La memoria non basta più, abbiamo l'obbligo di vigilare adesso sulla barbarie di oggi

Giornata della Memoria

Ritornano i nazionalismi, c’è chi istiga a vedere come minaccia i poveri del mondo. Dobbiamo indignarci e stare all’erta perché la follia dell’uomo non osi più e perché mai più si verifichi l’abominio. Mai più l’uomo brutalizzi l’uomo
26 gennaio 2017

La memoria non basta più. Giorno della Memoria

Per i tempi che corriamo ricordare non è sufficiente.

Dobbiamo indignarci e stare all’erta perché la follia dell’uomo non osi più,  faccia un passo indietro, perché mai più si verifichi l’abominio. Il 27 gennaio 1945, giorno dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz da parte dell’esercito russo, deve rivestirsi del connotato della vigilanza.

Mai più l’uomo brutalizzi l’uomo.

La follia del mondo sembra invece essere dietro l’angolo.

Ritornano i nazionalismi, c’è chi istiga a vedere come minaccia i poveri del mondo in migrazione da sempre, la mussoliniana autarchia torna in auge, il capitalismo sente la minaccia delle maggioranze diseredate e propone antistoriche revisioni delle carte fondanti dei Paesi, i muri di separazione assurgono a icona del nostro tempo.

Abbiamo l’obbligo di vigilare soprattutto perché il nazismo non è ancora morto in alcuni sparuti gruppuscoli e il fascismo ha smesso il manganello e l’olio di ricino ma è ancora vivo nelle logiche di sopraffazione di precise minoranze.

Dobbiamo vigilare sui progetti di dominio dell’alta finanza, sui progetti imperialistici, sui mercanti di armi che fomentano le guerre.

Dobbiamo vigilare perché la minaccia dello sterminio è sempre annidata nel lato oscuro dell’uomo. Il 27 gennaio deve essere ricordato ai giovani che oggi a fatica possono immaginare tanta violenza, tanto piacere per la sopraffazione. A questi giovani va prospettato un mondo solidare e un futuro fondato sul rispetto di ogni altro uomo.

Ogni altro uomo è mio fratello, anch’egli come me vive la fragile condizione di ogni essere umano. 

Articoli correlati

  • Nessuno e' libero finche' qualcuno e' schiavo
    Pace
    Quando finira' questa vergogna?

    Nessuno e' libero finche' qualcuno e' schiavo

    Nelle campagne italiane da anni si sta riproducendo un regime di schiavitu' e di segregazione, di effettuale apartheid, governato dittatorialmente dai poteri mafiosi, dall'economia illegale, dal caporalato.
    22 maggio 2020 - Peppe Sini
  • L'ultimo film di Checco Zalone
    Cultura
    Affronta il problema dei migranti

    L'ultimo film di Checco Zalone

    «Tolo Tolo» è un film politico, palesemente «antisalviniano». Le battute ci sono ma vengono inserite in un contesto talmente amaro che la risata a volte si strozza in gola. «Tolo Tolo» può davvero cambiare, almeno un po’, il sentimento dell’italiano medio verso i migranti.
    4 gennaio 2020
  • Venerdi 27 dicembre giornata di mobilitazione nazionale indetta dal Tavolo Asilo
    Migranti
    Comunicato del Tavolo Asilo nazionale

    Venerdi 27 dicembre giornata di mobilitazione nazionale indetta dal Tavolo Asilo

    In tutta Italia si torna in piazza per chiedere di ripristinare gli Sprar e il ritiro di due circolari del Ministero degli Interni per garantire a tutti i richiedenti asilo e rifugiati presenti nel nostro Paese una accoglienza dignitosa, nel rispetto della Costituzione.
    22 dicembre 2019 - Tavolo Asilo nazionale
  • Eugenio Melandri, una vita per la Pace e gli ultimi
    Pace

    Eugenio Melandri, una vita per la Pace e gli ultimi

    Un ricordo a poche ore dalla scomparsa terrena
    27 ottobre 2019 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)