Guerra al cancro l'unica guerra giusta

Il digiuno ad oltranza di Francesco Ruggieri, presidente dell'Associazione "Aiutiamo Ippocrate" impegnata da anni nella lotta al cancro, e' un gesto coraggioso e importante per una citta' come Taranto che svetta in Italia per incidenza di tumori.
26 luglio 2000

Stiamo diffondendo su Internet l'appello a livello nazionale tramite PeaceLink.

La richiesta di "Aiutiamo Ippocrate" - sintetizzata nell'appello "un polo oncologico jonico, DEVE ESSERE INSTALLATO ED AVVIATO PRIMA DELLA FINE DELL'ANNO IN CORSO" - va considerata come il piu' importante atto politico da raggiungere per la citta' di Taranto.

Occorre inoltre intervenire alla radice per combattere i veleni delle fabbriche della morte. E' impensabile ad esempio che a Taranto ogni cittadino avverta con disgusto e con il proprio naso la puzza insopportabile nell'area della raffinera e che nessuna centralina antiinquinamento sia piazzata li' dove nasce il problema. Quanto silenzio, quante bocce cucite, quanta indifferenza, quanta superficialita', quante vite si potrebbero salvare.

Dice Francesco Ruggieri "Mentre il destino della nostra Città e della intera Provincia Jonica è quello di assistere ad un progressivo ed esponenziale aumento delle malattie da inquinamento, e in particolare di quelle tumorali, nulla si è ancora fatto - in concreto - per fronteggiare l'impatto ambientale della industria pesante e degli altri insediamenti produttivi del territorio (raffineria e cementificio). Continuiamo ad attendere che si definisca, una volta per tutte, la questione dell'acceleratore lineare. Il rischio concreto è che si arrivi al periodo delle grandi ferie estive con un nulla di fatto."

Il valore di questo digiuno ad oltranza lo troviamo anche nell'appello ad ognuno di noi "Il cancro non va in ferie e così le nostre coscienze".

L'acceleratore lineare per l'avvio del polo oncologico a Taranto va installato subito. La classe politica tarantina non puo' - nella sua gran maggioranza - piegarsi solo ai poteri forti e poi scordarsi dei cittadini. Per la nuova base navale e per costruire le portaerei (4 mila miliardi per la nuova portaerei Einaudi) i soldi ci sono sempre. Per un progetto ben piu' utile e dal costo mille volte inferiore (l'acceleratore lineare costa 3,5 miliardi) i soldi non ci sono mai perche'?

Per saperne di piu' clicca su
http://www.infinito.it/utenti/aiutiamoippocrate
aiutiamoippocrate@infinito.it

Articoli correlati

  • Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare
    Disarmo
    Dopo il progetto di rifacimento del poligono a Punta Izzo e nuove antenne nel Siracusano

    Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare

    Da mesi si susseguono incontri e trattative istituzionali, ma nessuna trasparenza sui progetti e sulle potenziali ricadute ambientali. Eppure i cittadini hanno il diritto e il dovere di sapere.
    19 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
  • Convegno a Taranto:
"Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"
    Taranto Sociale
    Comunicato di Medicina democratica

    Convegno a Taranto: "Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"

    "I cittadini e i lavoratori di Taranto hanno ragioni “da vendere”- ha aggiunto Caldiroli- per pretendere la chiusura o almeno una drastica riduzione dell'impatto dei processi produttivi maggiormente inquinanti (in particolare dell’area a caldo) degli impianti ex ILVA di Taranto.
    12 aprile 2019 - Medicina democratica
  • Ecologia
    VIS e VDS: traguardi raggiunti e ulteriori passi avanti da compiere

    In che modo la valutazione di impatto e la valutazione di danno possono tutelare la salute?

    La differenza tra valutazione di danno e valutazione di impatto è articolata: la più immediata è che il danno sanitario si valuta a posteriori (ex-post), quando eventi ambientali e sanitari connessi sono già accaduti, mentre l’impatto sanitario si quantifica preventivamente (ex-ante) stimando ciò che è prevedibile accada a seguito di cambiamenti ambientali e sanitari connessi.
    22 ottobre 2018 - Fabrizio Bianchi
  • Ecologia

    Dossier benzo(a)pirene

    Tratta della natura cancerogena e genotossica del benzo(a)pirene e della salute dei bambini. A cui si aggiunge la parte su come è cambiata la normativa con il dlgs 155/2010
    2 febbraio 2011 - PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)