Mentre la fabbrica sta collassando

Il desiderio di sbirciare

Coloro che hanno inviato "manifestazioni di interesse" per l'acquisto dell'ILVA possono adesso sbirciare i conti in rosso dell'ILVA, guardarne i bilanci (che non sono pubblici da ben tre anni), prendere nota dello stato degli impianti e vedere (possibilmente) tutte le "carte riservate" di un concorrente
25 febbraio 2016

I CONCORRENTI DI ILVA POSSONO SBIRCIARE CON LA "DUE DILIGENCE"

Sapete perché diversi gruppi industriali hanno inviato al Governo Italiano manifestazioni di interesse per ILVA? ilva di taranto

Perché così - nella fase di "due diligence" - possono sbirciare sui conti in rosso dell'ILVA, guardare i bilanci (che non sono pubblici da ben tre anni), prendere nota dello stato degli impianti e vedere (possibilmente) tutte le "carte riservate" di un concorrente.

Ad esempio: qual è il costo effettivo di produzione dell'acciaio ILVA? Quali problemi di "qualità" presenta? Ci sono impianti che danno problemi alla qualità della produzione e che potrebbero causare richieste di risarcimento da parte dei clienti?

Questi dati sono dei segreti industriali che nessun gruppo vorrebbe comunicare ai concorrenti.

I potenziali acquirenti di ILVA vorranno sapere queste cose e tratteranno sul prezzo in relazione ai problemi riscontrati nella fase di "due diligence".

Arcelor Mittal - è apparso sulla stampa - ficcò il naso in quelle carte e questo creò disappunto nella precedente trattativa di acquisto poi fallita.

COSA E' LA "DUE DILIGENCE"...

L'espressione inglese "due diligence" (in italiano: dovuta diligenza) indica - si legge su Wikipedia - l'attività di investigazione e di approfondimento di dati e di informazioni relative all'oggetto di una trattativa. Il fine di questa attività è quello di valutare la convenienza di un affare e di identificarne i rischi e i problemi connessi, sia per negoziare termini e condizioni del contratto, sia per predisporre adeguati strumenti di garanzia, di indennizzo o di risarcimento.

...E LA "DATA ROOM"

I soggetti che formalizzano un interesse "sono attratti soprattutto dalla possibilità di avere accesso alla "data room" di Ilva, acquisendo informazioni importanti", si legge sul Sole 24 Ore.

ASPETTANDO LA FINE

Che l'acciao cinese metterà fine all'ILVA di Taranto non è un mistero, ma a Taranto molti dormicchiano ignorando il problema e in scettica attesa del crack finale. “La Cina ha una capacità di sovrapproduzione tale che può rifornire gli Stati Uniti, l’Unione europea e la Russia e altri paesi. Hanno una tale produzione che vendono sottocosto”, dice Andreas Goss, amministratore Delegato del gruppo Thyssenkrupp.

Vi è poi un altro sgradevole dato di fatto per chi non vuole vedere in faccia la realtà: non c'è più sufficiente richiesta di acciaio a livello mondiale. La Cina taglierà la produzione di acciaio fino a 150 milioni di tonnellate nei prossimi cinque anni. Lo ha deciso il governo cinese. In queste condizioni come potrà risollevarsi l'ILVA se persino la Cina taglia la produzione?

Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)