Aveva 93 anni

"Sono felice, non ho paura di morire", addio ad Adrea Camilleri

Rendiamo omaggio ad Andrea Camilleri, grande scrittore, cittadino appassionato, custode di valori che appartengono all'Italia civile.
17 luglio 2019
Redazione PeaceLink

Andrea Camilleri

Andrea Camilleri aveva detto: "Il consenso degli italiani alle posizioni più estremiste rivela il nostro lato peggiore, a cominciare dal razzismo. A un passo dalla morte mi trovo a lasciare ai miei nipoti e ai miei pronipoti un’Italia che non mi aspettavo di lasciare in eredità. Mi sento di avere fallito il mio compito, come cittadino italiano. E mi pesa molto".

Camilleri aveva aggiunto anche: "Non riconosco più gli italiani, in questo consenso così vasto alle tesi salviniane. È un modo di ragionare che fino a qualche tempo fa non ci apparteneva, non era degno di noi".

Nonostante la sua amarezza per le vicende civili e politiche, Andrea Camilleri ha saputo dare un'immagine positiva del viaggio della vita, cercando anche nella cecità che lo aveva colpito i lati positivi ("non ci vedo più ma i miei sogni sono a colori").

"Sono felice, non ho paura di morire", così ci lasciato Andrea Camilleri, grande scrittore, cittadino appassionato, custode di valori che appartengono alla storia dell'Italia civile.

Articoli correlati

  • No al finanziamento della cooperazione con il Governo libico e la sua cosiddetta Guardia Costiera
    Migranti
    Appello ai parlamentari italiani

    No al finanziamento della cooperazione con il Governo libico e la sua cosiddetta Guardia Costiera

    Ci opponiamo ai crimini contro l’umanità che vengono quotidianamente perpetrati sia nel deserto al confine Sud, che nei lager e nella cosiddetta SAR libica, ormai documentati dalla stampa e dalle stesse Nazioni Unite.
    10 giugno 2021 - Mani Rosse Antirazziste
  • La nonviolenza efficace: nuova prassi educativa
    Pace
    Il diritto internazionale è la nonviolenza efficace

    La nonviolenza efficace: nuova prassi educativa

    La nonviolenza efficace è capace di risolvere in modo determinante i conflitti politici reali secondo una strategia che sa trasformare i gruppi umani “nemici” in gruppi umani “amici”
    3 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Scuola. Le classi di accoglienza
    Sociale
    La scuola e la popolazione multiculturale

    Scuola. Le classi di accoglienza

    L’Educazione per una Cittadinanza Globale a partire dalle Classi di accoglienza
    6 febbraio 2021 - Laura Tussi
  • La bambina e la gang
    Pace
    Razzismo negli Usa

    La bambina e la gang

    Aveva sei anni e solo con la scorta riusciva a entrare in classe. Nel 1960 Ruby Bridges fu la prima afroamericana della sua scuola a New Orleans. All'esterno, una combriccola aggressiva le faceva la posta, un gruppo di donne ostili le rese la vita un inferno
    22 novembre 2020 - Jasmin Lörchner
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)