione?

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)