I sessanta anni della marcia Perugia Assisi e i trent'anni di PeaceLink

Unire il popolo della pace

In questi trent'anni ci siamo orientati sullo spirito della "omnicrazia" che abbiamo declinato nel versante digitale precorrendo i tempi della rivoluzione telematica che ha cambiato il mondo. Mentre la violenza e il fascismo tentano di mettere radici nella società, continuiamo a creare link di pace.
11 ottobre 2021

Dopo sessanta anni dalla prima marcia di Aldo Capitini, la gente ha ripercorso la stessa strada, da Perugia ad Assisi.

E' stato bello vedere alla Marcia per la pace Perugia Assisi la grande, enorme bandiera arcobaleno muoversi sorretta da molte persone. Un lungo serpentone colorato che ha unito l'impegno e le speranze di giovani e meno giovani. Sorretto da tante mani. Da tanti cuori.

PeaceLink ha ampiamente pubblicizzato la marcia. Ma, nel movimento pacifista, non tutti lo hanno fatto quest'anno. In autorevoli siti web non appariva neppure l'annuncio.

Perché? 

Purtroppo si è da tempo creata nel movimento pacifista una divaricazione. Una divaricazione che avrà delle ragioni, non lo metto in dubbio. Ragioni che tuttavia il 99% del popolo della pace non conosce e che io stesso fatico a capire fino in fondo, e che per questo non discuterò qui.

Di una cosa però sono sicuro: PeaceLink continuerà a lavorare perché, come trent'anni fa, ogni iniziativa pacifista trovi spazio nella sua rete telematica, nata nel mese di ottobre del 1991. Il 23 ottobre 1991 appariva su un giornale la prima notizia della nascita di PeaceLink

PeaceLink è stata la prima rete telematica pacifista in Italia.

Oggi abbiamo un calendario su cui tutti possono inserire eventi pacifisti e un network sociale libero costruito da noi e aperto a chiunque voglia promuovere la pace e il disarmo.

Chiunque può collaborare e scrivere.

Il sito di PeaceLink è letto tantissimo da studenti e insegnanti. E non smetterà di essere un punto di riferimento per tutto il movimento pacifista. Lo striscione di PeaceLink alla marcia Perugia-Assisi del 1999

In questi trent'anni abbiamo conosciuto tutte le difficoltà che hanno travolto tanti, ma siamo riusciti a sopravvivere e a rilanciarci, innovando le idee, le tecnologie e l'impegno. Oggi ognuno può aderire a PeaceLink per dare un contributo al movimento pacifista.

Lo spirito di apertura della nostra rete è basato sulla parola: collegamento di pace. Peace-Link. Ci orientiamo sullo spirito di Aldo Capitini, di quella omnicrazia che PeaceLink ha declinato sul versante digitale precorrendo i tempi della rivoluzione telematica che ha cambiato il mondo.

Mentre nella società si agitano pulsioni violente e razziste, mentre assistiamo ad azioni eversive di marca neofascista, il movimento per la pace costituisce una risorsa importante da tenere unita, il più possibile, perché recupera e fa rivivere gli ideali di speranza e di genuino impegno civile che hanno animato l'Italia migliore, che ha visto assieme Aldo Capitini, Giorgio La Pira, padre Ernesto Balducci, don Lorenzo Milani, Tiziano Terzani, Gino Strada e tanti altri.

Unire il popolo della pace è più che mai urgente in questo momento in cui la violenza e il fascismo tentano di mettere radici nella società, creando un torbido fanatismo reazionario in cui è cancellata l'idea di solidarietà e di umanità, e in cui è spenta ogni ragione, persino quella dell'evidenza scientifica.

Articoli correlati

  • Il mediattivismo pacifista
    Pace
    Riflessioni sulla tattica della comunicazione nonviolenta

    Il mediattivismo pacifista

    Il movimento per la pace dovrebbe imparare a dire verità scomodissime, a cercarle e documentarle rapidamente. Occorre smentire le bugie di guerra subito e non un mese dopo. La velocità della comunicazione è fondamentale per gestire il conflitto informativo in modo efficace.
    11 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Discorso all'ONU
    Ecologia
    Nel giorno dedicato alla nonviolenza una delegazione delle Nazioni Unite è giunta a Taranto

    Discorso all'ONU

    Dopo il 2012 vi sono stati eccessi di mortalità nei quartieri più vicini alle emissioni inquinanti dell'ILVA. Questi eccessi di mortalità sono avvenuti al ritmo di circa cento morti in più all'anno rispetto all'atteso. I responsabili di tutto ciò andrebbero deferiti a un tribunale internazionale.
    Alessandro Marescotti
  • Cambiare social si può: da Facebook a Mastodon
    CyberCultura
    Alternative concrete allo strapotere dei social proprietari.

    Cambiare social si può: da Facebook a Mastodon

    Risposta all'articolo "E' il momento di cambiare i social" di Riccardo Luna (Repubblica, 5 ottobre 2021)
    5 ottobre 2021 - Nicola Vallinoto
  • I dossier sulla pace, l'ecologia e la cittadinanza attiva
    PeaceLink
    Guida all'uso di PeaceLink

    I dossier sulla pace, l'ecologia e la cittadinanza attiva

    Per meglio comprendere le tematiche si cui si occupa PeaceLink, pubblichiamo qui un elenco di dossier che servono a fornire una documentazione di massima delle questioni da conoscere e delle risorse messe a disposizione dal sito.
    30 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)