Solidarietà di PeaceLink a don Palmiro Prisutto

Beati gli Ignavi

C'è un filo invisibile che collega la rimozione di don Palmiro e l'impunità promessa dalla controriforma della giustizia. Il filo invisibile è la glorificazione dell'ignavia e della rassegnazione, tanto vincono i più forti. Ma noi ai più forti promettiamo resistenza, resistenza e ancora resistenza.
11 agosto 2021
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)

Don Palmiro Prisutto

L'arcivescovo di Siracusa Francesco Lomanto ha deciso la rimozione di don Palmiro Prisutto.

Don Palmiro ha annunciato l'intenzione di "impugnare il decreto perché non posso accettare una
decisione iniqua e ingiusta".

A don Palmiro va tutta la solidarietà di PeaceLink.

Quanto è più comoda la vita degli ignavi che non si impegnano e che fanno finta di non vedere, eh? E che dire di quelli che inquinano e fanno donazioni alla Chiesa?

Quanto sarà più facile la vita di chi inquina da ora in poi.

Potrà sperare anche di farla franca più facilmente se il processo in Cassazione, con la nuova riforma della giustizia in discussione al Parlamento, durerà dodici mesi e un giorno. E se sotto processo c'è chi ha provocato una disastro ambientale? Chi se ne importa, l'importante è che i processi abbiano "tempi certi", e se durano un giorno in più... vanno in fumo.

C'è una irragionevole volontà di negare giustizia. Una irragionevole volontà negativa che avanza, e che richiede resistenza.

Chiudi
Occorre ricordare che la messa del 28 di ogni mese, quella in cui vengono letti i nomi delle persone decedute per cancro, è stata considerata come un elemento di indubbia validità positiva in molti ambienti: magistratura, società civile, ecclesiale (dentro e al di fuori della nostra Diocesi) e perfino dalla stessa Conferenza episcopale italiana che ha valutato questa messa come degna di essere menzionata come una delle attività meritorie dei sacerdoti italiani.
Purtroppo, ad Augusta, questa stessa messa, con la lettura di tutti quei nomi, da qualcuno (nell’ambito di qualche confraternita augustana) è stata definita “macabro rituale”.
Don Palmiro Prisutto 

C'è un filo invisibile che collega la rimozione di don Palmiro e l'impunità promessa dalla controriforma della giustizia. Il filo invisibile è la glorificazione dell'ignavia e della rassegnazione, tanto vincono i più forti. Anche se hanno rubato, distrutto, ucciso la speranza.

Ma l'unica cosa decente da fare è promettere a noi e alle generazioni a venire resistenza, resistenza e ancora resistenza. E' il nostro compito, forse è il nostro ultimo compito rimasto come uomini liberi.

Potranno avere il potere ma non la ragione, potranno conquistare il consenso degli ignavi ma non il nostro.

#iostocondonpalmiroprisutto (Facebook)

Twitter

Sociale.network

Note: Firma la petizione di PeaceLink per cambiare la riforma della Giustizia cliccando su https://www.peacelink.it/ecoreati

Per approfondimenti: "Chi avvelena la Sicilia" (Marina Forti) https://www.internazionale.it/reportage/2015/04/17/sicilia-petrolchimico

Articoli correlati

  • Sosteniamo don Palmiro Prisutto, “sacerdote di frontiera”
    Ecologia
    Lettera a Papa Francesco

    Sosteniamo don Palmiro Prisutto, “sacerdote di frontiera”

    Sono una docente di lettere di Augusta e come tale quotidianamente investita del delicato, difficile e bellissimo compito di educare i ragazzi che vivono accanto al polo petrolchimico più grande d’Europa. La notizia della rimozione del nostro sacerdote ha suscitato sconforto e smarrimento.
    11 agosto 2021 - Valeria Paci
  • Relazione su Augusta, Melilli, Priolo
    Ecologia
    Dossier

    Relazione su Augusta, Melilli, Priolo

    Una raccolta aggiornata di informazioni relative al SIN (Sito di Interesse Nazionale) di Priolo
    16 aprile 2021 - Associazione PeaceLink
  • Punta Izzo e tutela delle coste, 6 domande agli aspiranti Sindaco
    Disarmo
    Per un'informazione civile che vada oltre spot e comizi senza contraddittorio

    Punta Izzo e tutela delle coste, 6 domande agli aspiranti Sindaco

    Sono 5 i candidati in corsa per la poltrona di Sindaco alle elezioni municipali di Augusta del 4 e 5 ottobre. A loro gli attivisti di Punta Izzo Possibile hanno rivolto 6 domande sui temi della tutela del paesaggio e del patrimonio costiero. Beni comuni primari da difendere.
    19 settembre 2020 - Gianmarco Catalano
  • Punta Izzo, pascolo in area potenzialmente contaminata
    Disarmo
    Comune di Augusta, associazioni diffidano la Marina militare

    Punta Izzo, pascolo in area potenzialmente contaminata

    Un avviso di Marisicilia mette a bando i terreni dell'ex poligono per farvi pascolare gli animali. Obiettivo: aprire la zona militare alle mandrie per controllare la vegetazione. Ma gli attivisti non ci stanno e denunciano i rischi sanitari e i possibili danni al patrimonio naturale
    10 gennaio 2020 - Coordinamento Punta Izzo Possibile, Natura Sicula Onlus
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)