Mentre i pacifisti sostenevano la mobilitazione non-violenta in Kossovo, i "potenti della terra" facevano finta di niente

Kossovo quando l'indifferenza genera guerra

Su PeaceLink ci eravano già occupati del Kossovo dando informazioni sulla mobilitazione non-violenta promossa dalla Campagna Kossovo il 10 ottobre 1997. Scrivevamo: "Ma perche' la comunita' internazionale intervenga per il rispetto dei diritti umani in Kossovo occorre che il conflitto si espasperi e degeneri in guerra? Come mai la non-violenza sembra non attirare l'attenzione della comunita' internazionale? E' proprio vero cio' che pensano i nazionalisti, ossia che solo con la guerra si puo' contare nelle trattative internazionale?"
Questi interrogativi sono oggi di drammatica attualità e pesano sulla coscienza indifferente dei capi di governo. Riportiamo questa settimana una sintesi dell'appello della Campagna Kossovo per una soluzione non-violenta del conflitto.

<font FACE="Kana" SIZE="4"><p ALIGN="CENTER">APPELLO</p></font>

 

Al Segretario Generale dell’ONU e ai membri del Consiglio di Sicurezza

All’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani

Al Chairman in Office dell’OSCE

Alla Presidenza e all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa

Alla Presidenza dell’Unione Europea

Al Presidente del Parlamento Europeo

Al Gruppo di Contatto

A tutti i media internazionali

 

 

NOI, Organizzazioni Non Governative e Associazioni di base, impegnate da molti anni per una soluzione pacifica e non-violenta della questione del Kossovo, riuniti a Bolzano per esaminare la situazione in Kossovo, estremamente scossi dalle recenti azioni violente che hanno causato morti, feriti e l’arresto di cittadini inermi, che esasperano la tensione e provocano una reale minaccia alla pace regionale

 

VOGLIAMO SOTTOLINEARE CHE

 

1. Non é possibile giustificare gli attacchi della Polizia serba e dell’Esercito che hanno avuto luogo a partire dal 28 Febbraio nella zona di Drenica come operazioni anti-terrorismo. Il cannoneggiamento di case private, l’uccisione di civili, compresa una donna incinta e persone dai 16 ai 70 anni, la mutilazione di cadaveri, sono palesi violazioni dei diritti umani.

2. Il prevedibile effetto di questa operazione non é l’eliminazione del cosiddetto Esercito di Liberazione del Kossovo (UCK), ma il rafforzamento delle simpatie popolari tra gli albanesi del Kossovo per una lotta violenta e armata. La politica non-violenta perseguita per 10 anni ha sinora prevenuto l’estendersi della guerra nella regione del Kossovo. La mancanza di miglioramenti della situazione ed i recenti attacchi possono seriamente danneggiare questa opzione non-violenta.

3. Ancora ci sono forze che possono continuare la politica non-violenta, ma il loro compito é impossibile senza un radicale cambiamento dell’atteggiamento pratico, il supporto e l’effettivo aiuto della comunità internazionale.

4. Le proteste pacifiche (violentemente represse) organizzate dall’Unione Indipendente degli Studenti dell’Università di Prishtina (UPSUP), sono un chiaro esempio di un movimento non-violento per ottenere il ritorno negli edifici scolastici e universitari. Questo obiettivo é in effetti lo stesso previsto dall’Accordo Milosevic-Rugova sull’educazione, di cui molti governi e organizzazioni internazionali hanno chiesto l’implementazione per più di 18 mesi.

5. E' molto importante che le elezioni in Kossovo (del Parlamento e della Presidenza dell´auto-proclamata Repubblica di Kosova) previste per il 22 di marzo, si svolgano in maniera pacifica. In questo momento critico, in cui UCK sta acquistando sempre maggior visibilità é molto importante lasciare uno spazio di espressione al popolo albanese per un’alternativa democratica.

LA QUESTIONE DEL KOSSOVO E' UNA QUESTIONE INTERNAZIONALE; CHE RISCHIA L’ESCALATION VERSO UNA NUOVA GUERRA NEI BALCANI. LA COMUNITA' INTERNAZIONALE DEVE ADOTTARE LE SEGUENTI MISURE:

 

  • Premere con la massima forza sul governo della Repubblica Federativa di Jugoslavia (Serbia e Montenegro) per fermare immediatamente le operazioni militari e la repressione poliziesca in Kossovo, anche tramite la reimposizione delle sanzioni economiche.
  • Richiedere con la massima forza il ritiro delle forze poliziesche e militari recentemente dispiegate in Kossovo, e la smobilitazione delle organizzazioni paramilitari, di civili e profughi armati. Nello stesso tempo i partiti albanesi del Kossovo devono chiedere la fine immediata di ogni atto dell’UCK. La prospettiva dovrebbe essere di Un Kossovo smilitarizzato.
  • Organizzare l’accesso delle organizzazioni internazionali umanitarie a tutto il territorio del Kossovo senza limitazioni, specialmente nelle zone dove è necessario soccorso medico d’emergenza.
  • Creare immediatamente una commissione ad hoc delle Nazioni Unite per scoprire la verità sui massacri di Drenica, e incaricare il Tribunale Penale Internazionale per la ex-Jugoslavia di investigare su di essi.
  • Assicurare una presenza internazionale (membri dei governi democratici, parlamentari, organizzazioni internazionali, associazioni della società civile e partiti politici, media internazionali) alle manifestazioni degli studenti previste per venerdì 13 marzo e alle elezioni di domenica 22 marzo.
  • Premere per il ritorno degli osservatori dell’OSCE, espulsi nel 1993, e ristabilire la loro presenza su tutto il territorio del Kossovo.
  • Scegliere un Alto Rappresentante Internazionale per affrontare il problema del Kossovo, con un mandato forte per implementare misure di confidence building: normalizzazione nei campi dell’istruzione, della salute, della giustizia. dei media e della pubblica amministrazione.
  • ORGANIZZARE UNA CONFERENZA GOVERNATIVA INTERNAZIONALE PER RISOLVERE I PROBLEMI REGIONALE DEI BALCANI ENUNCIANDO PRINCIPI CONDIVISI E APPLICANDOLI COERENTEMENTE.

 

 

 

Campagna per una Soluzione Non-violenta in Kossovo (Italia)

Società per i Popoli Minacciati (Sud Tirolo, Italia)

Fondazione Bertelsmann (Germania)

Assemblea dei Cittadini di Helsinki

Movimento per un’Alternativa Nonviolenta - MAN (Francia)

Pax Christi Internazionale

Peaceworkers (USA)

 

Bolzano, 8 marzo 1998

E in particolare segnaliamo i contatti chiave per avere informazioni aggiornate sulla Campagna Kossovo:

Segreteria Campagna Kossovo
c/o Etta Ragusa
c.p. aperta 8
Grottaglie (TA)
tel.099/5662252-5661344

Per la posta elettronica:
Simone Ginzburg
Via Lionello Spada 49
40129 Bologna Italia
tel: 051/6310081
ginzburg@area.bo.cnr.it

Articoli correlati

  • Paesaggi Kosovari, 1998-2018
    Cultura
    Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace

    Paesaggi Kosovari, 1998-2018

    Progetto PRO.ME.T.E.O.
    Libro di Gianmarco Pisa. Recensione di Laura Tussi. Edizioni Multimage
    20 settembre 2019 - Laura Tussi
  • Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga
    Conflitti
    La verità nascosta

    Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga

    Una guerra voluta dalla Nato e che D'Alema difese perfino in un libro titotalo "Gli italiani e la guerra"
    15 dicembre 2010 - Alessandro Marescotti
  • Migranti

    I Rom: dal Kosovo al Casilino 900

    Storia incredibile di alcune famiglie rom, imparentate tra loro, che dagli anni novanta in poi, quando il clima sociale e politico in Kosovo cominciava a farsi pesante, lasciarono le loro case per raggiungere l'Italia. Pensavano di essersi lasciati alle spalle l'inferno. Arrivarono, invece, al CASILINO 900.
    10 settembre 2009 - Raffaele Coniglio
  • D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato
    Pace
    L'appello pubblico di PeaceLink: "Bisogna chiedere scusa alle vittime innocenti"

    D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato

    Il messaggio è arrivato ai suoi indirizzi e-mail, che vengono letti dai suoi assistenti, tra l'altro pagati anche con i nostri soldi. Il risultato è stato il silenzio assoluto. Questa è la coscienza di Massimo D'Alema.
    28 maggio 2009 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)